edilizia-settore-in-sofferenza-fra-sregolatezze-e-covid
Un mercato 'sotto pressione' (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
2 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
2 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
4 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
5 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
5 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
5 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
5 ore

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Luganese
5 ore

I modi di dire: origini, significati e curiosità

Incontro alla Biblioteca cantonale di Lugano con il linguista Ottavio Lurati e Luca Saltini
Ticino
5 ore

Riduzione tasso di conversione Ipct, ‘mobiliteremo il personale’

Il passaggio dal 6,3 al 5 comunicato dalla Cassa pensioni cantonale non piace affatto al sindacato Vpod, che annuncia battaglia
Mendrisiotto
5 ore

Prima tappa momò dello Street Food Village

L’evento organizzato dal team di saporiedissapori.ch si terrà venerdì 27 e sabato 28 maggio sul posteggio di viale Volta a Chiasso
Luganese
5 ore

Il Circo Knie e il futuro: quale terreno per il carrozzone?

Interrogazione al Municipio di Lugano del consigliere comunale Ppd Luca Campana per conoscere la prossima destinazione degli spettacoli
Luganese
6 ore

Scollinando in compagnia per la dodicesima volta

Si terrà domenica 12 giugno l’evento enogastronomico che si dispiega in undici comuni della collina Nord di Lugano
Bellinzonese
6 ore

Altro passo avanti per il nuovo quartiere Officine di Bellinzona

La documentazione relativa alla variante di Piano regolatore sarà consultabile dal 30 maggio al 28 giugno al Dicastero territorio e mobilità di Sementina
Ticino
6 ore

‘Che anche i docenti sopra il 50% possano diventare deputati’

Lo chiede un’iniziativa elaborata dell’Mps. Movimento che inoltre lunedì in Gran Consiglio presenterà 5 emendamenti per aiuti allo studio fino ai 60 anni
Luganese
6 ore

Polizia del Vedeggio: il clima si fa più teso

Cresce il malumore all’interno del Corpo dopo l’inchiesta amministrativa. E il vicecomandante, sospeso, ricorre al Consiglio di Stato
Ticino
6 ore

Imposte di circolazione: Ppd, Lega e Udc tirano dritto e firmano

In Gestione accelerata sulla riduzione del balzello chiesta dai popolari democratici. Gli altri partiti: una forzatura, mancano le risposte del governo
19.11.2020 - 20:49
Aggiornamento : 22:39

Edilizia, settore in 'sofferenza'. Fra sregolatezze e Covid

I sindacati Ocst e Unia denunciano nuovi fenomeni e timori per un mercato del lavoro sempre più 'sotto pressione'

Salari taglieggiati. Caporali che si occupano di ingaggiare gli operai e di intascare una percentuale. Annunci per muratori a cottimo e subappalti di comodo, per non parlare dei fallimenti... a scopo di lucro. Negli ultimi anni in Ticino (come nel resto della Svizzera) sono diversi i volti che il sottobosco del settore edile ha saputo mostrare. A volte gli abusi vengono denunciati, nonostante sia difficile per un lavoratore trovare il coraggio di uscire allo scoperto. A volte i casi finiscono in un'aula di tribunale e le accuse portano a una condanna; anche se non succede sempre. In Ticino, va detto, alcune sentenze hanno messo dei punti fermi. A cominciare dal caso, il primo una decina di anni fa, di una impresa del Sopraceneri portato alla luce (e in Pretura) dal sindacato Unia. Se chiedete, però, a chi come Dario Cadenazzi, responsabile edilizia di Unia Ticino, i cantieri li conosce, come vede la situazione, essere ottimisti è assai arduo. «L'attualità è difficile - ammette a 'laRegione' - e il futuro ha tinte fosche se non nere». Troppe, ci fa capire, le pressioni a cui è sottoposto oggi il mercato del lavoro. «E il Covid-19 non ha fatto altro che accelerare i problemi». Il risultato? Un settore in sofferenza nel Mendrisiotto, esemplifica; confrontato con un «contesto di sottocosto e concorrenza» per accaparrarsi appalti e concorsi. Così a fare le spese per chi non rispetta le regole ci sono pure le ditte, storiche in primis, che stanno ai contratti.

'Parlarne ha aiutato a contenere il fenomeno'

Parlare di problemi e abusi, comunque, ha aiutato. Sollevare il velo sulle situazioni di mala edilizia in cui si sono imbattuti i sindacati Ocst e Unia nel tempo ha contribuito a modificare taluni comportamenti. Paolo Locatelli, segretario Ocst, lo ha toccato con mano. «In generale, dopo le ripetute denunce, anche pubbliche, portate avanti dei sindacati, Ocst come Unia, nel settore dell'edilizia, il fenomeno si è un po' 'ristretto'. Non è più così diffuso come tre-cinque anni orsono. In altre parole, c'è stata un'opera di 'prevenzione' che ha fatto in modo che questi reati diminuissero. Sia chiaro, che non esistano più faccio fatica a crederlo. Credo, semmai, che si agisca con maggiore furbizia. Non ci si fa più sorprendere con manovre maldestre, come quella di consegnare in mano un salario da 4mila franchi, salvo poi farsene restituire una parte un attimo dopo».

La crisi mette alle strette i lavoratori

Locatelli rende, però, attenti su un altro aspetto tutt'altro che trascurabile. Se è vero che in tribunale non appare semplice dimostrare l'esistenza dell’usura con lo sfruttamento dello 'stato di bisogno', si fa strada la tendenza da parte degli operai di accettare il patto, sebbene in taluni casi sia 'scellerato'.  «Con la stretta sui permessi di lavoro, perché tale è stata, che si è verificata in Ticino - ci fa capire Locatelli -, i frontalieri che vengono in Svizzera a farsi taglieggiare il salario sono molti più restii a parlare. Lo fanno consapevolmente. Con la crisi in atto, per 3mila franchi in busta paga sono pronti a fare di tutto».

E qui si innesta un 'altra paura alimentata dalla pandemia. «Se un lavoratore è disposto a venire a lavorare in Ticino per 1'500 euro al mese, visto la situazione italiana, e qui c'è chi lo sfrutta, mi chiedo - si interroga dal canto suo Cadenazzi - se quello stesso lavoratore è disposto a dire che in famiglia ha una persona positiva al coronavirus o se è pronto a sottoporsi a un tracciamento. La crisi sanitaria ha dato sostanza a un'ulteriore forma di pressione che come sindacati ci spaventa molto». Un timore che si è sovrapposto a uno scenario per nulla rassicurante nelle parole del responsabile di Unia. «Senza Covid ci si muove in un mercato, in Ticino, paragonabile a un acquario in cui si aggirano parecchi squali che hanno l'idea di guadagnare in fretta, sfruttando la manodopera frontaliera e aggirando le norme o muovendosi al limite».

Il fenomeno dei fallimenti per lucro

A preoccupare, poi, vi è un altro fenomeno di cui di recente si è parlato a più riprese. Unia ne ha fatto una vera e propria denuncia, parlando di 'fallimenti fraudolenti'. Questi casi sono ben presenti anche all'Ocst. «In effetti, vedo piuttosto come un nuovo problema nel settore edile quello dei fallimenti e delle rinascite - ribadisce Locatelli -. Tecnicamente si lavora; si mettono da parte i soldi, non spendendo in salari e oneri sociali (detto altrimenti, si fa cassa), poi si fa fallire la ditta. Ma passano solo un paio di mesi e la stessa persona la si ritrova sul mercato. È un fenomeno - tiene a rimarcare il segretario Ocst - che stiamo tenendo d'occhio».

Quantificare questa realtà, annota ancora Locatelli, non è facile: «Non ci sono statistiche. Si possono stimare fra i 5 e i 10 casi all'anno; e i personaggi che ricorrono sono noti. Sia chiaro, si tratta di un fenomeno pericoloso: si muovono con maggiore eleganza ma sono figli dei vecchi abusi».

'Gli strumenti a disposizione non bastano'

Ecco che l'impressione diffusa è di combattere con armi spuntate. «A fronte di un mercato sregolato gli strumenti che ci sono non bastano - ribadisce Cadenazzi -. Penso alla Lia - la Legge sulle imprese artigianali, ndr -, che si è scontrata con il diritto superiore e la libera concorrenza». Così si oscilla tra i 'furbetti' e chi fra le imprese «lavora bene, rispetta le regole ma fa fatica». Cosa servirebbe allora oggi per contrastare gli abusi? «Come Unia - ci ricorda il responsabile edilizia - abbiamo avanzato una richiesta alle istituzioni, affinché all'interno della Procura si dedichi un settore a determinati reati, Richiesta sempre di attualità. Sul campo servirebbero poi interventi tempestivi, maggiori controlli e sanzioni più dure. Non da ultimo, la politica dovrebbe riconoscere che esiste un grande problema che mette in ginocchio i lavoratori e le aziende sane».

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abusi edilizia ocst unia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved