ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
23 min

Va in scena una Locarno On Ice da favola

Domenica dedicata ai più piccoli, con racconti e rappresentazioni del musical Favolandia. Ma non mancheranno anche musica e le partite dei Mondiali
Locarnese
41 min

Annullata la giornata di pulizia dei sentieri

Lo ha deciso, a causa delle poco incoraggianti previsioni meteo, il Comitato dell’Associazione di quartiere Solduno - Ponte Brolla - Vattagne
Locarnese
55 min

Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno

Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
5 ore

Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani

Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
6 ore

Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’

La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Gallery
Luganese
12 ore

Manno: con l’auto nella scarpata, due ferite

L’incidente stradale è avvenuto attorno alle 21. Le due occupanti della vettura, una donna e una bambina, se la sono cavata con qualche escoriazione
Grigioni
13 ore

Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta

L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Locarnese
13 ore

Locarno, sul preventivo 2023 la Gestione ‘bastona’

Per nulla soddisfatti della situazione finanziaria della Città i commissari. Nel rapporto evidenziate diverse criticità. La politica di rilancio non va
Luganese
13 ore

Massagno, si è spento Paolo Grandi

Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
15 ore

Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’

Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
15 ore

Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini

Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
15 ore

Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città

Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Mendrisiotto
15 ore

Valichi secondari, ‘di notte bisogna chiuderli’

Lorenzo Quadri (Lega) presenta una mozione al Consiglio federale, dopo l’insuccesso di una analoga presentata nel 2014 dalla collega di partito Pantani
Bellinzonese
16 ore

Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’

Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
16 ore

Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023

Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Locarnese
19 ore

Sull’argine di Losone correre è tutta un’altra cosa

Grazie all’apposito fondo di rivestimento e alle demarcazioni podistiche è possibile svolgere allenamenti specifici in mezzo alla natura
Ticino
20 ore

Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)

È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
19.11.2020 - 20:49
Aggiornamento: 22:39

Edilizia, settore in 'sofferenza'. Fra sregolatezze e Covid

I sindacati Ocst e Unia denunciano nuovi fenomeni e timori per un mercato del lavoro sempre più 'sotto pressione'

edilizia-settore-in-sofferenza-fra-sregolatezze-e-covid
Un mercato 'sotto pressione' (Ti-Press)

Salari taglieggiati. Caporali che si occupano di ingaggiare gli operai e di intascare una percentuale. Annunci per muratori a cottimo e subappalti di comodo, per non parlare dei fallimenti... a scopo di lucro. Negli ultimi anni in Ticino (come nel resto della Svizzera) sono diversi i volti che il sottobosco del settore edile ha saputo mostrare. A volte gli abusi vengono denunciati, nonostante sia difficile per un lavoratore trovare il coraggio di uscire allo scoperto. A volte i casi finiscono in un'aula di tribunale e le accuse portano a una condanna; anche se non succede sempre. In Ticino, va detto, alcune sentenze hanno messo dei punti fermi. A cominciare dal caso, il primo una decina di anni fa, di una impresa del Sopraceneri portato alla luce (e in Pretura) dal sindacato Unia. Se chiedete, però, a chi come Dario Cadenazzi, responsabile edilizia di Unia Ticino, i cantieri li conosce, come vede la situazione, essere ottimisti è assai arduo. «L'attualità è difficile - ammette a 'laRegione' - e il futuro ha tinte fosche se non nere». Troppe, ci fa capire, le pressioni a cui è sottoposto oggi il mercato del lavoro. «E il Covid-19 non ha fatto altro che accelerare i problemi». Il risultato? Un settore in sofferenza nel Mendrisiotto, esemplifica; confrontato con un «contesto di sottocosto e concorrenza» per accaparrarsi appalti e concorsi. Così a fare le spese per chi non rispetta le regole ci sono pure le ditte, storiche in primis, che stanno ai contratti.

'Parlarne ha aiutato a contenere il fenomeno'

Parlare di problemi e abusi, comunque, ha aiutato. Sollevare il velo sulle situazioni di mala edilizia in cui si sono imbattuti i sindacati Ocst e Unia nel tempo ha contribuito a modificare taluni comportamenti. Paolo Locatelli, segretario Ocst, lo ha toccato con mano. «In generale, dopo le ripetute denunce, anche pubbliche, portate avanti dei sindacati, Ocst come Unia, nel settore dell'edilizia, il fenomeno si è un po' 'ristretto'. Non è più così diffuso come tre-cinque anni orsono. In altre parole, c'è stata un'opera di 'prevenzione' che ha fatto in modo che questi reati diminuissero. Sia chiaro, che non esistano più faccio fatica a crederlo. Credo, semmai, che si agisca con maggiore furbizia. Non ci si fa più sorprendere con manovre maldestre, come quella di consegnare in mano un salario da 4mila franchi, salvo poi farsene restituire una parte un attimo dopo».

La crisi mette alle strette i lavoratori

Locatelli rende, però, attenti su un altro aspetto tutt'altro che trascurabile. Se è vero che in tribunale non appare semplice dimostrare l'esistenza dell’usura con lo sfruttamento dello 'stato di bisogno', si fa strada la tendenza da parte degli operai di accettare il patto, sebbene in taluni casi sia 'scellerato'.  «Con la stretta sui permessi di lavoro, perché tale è stata, che si è verificata in Ticino - ci fa capire Locatelli -, i frontalieri che vengono in Svizzera a farsi taglieggiare il salario sono molti più restii a parlare. Lo fanno consapevolmente. Con la crisi in atto, per 3mila franchi in busta paga sono pronti a fare di tutto».

E qui si innesta un 'altra paura alimentata dalla pandemia. «Se un lavoratore è disposto a venire a lavorare in Ticino per 1'500 euro al mese, visto la situazione italiana, e qui c'è chi lo sfrutta, mi chiedo - si interroga dal canto suo Cadenazzi - se quello stesso lavoratore è disposto a dire che in famiglia ha una persona positiva al coronavirus o se è pronto a sottoporsi a un tracciamento. La crisi sanitaria ha dato sostanza a un'ulteriore forma di pressione che come sindacati ci spaventa molto». Un timore che si è sovrapposto a uno scenario per nulla rassicurante nelle parole del responsabile di Unia. «Senza Covid ci si muove in un mercato, in Ticino, paragonabile a un acquario in cui si aggirano parecchi squali che hanno l'idea di guadagnare in fretta, sfruttando la manodopera frontaliera e aggirando le norme o muovendosi al limite».

Il fenomeno dei fallimenti per lucro

A preoccupare, poi, vi è un altro fenomeno di cui di recente si è parlato a più riprese. Unia ne ha fatto una vera e propria denuncia, parlando di 'fallimenti fraudolenti'. Questi casi sono ben presenti anche all'Ocst. «In effetti, vedo piuttosto come un nuovo problema nel settore edile quello dei fallimenti e delle rinascite - ribadisce Locatelli -. Tecnicamente si lavora; si mettono da parte i soldi, non spendendo in salari e oneri sociali (detto altrimenti, si fa cassa), poi si fa fallire la ditta. Ma passano solo un paio di mesi e la stessa persona la si ritrova sul mercato. È un fenomeno - tiene a rimarcare il segretario Ocst - che stiamo tenendo d'occhio».

Quantificare questa realtà, annota ancora Locatelli, non è facile: «Non ci sono statistiche. Si possono stimare fra i 5 e i 10 casi all'anno; e i personaggi che ricorrono sono noti. Sia chiaro, si tratta di un fenomeno pericoloso: si muovono con maggiore eleganza ma sono figli dei vecchi abusi».

'Gli strumenti a disposizione non bastano'

Ecco che l'impressione diffusa è di combattere con armi spuntate. «A fronte di un mercato sregolato gli strumenti che ci sono non bastano - ribadisce Cadenazzi -. Penso alla Lia - la Legge sulle imprese artigianali, ndr -, che si è scontrata con il diritto superiore e la libera concorrenza». Così si oscilla tra i 'furbetti' e chi fra le imprese «lavora bene, rispetta le regole ma fa fatica». Cosa servirebbe allora oggi per contrastare gli abusi? «Come Unia - ci ricorda il responsabile edilizia - abbiamo avanzato una richiesta alle istituzioni, affinché all'interno della Procura si dedichi un settore a determinati reati, Richiesta sempre di attualità. Sul campo servirebbero poi interventi tempestivi, maggiori controlli e sanzioni più dure. Non da ultimo, la politica dovrebbe riconoscere che esiste un grande problema che mette in ginocchio i lavoratori e le aziende sane».

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved