passo-indietro-a-mendrisio-sulla-sede-aim-la-politica-approva
Se ne riparlerà in tempi migliori (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
6 min

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
7 min

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
51 min

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
54 min

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
1 ora

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza di ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
1 ora

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
1 ora

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
1 ora

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
04.11.2020 - 15:52
Aggiornamento: 17:30

Passo indietro a Mendrisio sulla sede Aim: la politica approva

Il Plr cittadino saluta positivamente la scelta del Municipio di ritirare messaggio e investimento. Una soluzione già suggerita da Lega e Verdi

A meno di ventiquattro ore dall'annuncio del Municipio di Mendrisio di aver ritirato - «temporaneamente» - il messaggio sulla futura sede delle Aziende industriali, dalla politica locale giungono già le prime reazioni. A far sentire la sua voce stamane, mercoledì, è il Plr, che saluta positivamente la scelta dell'esecutivo. Una scelta che rimette nel cassetto un dossier che vale un investimento di quasi 14 milioni di franchi. I liberali radicali, come altre forze politiche della Città, avevano esternato quasi da subito la loro contrarietà - fra i banchi del Consiglio comunale come dentro la stanza del Municipio - a un intervento che, si ribadisce in una nota diffusa oggi, mercoledì, "non è da ritenersi prioritario in questo momento e deve quindi essere riconsiderato e rivalutato nei contenuti e nei costi". Questo passo indietro, d'altro canto, si fa notare ancora dalla sezione, darà modo di "trovare una soluzione che coniughi le legittime aspettative dell’azienda e del personale di poter disporre di una sede funzionale, con quelle finanziarie dell’ente pubblico".

Lo scenario restituito dalle previsioni finanziarie del Comune, d'altra parte, richiama alla tutela e al rigore, tanto più che l'autorità locale non intende attingere dalle risorse fiscali e propone di non ritoccare il moltiplicatore (ora a quota 75 per cento). E anche su questo punto il Plr approva e sottoscrive. Strategica sarà quindi l'analisi che verrà condotta su proiezioni e linee direttive. "La situazione legata alla pandemia di Covid-19 e il suo impatto sulle finanze comunali per gli anni 2020-2021 - osserva il gruppo politico - impone la necessità di aggiornare il Piano finanziario sia comunale, sia proprio delle Aim. Il Municipio presenterà entrambi i documenti nel corso della prossima legislatura, ciò che consentirà di approfondire gli aspetti finanziari del progetto e, soprattutto, di valutare possibili alternative di finanziamento".

Certo è che il ripensamento sulla nuova sede delle Aziende non solo risponde alle censure che si sono levate in particolare da taluni partiti, ma disinnesca altresì il rischio di un referendum - che sarebbe stato il secondo sulle Aim -, già ventilato in occasione dell'ultimo Consiglio comunale di luglio da Massimiliano Robbiani, a nome di Lega-Udc-Ind., qualora fosse stato avallato il progetto. Tanto da arrivare a suggerire proprio il ritiro del messaggio. Del resto, non era il primo. In primavera ad avanzare questa ipotesi erano stati i Verdi in una interrogazione per voce di Claudia Crivelli Barella. Ipotesi che, all'epoca (era maggio), l'esecutivo aveva rispedito al mittente, motivando con l'importanza di un tale investimento. Le criticità attuali, dettate dalla pandemia, hanno convinto però l'autorità cittadina a cambiare idea. E a fare di necessità virtù.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved