nel-corpo-di-polizia-di-mendrisio-si-e-fatto-un-patto
La priorità? La Polizia di prossimità (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Deceduto il 19enne vittima di un incidente stradale a Maggia

Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
Mendrisiotto
16 ore

A Muggio ci si prepara per le Feste di San Lorenzo

Dal 12 al 14 agosto ci si ritroverà di nuovo per uno degli appuntamenti tradizionali del villaggio
Luganese
17 ore

Lugano, meno barche, più verde

Mozione interpartitica che propone a Città e cittadini il ridisegno del parchetto Lanchetta in via Castagnola, una ’zona molto pregiata del comune’
Bellinzonese
18 ore

Festa in piazza a Sobrio

Appuntamento per sabato 2 luglio. Durante l’evento si esibirà la nota fisarmonicista e cantante Sabrina Salvestrin
Bellinzonese
18 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 29 giugno alle 20 al Camping Bellinzona
Grigioni
19 ore

Gara podistica e camminata popolare a Rossa

Appuntamento per domenica tre luglio sul meraviglioso fondovalle della Val Calanca
Bellinzonese
19 ore

Inaugurato Il Larice a Leontica

Il punto d’incontro ha come obiettivo quello di mantenere e possibilmente sviluppare il contesto socio-economico e culturale del paese
Gallery
Mendrisiotto
19 ore

Vacallo, il torneo Streetball gialloverde è stato un successo

Sport, festa e solidarietà alla manifestazione di giugno della Sav. Il ricavato è andato a favore del movimento giovanile
Luganese
19 ore

Rombano le Harley e le strade sono tutte (o quasi) loro

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio Lugano sarà letteralmente invasa dalle mitiche due-ruote. Evento che comporterà qualche cambiamento viario.
Luganese
19 ore

Incontro con Fabiano Alborghetti e il suo ‘Corpuscoli di Krause’

Nell’ambito del progetto Chilometro zero alla Biblioteca cantonale di Lugano incontro venerdì 1° luglio
Mendrisiotto
19 ore

Tiro obbligatorio alla Rovagina a Morbio Superiore

Appuntamento il 6 luglio prossimo per i tiratori con la pistola a 25 metri e il fucile a 300 metri
Luganese
20 ore

Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina

Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Luganese
20 ore

Zest e Lfg Holding danno vita a un gruppo da 2,5 miliardi

Le due società metteranno le proprie attività di asset management al servizio della clientela privata e istituzionale
Luganese
20 ore

La Funicolare Monte Brè aggiunge corse serali e offerta

Per tutto luglio e agosto, nelle serate di venerdì e sabato, si potrà usufruirne sino alle 23. Fra le novità anche nuovi itinerari.
Luganese
20 ore

Il summit per l’Ucraina muta anche l’accesso al Lido di Lugano

L’entrata sarà possibile esclusivamente da via Lido essendo l’accesso su via Foce chiuso poiché a ridosso della zona rossa
Mendrisiotto
21 ore

La piazza a lago di Riva San Vitale fa spazio alla festa

In programma una ‘tre giorni’ di musica e specialità gastronomiche organizzata dalla società del Riva Basket
Ticino
22 ore

Su imposta di circolazione e riforma Arp si voterà il 30 ottobre

Il Consiglio di Stato ha fissato la data delle urne. Al voto anche l’inclusione dei disabili e il riconoscimento della lingua dei segni italiana
Ticino
23 ore

Panne al San Gottardo, quaranta i treni cancellati

Il guasto che stamane ha paralizzato il traffico ferroviario da e per il Ticino ha costretto alla soppressione di 30 convogli merci e 10 passeggeri
Mendrisiotto
23 ore

Cinema sotto le stelle al Lido di Riva San Vitale

In programma tra luglio e la metà di agosto cinque appuntamenti con il grande schermo open air
Locarnese
1 gior

Morto a Solduno, autopsia svolta: servono esami tossicologici

Proseguono le indagini sul cadavere rinvenuto il 23 giugno. Stando agli elementi raccolti si tratta di un 24enne svizzero domiciliato nella regione
Ticino
1 gior

‘Maltempo, passato il primo fronte. Ma l’allerta non finisce’

Nel pomeriggio previste nuove precipitazioni, anche abbondanti. E tra giovedì e venerdì in arrivo un’altra grossa perturbazione
Bellinzonese
1 gior

Rinviato al 2 luglio il concerto dei Manupia ad Arbedo

L’esibizione alla Spiaggetta di Arbedo-Castione è stata rinviata causa maltempo
Mendrisiotto
1 gior

Paolo Sauvain alla testa della Fondazione Monte Generoso

Cambio della guardia all’interno del Consiglio dopo le dimissioni del già presidente Riccardo Rossi e di altri tre membri
Ticino
1 gior

Pioggia e grandine spazzano le strade: diversi tratti chiusi

Caduta di alberi segnalate in Gambarogno e a Monte Carasso. E a Riazzino allagato il sottopassaggio delle Ffs
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del Gottardo chiuso per un veicolo in avaria

Lo segnala il Tcs su Twitter
Mendrisiotto
1 gior

Mendrisio è divenuta la casa di settanta profughi ucraini

Il Municipio restituisce il quadro della situazione. Oltre duecento gli alloggi messi a disposizione; sedici i bambini scolarizzati
laR
 
20.10.2020 - 21:51

Nel Corpo di Polizia di Mendrisio si è fatto un patto

Concluso a distanza di un anno il mandato assegnato alla psicologa del lavoro a seguito del malessere emerso fra gli agenti

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Dentro la Polizia della Città di Mendrisio si è stretto un 'patto'. Che vale per tutti: sia fra 'capi' e agenti, che fra colleghi. Fissate (ma condivise) le regole quotidiane, l'impegno preso, adesso, è quello di rispettarle. Solo così ci si lascerà alle spalle malesseri e incomprensioni. Il primo ad aspettarselo e a dirlo a chiare lettere, del resto, è il Municipio. In effetti, il Corpo ha trascorso l'ultimo anno a cercare di guardarsi dentro, preso per mano da una psicologa del lavoro. Una sorta di 'terapia di gruppo' decisa a far venire a galla i problemi e ad aiutare a individuare le soluzioni. Il tutto nel segno della trasparenza. Il capo dicastero Sicurezza pubblica Samuel Maffi ci tiene in modo particolare a farlo notare. Non appena concluso il mandato della consulente, il 25 settembre scorso, infatti, i risultati sono stati presentati all'intero Corpo (presente quasi al completo) e in seguito illustrati all'esecutivo e alle parti sindacali. Un punto di arrivo e, al contempo, di partenza per una Polizia comunale a valenza regionale - Mendrisio è il Comune polo della Regione II, l'Alto Mendrisiotto - che, per stessa ammissione dell'autorità locale, sollecitata un mese fa dal gruppo Lega-Udc-Ind., intende continuare a far leva sul "concetto di 'prossimità al cittadino".

Ottobre 2019-ottobre 2020: è passato un anno da quando a Mendrisio è emersa l'esistenza di tensioni all'interno del Corpo. Oggi il clima è più sereno?

«Penso di sì. Anche perché se ci dovessero essere delle malelingue che continuano a dire che il clima in Polizia non è sereno, per quale motivo non si sono manifestate in questo anno di lavoro? Quindi, parto dal presupposto che chi si è messo in gioco lo ha fatto mettendoci del suo in buona fede. Tutte le tematiche sviscerate sono state approfondite, discusse e laddove possibile già migliorate. In ogni caso ci siamo dati un piano d'azione per il futuro. Quest'anno, insomma, non è da buttare via. Presentato il lavoro a tutti gli agenti, a questo punto ciascuno deve impegnarsi giorno dopo giorno, senza distinzioni di grado, a implementare e rispettare quanto pattuito».

Sul piano della comunicazione (afffiorato come punto debole), l'intervento della psicologa del lavoro ha aiutato a capirsi meglio?

«Sicuramente. Ci sono state delle discussioni approfondite su tutta una serie di tematiche, dove ogni aspetto è stato affrontato in maniera costruttiva, cercando di risolverlo».

In un certo senso è stato un esercizio 'terapeutico'?

«In un certo senso sì. Non tutti all'esterno avevano compreso del tutto, infatti, il significato di questo lavoro (del mandato assegnato dall'esecutivo alla consulente, ndr). Ovvero non abbiamo chiesto a un revisore esterno di stabilire chi ha fatto cosa e quali sono le colpe, bensì ci siamo rivolti a una psicologa del lavoro che, davanti a una possibile problematica, ci ha indicato quale via seguire. Di conseguenza abbiamo iniziato un percorso individuale e collettivo scoprendo che su certi problemi, individuati come tali, vi era anche una intesa».

Quale sarà il prossimo passo?

«Il Corpo dovrà continuare a lavorare senza la stampella della specialista, utilizzando come bussola il lavoro svolto».

Di fatto, però, si sono prese delle misure (per citare il Municipio 'Misure concrete per il benessere') e si è pattuito di rispettarle. In altre parole, si sono chiariti i rapporti fra quadri dirigenti e agenti?

«Non solo. Il 'patto 'è trasversale. Diciamo che non vale solo per via gerarchica, ma pure fra pari. Le criticità sono state affrontate in tutte le direzioni».

Nel rispondere agli interrogativi di Lega-Udc-Ind. non si specifica la natura delle misure, si parla di "azioni di carattere organizzativo" mirate a "migliorare e risolvere le tematiche legate al clima di lavoro". Rimedi discussi, adottati "in modo congiunto fra il Comando i collaboratori" e in diversi casi già "in una fase di implementazione". Non si va oltre. Se ne può sapere di più?

«A tutti gli effetti non possiamo rivelarle al pubblico. Diciamo che la parte avversa - piccola e grande criminalità, ndr - non deve venirne a conoscenza. In ogni caso interessano in particolare gli aspetti operativi, ma pure i flussi di lavoro e tutta una serie di norme comportamentali legate ai valori della professione».

C'è stato, dunque, bisogno di metterli in chiaro quei valori?

«Sì, direi piuttosto il bisogno di chiarire e riscoprire l'essenza stessa della Polizia comunale, la sua identità. E questo è un tema che tocca il nostro, ma anche tutti i Corpi di Polizia comunali del cantone. Abbiamo vissuto e stiamo vivendo un periodo di veri grandi cambiamenti in questo ambito. Basta pensare che fino a 15 anni fa il nostro Corpo aveva competenze sul solo territorio di Mendrisio (Borgo), che poi sono state estese prima ai Quartieri della Città (aggregata, ndr) e in seguito all'intera regione. L'essere una Polizia regionale ha significato introdurre il servizio 24 ore su 24, vedersi demandare altri compiti dalla Polizia cantonale e procedere a un numero di assunzioni come mai si era visto in altri campi. Negli ultimi anni in Ticino uno dei settori dove si è investito maggiormente è quello della sicurezza».

L'esperienza, quindi, è servita.

«In effetti, ciò che si è voluto fare, oltre a sviscerare il tema importante del clima di lavoro, è stato anche ridefinire e ritrovare quali sono i concetti della Polizia comunale e far vedere quali sono gli intenti politici per il futuro. Ritrovare un po' la bussola su obiettivi e strategie della Polizia di Mendrisio in questo momento, come detto, di cambiamenti, ma pure di incertezze. Pensiamo, ad esempio, alla proposta di creare una Polizia unica, oggi ribattezzata Polizia ticinese: non sappiamo ancora quale ruolo avranno in avvenire le Polizie comunali. Ecco che in questa occasione, anche come esecutivo, abbiamo voluto ribadire e ricontestualizzare il ruolo della Polizia comunale (a valenza regionale) della Città. Non va dimenticato che siamo sempre più 'schiacciati' dalle richieste della Polizia cantonale. Quindi si fa più 'difficile' fare la vera e propria Polizia di prossimità visto, appunto, l'impegno sulle 24 ore e il fatto di essere pronti a essere sganciati in urgenza. Dobbiamo capire dove si vuole andare a parare».

Il Municipio lo ha messo nero su bianco: il punto di forza in futuro sarà la Polizia di prossimità. Parlando di strategia politica si va in quella direzione? 

«Il nostro punto di riferimento è il documento dell'Associazione dei comuni ticinesi consegnato nel 2019 e preavvisato in modo favorevole dalla maggior parte degli enti locali. Noi la prossimità la intendiamo così. Ciò che cambia il paradigma con cui misuriamo il grado di sicurezza nella popolazione e fa leva su precisi strumenti e metodologie di lavoro. Posso citare, ad esempio, il pattugliamento a piedi. Certo ci vorrà tempo per metterlo in atto». 

Nel frattempo, si pensa di riproporre un sondaggio simile a quello realizzato nel 2018 per testare il grado di soddisfazione nel Corpo? Allora fu rivelatore del disagio latente.

«No, allo stato attuale non è nei miei piani. Anche perché l'esercizio prodotto nell'ultimo anno, dunque lavorare con quasi la metà del Corpo a stretto contatto (Covid-19 a parte) con cadenze settimanali o bisettimanali, con una riunione plenaria finale, ha dato modo a tutti di esprimersi in modo chiaro e trasparente. Questo per me è già importante quanto a tempo investito e discussioni proficue avute».

Sintomo del disagio poi emerso all'interno del Corpo è stata, a suo tempo, pure la quindicina di inchieste amministrative condotta su agenti e un membro del Comando. Si sono ripresentati casi tali da richiedere l'apertura di altre inchieste amministrative?

«Qui non posso rispondere».

Per concludere, la struttura della Polizia regionale funziona anche alla luce dell'esperienza di questo ultimo anno a Mendrisio?

«Il sistema di sicurezza così come è nell'Alto Mendrisiotto funziona. Dati statistici alla mano si può dire che c'è un buon se non ottimo livello oggettivo. Quello che però la Polizia comunale può migliorare sul proprio territorio, visto la sua peculiarità (la vicinanza al cittadino), è al contempo un sentimento soggettivo di sicurezza. Ed è lì che dobbiamo lavorare. Ciò non significa che l'agente debba porgere l'altra guancia. Il messaggio che si vuole veicolare è che il poliziotto davanti a certi comportamenti non deve fare l'amicone. Anche in prossimità deve avere un ruolo autorevole. Ma la vicinanza e la buona conoscenza del territorio, assieme al fatto di essere parte di una autorità comunale, devono aiutare affinché quel sentimento soggettivo migliori. Rilevati determinati problemi che possono sfociare pure nel penale, ecco che il Comune e la sua Polizia sono i primi a poterli individuare».

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved