a-brogeda-con-5-9-chili-di-eroina-condannato
La droga era destinata alla Svizzera interna (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Pandemia, sette persone in più negli ospedali ticinesi

Due in più nei reparti di cure intensive. Stabile il numero di nuovi casi nelle ultime 24 ore: aumentati di quattro unità (1’266)
Luganese
4 ore

‘Campione era un deserto. Ora è tornato il sorriso in paese’

Reportage dall’enclave a due giorni dalla riapertura del casinò. E intanto l’amministratore delegato Ambrosini: ‘Debiti rimborsati entro cinque anni’.
Mendrisiotto
8 ore

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia
Locarnese
8 ore

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini
Ticino
8 ore

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

I tre voti contrari alla sperimentazione dell’Mps sono stati decisivi. Il coordinatore ribatte colpo su colpo alle accuse da sinistra: serve vera riforma
Ticino
16 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
18 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
18 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
18 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
19 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
19 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
20 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
20 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
20 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
Ticino
20 ore

I radar della prima settimana di febbraio

Da Polmengo a Balerna i controlli della Polizia cantonale e di quelle comunali
28.09.2020 - 16:420
Aggiornamento : 17:27

A Brogeda con 5,9 chili di eroina, condannato

Quattro anni e tre mesi di carcere al 24enne italiano fermato lo scorso 12 febbraio. La droga era diretta a Soletta

«Sapevo che stavo sbagliando, ma era troppo tardi per tirarsi indietro. Ho sbagliato e sono pentito». Sono queste le parole pronunciate questa mattina dal 24enne italiano fermato lo scorso 12 febbraio alla dogana di Chiasso-Brogeda con 5,9 chili di eroina. Comparso oggi davanti alla Corte delle Assise criminali, il giovane è stato condannato a 4 anni e 3 mesi di carcere per infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti. In base a quanto stabilito dagli accordi di Schengen, la Corte presieduta dal giudice Amos Pagnamenta lo ha invece prosciolto dal reato di infrazione alla Legge federale sugli stranieri (entrata illegale). Quando è stato fermato non aveva i documenti («erano in un altro giubbotto»).

Era diretto a Soletta

Partito dalla Lombardia, il 24enne era diretto a Soletta, e quindi al ‘mercato’ della Svizzera tedesca. Il suo viaggio si è interrotto al valico di Chiasso-Brogeda dove, all’interno della vettura, sono stati rinvenuti 5,9 chili – per la precisione 5'902,17 grammi – di eroina. Lo stupefacente era confezionato in 12 pani occultati in un ricettacolo ricavato tra i sedili anteriori, nella zona del cambio. La colpa dell’imputato, ha spiegato il giudice, «è oggettivamente e soggettivamente grave per il quantitativo estremamente importante di droga e per l’azione dettata dalla volontà di avere un facile e rapido guadagno». Per il trasporto in Svizzera all’imputato era stato promesso un compenso di 1'500-2'000 euro. «L’eroina è una delle sostanze più dannose per la salute pubblica – ha aggiunto il giudice –. Tra le righe lo ha ammesso anche lo stesso imputato che, in questa vicenda, ha assunto il ruolo di semplice corriere».

Convinto di trasportare cocaina

Il 24enne, come detto, era convinto di trasportare cocaina. Parallelamente alla sua attività lavorativa, aveva intrapreso quella di spaccio («guadagnavo qualche centinaia di euro al mese»). Dopo la perdita del posto di lavoro, sono iniziati i trasporti («mi sono fatto attirare perché volevo guadagnare di più»). Oltre a quello che ha portato al suo arresto, ce ne sono stati altri tre (di cui uno di valuta) in Italia. Durante l’inchiesta è emerso che, pochi giorni prima del viaggio, l’imputato ha controllato su internet che pena viene inflitta per un trasporto di 10 chili di droga. «Una curiosità – si è giustificato il 24enne – dopo aver letto un post su Facebook, nulla a che vedere con il mio caso». Prima di mettersi in viaggio, ha raccontato ancora rispondendo al giudice, «non ho verificato quanta droga ci fosse e dove era nascosta. Ero in ansia e ingenuamente sono partito». Al momento del fermo ha dichiarato alle Guardie di confine di trasportare cocaina; le analisi effettuate sulla sua persona hanno portato a tracce da contaminazione di cocaina sulle mani e sulla fronte. Solo le analisi dello stupefacente ha permesso di scoprire che si trattava di eroina (con un grado di purezza variante tra il 53,6 e il 54,7 per cento), stupefacente che il 24enne, per sua ammissione non avrebbe mai trasportato.

Chiesti sei anni di carcere

Nella sua requisitoria, il procuratore pubblico Pablo Fäh ha proposto una condanna a 6 anni di carcere (e 9 anni di espulsione dalla Svizzera). «Ha scelto la strada più facile e dei soldi facili – ha esordito il rappresentante dell’accusa –. Dai dati del suo cellulare sono emerse indicazioni di possibili altri trasporti in Svizzera: pur ammettendo che gli sono stati proposti, l’imputato ha negato di averli effettuati». L’attenzione del procuratore si è concentrata sulla «consapevolezza del 24enne in merito ai rischi che stava correndo, dell’avere a che fare con persone ben organizzate che agiscono a livello internazionale e che operano con più corrieri». Accettando di partire senza controllare cosa aveva in auto, l’imputato ha agito «con dolo eventuale, assumendosi il rischio di trasportare quantitativi superiori a quelli che immaginava».

‘Un bravo ragazzo’

A portare il 24enne verso il mondo dei trasporti della droga è stato «un momento di fragilità». L’avvocato Lisa Catenazzi si è battuta per una condanna contenuta in 36 mesi parzialmente sospesi. «È incensurato, un bravo ragazzo e si è pentito amaramente per quello che è successo». La legale ha invocato «l’errore sui fatti», chiedendo quindi che il 24enne venisse giudicato per quello che sapeva di trasportare («due chili di cocaina») e «il sincero pentimento». La Corte ha riconosciuto il sincero pentimento. «Non ha fornito indicazioni utili per identificare i mandanti, ma ha fatto luce sulle sue responsabilità», ha spiegato Pagnamenta. Quando avrà scontato la sua pena in Svizzera, il 24enne dovrà rispondere anche alla giustizia italiana. L’errore sui fatti è invece stato riconosciuto per il tipo di sostanza trasportata, ma non per il quantitativo. «Non facendo verifiche prima della partenza, si è assunto il rischio del trasporto e ne risponde per dolo eventuale», ha concluso il giudice.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved