ha-picchiato-moglie-e-figli-ma-non-voleva-ucciderli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro

Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Ticino
3 ore

Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo

Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Locarnese
3 ore

Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi

Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Bellinzonese
10 ore

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
12 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
12 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
13 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
13 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
14 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
Bellinzonese
14 ore

La Scuola moderna di musica suona per il villaggio Neve Shalom

Evento a Bellinzona in occasione della Giornata della memoria organizzato in collaborazione con la Fondazione Federica Spitzer
Ticino
14 ore

Parco veicoli più efficiente grazie al sistema bonus-malus

Il gettito delle imposte di circolazione è previsto stabile per quest’anno. In costante e rapida crescita i mezzi elettrici o ibridi plug-in
10.07.2020 - 12:060

‘Ha picchiato moglie e figli ma non voleva ucciderli’

Nel processo contro il 48enne siriano, la difesa chiede il proscioglimento dal tentato omicidio e una condanna di massimo 5 anni

«È evidente che l'imputato ha un modo di pensare tutto suo». Nel processo contro il 48enne siriano a processo da ieri davanti alla Corte delle Assise criminali di Mendrisio per rispondere di tentato e ripetuto omicidio intenzionale (in via subordinata messa in pericolo della vita altrui) questa mattina ha preso la parola l'avvocato Maria Galliani. La legale del 48enne si è battuta per il proscioglimento dai reati di tentato omicidio intenzionale e messa in pericolo della vita altrui e ha chiesto una pena non superiore ai 5 anni. A mente della difesa, il 26 dicembre 2018 l'imputato «ha picchiato tanto la figlia, tanto da lasciare i segni constatati sul suo corpo al Pronto soccorso. Ma non voleva ucciderla o mettere in serio pericolo la sua vita: abbiamo un padre che con ogni evidenzia picchia la figlia, la afferra anche per il collo per qualche secondo, ma non così tenacemente per permetterle di liberarsi o da farle credere che volesse ucciderla». Ieri la Procuratrice pubblica Marisa Alfier ha proposto una condanna a 11 anni di carcere. La sentenza è attesa alle 17.

«L'essere manesco, e anche pesantemente, fa parte del suo modo di vivere. Un aspetto – ha sottolineato Galliani – che emerge chiaramente, ma non è sufficiente per condannarlo per tutti i capi di imputazione». A mente della legale, il 48enne «ha picchiato ma non così tanto come dicono le vittime e non così poco come sostiene lui». Occorre tenere presente i «limiti di traduzione ed espressione delle parti, così come del desiderio più che lecito delle vittime di toglierselo di torno e del padre di difendersi». A mente dell'accusa, la moglie e i due figli gemelli dell'imputato «hanno progressivamente rincarato la dose perché giustamente stufi della paura di sbagliare, di essere educati con le botte, di non poter vivere una vita tranquilla con un padre e un marito che non esito a definire un despota non disposto a capire che vivevano in un paese diverso dalla Siria». Galliani ha precisato che «non si tratta di un complotto ma di una comunione di intenti perfettamente legittima: la situazione in cui vivevano doveva cessare». La violenza nei confronti della figlia del 26 dicembre «ha aperto una breccia che hanno forzato una vita tranquilla. Non vanno biasimati ma umanamente compresi».

Quel giorno, come emerso ieri, l'imputato ha saputo che la figlia aveva a sua insaputa ricevuto l'anello di fidanzamento. «Fatti noti al resto della famiglia che hanno avuto un effetto devastante. Questa notizia ha cambiato il suo modo di pensare e per compensare il disonore e mostrare che così non si fa, è diventato manesco e ha picchiato, anche tanto, la figlia». Quanto accaduto nell'abitazione di Novazzano mostra «difficoltà di ricostruzione». Quel giorno «ci sono state percosse e botte, con l'intenzione evidente di picchiare per motivi sbagliatissimi ma non con l'intenzione di uccidere». Parlando degli altri casi di violenza, «mi immagino un uomo che picchia tanto, spesso e senza criterio, ma non vedo un uomo che gioca a calcio con la testa dei suoi figli per ucciderli». Per quanto riguarda la moglie, «l'evidenza emerge dagli atti: la picchiava, ma non allo scopo di metterne in pericolo la vita ma perché il suo modo di fare è orripilante». 

A inizio mattina sono intervenute le legali dei due ragazzi. Gli avvocati Clarissa Torricelli (intervenuta a nome della figlia dell'imputato) e Isabel Schweri (per il figlio) hanno chiesto per entrambi 30mila franchi di indennità per torto morale e il pagamento delle spese legali.

“Ho sbagliato”

L'ultima parola è stata quella dell'imputato. «Chiedo perdono alla Corte e ai miei figli. Ho sbagliato: in questo anno e sei mesi ho avuto modo di riflettere». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved