laRegione
ostetricia-all-obv-adesso-i-vertici-devono-crederci
Il caso non è chiuso (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
8 min

A Lumino spesa a domicilio per gli anziani

Il Comune ha riattivato il servizio dedicato alle persone vulnerabili grazie alla disponibilità del Centro incontro e dei Samaritani
Mendrisiotto
16 min

Seseglio, il vento ha divelto due torri faro del campo di calcio

Il Municipio di Chiasso chiede un credito di 193mila franchi per sostituire l'impianto di illuminazione del campo principale
Gallery
Locarnese
52 min

Brissago, un lungolago presto da cartolina

Seconda fase dei lavori di riqualifica e abbellimento della riva (tratto Villa Gina-Osteria Boato) al via. La passeggiata pensata per ospitare anche piccoli eventi
Grigioni
1 ora

Addio al progetto della nuova centrale sulla Moesa

Era stato congelato a inizio 2017, ora Axpo, Cama e Grono archiviano l'idea. Le nuove regolamentazioni non permettono ulteriori sfruttamenti del fiume
TICINO
1 ora

L'integrazione parte dalla scuola

Fra i progetti futuri la cantonalizzazione dei docenti specializzati negli istituti comunali
Bellinzonese
2 ore

Spaccio di cocaina, pena sospesa per un 54enne straniero

L'uomo (assente durante il processo odierno) ha fornito circa 380 grammi a consumatori locali. Per lui 24 mesi con la condizionale
Ticino
3 ore

'I locali erotici sì e gli appartamenti a luci rosse no?'

Covid, l'avvocato Marco Garbani spiega i motivi del ricorso al Tram contro la chiusura dei postriboli decretata dal Consiglio di Stato
Mendrisiotto
3 ore

Il Gran Consiglio si terrà a Mendrisio fino a fine anno

Le prossime tre sedute si terranno al Mercato Coperto. Le spiegazioni del presidente Daniele Caverzasio
Locarnese
3 ore

Ascona, naturalizzazione controversa, ma non troppo...

Passa la concessione dell'attinenza a uno dei protagonisti della vicenda Suva, che fu condannato definitivamente nel 2010
Ticino
5 ore

Coronavirus in Ticino, altri 308 contagi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati anche 22 ricoveri. Stabile il numero dei decessi
Mendrisiotto
5 ore

Chiasso assegnerà solo il merito sportivo

Vista la situazione sanitaria, la Conferenza dei presidenti delle società sportive annulla i premi ai migliori sportivi
Ticino
6 ore

Aumento dei premi di cassa malati, domande al Nazionale

Marco Romano (Ppd) presenterà un'interpellanza e una mozione durante la seduta straordinaria che comincerà domani a Berna
GRIGIONI
7 ore

Angelo Roberto capo dell'Amministrazione cantonale delle imposte

La nomina è stata effettuata dal Governo grigionese. Il nuovo responsabile entrerà in funzione dal 1° giugno 2021
GALLERY
Luganese
8 ore

Macchinario in fiamme a Montagnola

I pompieri del Centro di soccorso di Lugano sono intervenuti in una cava di via Civra. Impegnative le operazioni di spegnimento
Locarnese
9 ore

Minusio, passata di mano la villa Roccabella

Acquistata da un noto imprenditore e immobiliarista una delle ville-simbolo del Comune. Fra gli illustri proprietari del passato, Rinaldo Simen
Luganese
9 ore

Orio Galli neopresidente delle Polcom: ‘Verso la prossimità 2.0’

Intervista al vicecomandante della Polizia Torre di Redde, che dall’8 ottobre è il presidente dell'Associazione delle polizie comunali ticinesi
Ticino
9 ore

‘Le Arp non vanno, faremo una nuova Pretura della famiglia’

La direttrice della Divisione Giustizia Andreotti anticipa come il Governo pensa di rivoluzionare il settore della protezione della famiglia
Mendrisiotto
08.07.2020 - 22:200

Ostetricia all'Obv: 'Adesso i vertici devono crederci'

Il rientro il primo agosto di tutti i servizi a Mendrisio rassicura. Ma l'incontro con l'Eoc non dà garanzie per la pianificazione ospedaliera futura

Una prima certezza è data: i servizi di ostetricia e neonatologia faranno ritorno a 'casa' (l'Obv). Almeno per ora. Il primo agosto, come preannunciato, si ricomporrà il Dipartimento donna-bambino. Caso chiuso? Non proprio. Il Distretto istituzionale rimane assai preoccupato: la presenza del reparto potrebbe avere una sorta di 'data di scadenza', anche se non è chiaro quale.  Il nodo legato a questo settore resta e sarà da approfondire. Soprattutto quando si andrà a mettere mano alla revisione della pianificazione ospedaliera, che oggi è una garanzia sul mandato all'Ospedale regionale. L'Ente ospedaliero cantonale (Eoc), di fronte il fronte compatto dei parlamentari momò (tra cui i sindaci di Breggia Sebastiano Gaffuri e Balerna Luca Pagani), ai quali ha dato man forte il sindaco di Mendrisio Samuele Cavadini, ha chiarito il quadro generale. Quale sarà, però, la diagnosi finale? Favorevole o no alla regione? Lo dirà, come detto, il futuro; che avrà come metro di misura la volontà di Ente e direzione Obv di tenere legato il reparto a Mendrisio. Il presente, in effetti, può solo garantire che non vi sarà un effetto Covid-19. Detta altrimenti: l'emergenza sanitaria, che resta la priorità, non rimodellerà le strutture multisito. Di sicuro si farà tesoro dell'esperienza di questi mesi. Anche perché, si è fatto capire, se il coronavirus si ripresenterà in tutta la sua aggressività, bisognerà essere in grado di rimettere in piedi il dispositivo nel giro di 48 ore. La consapevolezza del momento particolare che si sta vivendo, non ha allentato, in ogni caso, le rivendicazioni della deputazione del Mendrisiotto: ostetricia e pediatria non si toccano. Su questo punto non si transige. Dentro le stanze del faccia a faccia le parole non hanno lasciato spazio a fraintendimenti. Fuori i commenti sono stati lasciati ai politici locali: l'Eoc, da noi contattato, non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

L'Eoc traccia scenari e prospettive dell'Obv

La delegazione dell'Ente ospedaliero cantonale che si è presentata all'appuntamento, questa sera, mercoledì, era alquanto nutrita. A guidarla il direttore del Dipartimento della sanità e della socialità in persona, Raffaele De Rosa (rallentato parecchio dalle colonne sulla A2). Non mancavano neppure il presidente del Consiglio di amministrazione (Cda) Paolo Sanvido e la sua vice Valeria Canova Masina, il direttore generale dell'Eoc Giorgio Pellanda (ormai sul piede di partenza), il capo area medica Paolo Ferrari e la capo area infermieristica Annette Biegger, e Roberto Malacrida, membro del Cda. A fare gli onori di casa, al'Ospedale regionale della Beata Vergine, a Mendrisio, il direttore Pierluigi Lurà e il responsabile sanitario, dottore Brenno Balestra. Per tutti è stato nitido, e da subito, che le domande rimaste sospese, ma soprattutto i timori da quietare - fra il personale, gli amministratori locali e la popolazione - sono parecchi, come si è ricordato dall'altro lato del tavolo, quello dei gran consiglieri di casa. Da fugare, e invia definitiva per l'avvenire, vi sono quelle voci insistenti di smantellamento e quel 'disguido' comunicativo sulla riduzione, poi scongiurata, degli orari di apertura del Pronto pediatrico. Quanto basta, ad ogni modo, per mettere sul chi va là il personale, il quale, per voce del sindacato Ocst ha scritto, di recente, alla direzione generale dell'Eoc sollecitando, una volta, di più delle rassicurazioni. Sono arrivate? "Non tutte quelle che speravamo - ci risponde Giorgio Fonio (Ppd), che sta seguendo il dossier quale deputato e sindacalista -.La conferma del rientro dei servizi il primo agosto è positiva. Ma c'è preoccupazione per quanto sentito questa sera. Insomma, non torno a casa sereno". Se la pianificazione ospedaliera di domani non includerà più l'Obv come sede di ostetricia e pediatria il territorio, lascia intendere Ivo Durisch, parlamentare del Ps, è pronto a dare battaglia. "La questione - esplicita - è che i primi a credere nell'importanza di conservare questo mandato e a investirvi devono essere Eoc e vertici Obv, se no rimangono poche chance. Il nostro messaggio? Crederci. In caso contrario il Mendrisiotto sarà la sola regione senza un tale servizio". Che strumenti ha il Distretto per difendere un Dipartimento? "La futura pianificazione ospedaliera sarà una sorvegliata speciale - ci assicura il deputato Ppd Maurizio Agustoni -. Sarà basilare un servizio di prossimità per le donne e le famiglie. D'altro canto, partorire all'Obv è sicuro come altrove".

Il nodo gordiano delle nascite in calo

Le parole chiave sul fronte dell'Eoc, comunque, restano Medicina di qualità in sicurezza e a costi sostenibili. De Rosa qui è andato sicuro: la precedenza va alla qualità delle cure. L'aspetto spinoso, a Mendrisio, è che i numeri del reparto risultano essere troppo bassi: l'anno scorso all'Obv i parti, in flessione in questi anni, sono stati 270. Cifre alla mano il futuro del Dipartimento sarà, insomma, oggetto di riflessioni. Anche perché reperire personale ostetrico, a quanto pare, non è semplice. Ebbene, agli occhi dell'Ente ciò non dà la garanzia, a medio e lungo termine, di poter contare sulla qualità delle cure evocata, ergo sulla sicurezza dei pazienti. Tutti aspetti che non sembrano deporre a supporto del mantenimento del settore nel Distretto. E allora che ne sarà della medicina di prossimità richiamata, da Mendrisio, l'AlternativA - Verdi e Sinistra insieme? Per allontanare le speculazioni  servono i fatti. Rinunciare al reparto di ostetricia e neonatologia come al Pronto soccorso di pediatria per Matteo Muschietti, municipale a Coldrerio, nonché ex presidente dell'assemblea dei delegati comunali per l'Obv, sarebbe 'inaccettabile' per il Mendrisiotto. Lui che a maggio ha lanciato per primo l''allarme' questa sera, di sicuro, ha atteso con ansia l'esito dell'incontro, costretto come altri rappresentanti municipali a restare fuori dalla porta.

 

© Regiopress, All rights reserved