laRegione
Nuovo abbonamento
obv-senza-ostetricia-si-mobilita-la-politica
Occhi puntati (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Dopo una tregua, torna la canicola

Allerta di grado tre in Ticino da domani pomeriggio fino a mercoledì sera. Previste temperatura fino 34 gradi e alti tassi di umidità.
Locarnese
2 ore

'Villaggio svizzero dell'anno', due finalisti sono ticinesi

Gambarogno e Losone figurano tra le 12 località prescelte dal concorso, che quest'anno premia solidarietà e creatività in ambito Covid-19
Mendrisiotto
2 ore

Mercato dell’usato a favore dell’Uganda, si rinvia

La prudenza dettata dalla situazione sanitaria ha convinto gli organizzatori a rimandare al marzo del 2021 a Mendrisio
Locarnese
3 ore

Fulmine al Porto, diamo a Cesare ciò che è di Cesare

In relazione all'articolo
Luganese
3 ore

La sfida del maratoneta luganese tocca il mare

Soccorso Cresta e il figlio Gabriele al seguito in bici raggiungono Rimini. Ora li attendono 300 chilometri lungo la costa
Ticino
4 ore

Tre nuovi casi di coronavirus in Ticino, una persona dimessa

In totale sale a 3'449 il numero di persone testate positive nel cantone dall'inizio della pandemia, 923 i malati che hanno lasciato gli ospedali
Locarnese
4 ore

Palagnedra, pranzo della classe 1950

Coetanei della regione a tavola nelle alte Centovalli il prossimo 20 di agosto
Locarnese
5 ore

Pedemonte, gli Amici delle Tre Terre in assemblea

Giovedì 27 agosto, a Intragna, è prevista la seduta.Tra i temi sul tavolo la relazione presidenziale e i bilanci dei vari capi sezione
Grigioni
5 ore

Nei Grigioni tutti a scuola e senza obbligo di mascherina

L'anno 2020/21 inizierà con lezioni in presenza e classi intere; quarantena per chi torna da zone a rischio
Mendrisiotto
8 ore

Carnevali, ipotesi (anche estive) al vaglio

In attesa delle decisioni di Berna (e del Cantone), i 5 grandi Carnevali hanno già cominciato a riunirsi. Sul tavolo, tra le opzioni, anche qualcosa di 'estivo'
Gallery
Locarnese
8 ore

Pozzo di Tegna, difficile convivenza tra residenti e turisti

Al problema del littering si aggiunge quello della sicurezza; pochi posteggi e la sosta si fa selvaggia, creando situazioni di pericolo per pedoni e ciclisti
Bellinzonese
8 ore

La golena e i suoi problemi: 'E temo per il parco fluviale'

A colloquio con Edgardo Malè, presidente del Consorzio correzione fiume Ticino proprietario dell'ampia zona svago e relax criticata dai Verdi
Mendrisiotto
15 ore

Il capolinea degli InterCity? Chiasso

Il Cantone si schiera con il Mendrisiotto nella battaglia per i treni a lunga percorrenza e lo dice in una lettera alle Ffs
Mendrisiotto
16 ore

Svelato mistero rettile con supercollo del San Giorgio

Le ricerche condotte all'Università di Zurigo hanno permesso di appurare che si tratta di un animale acquatico
Luganese
18 ore

Arte urbana Lugano, balene in Viale Franscini

Gli artisti ticinesi, Christian Ravecchi e Pablo Togni consegnano il murale "Close Up"
Ticino
19 ore

L'accordo sui frontalieri 'può essere disdetto unilateralmente'

Lo ha affermato Norman Gobbi citando un'analisi effettuata dall'Università di Lucerna, commissionata dallo stesso Consiglio di Stato a gennaio
Luganese
19 ore

Aiuto domiciliare, Maggio approva i conti 2019

Buon avanzo di esercizio e aumentate del 12,5% le ore di prestazione erogate dall'associazione
Luganese
19 ore

Lago senza plastiche, liceale ottiene la migliore maturità

Filippo Merlani agli onori della Società di salvataggio sezione di Lugano
Ticino
19 ore

Divisione dell’azione sociale e delle famiglie, nuovo direttore

Gabriele Fattorini sostituirà Renato Bernasconi, che termina a fine ottobre la sua attività in seno all’Amministrazione cantonale
Ticino
20 ore

Mascherine, niente obbligo al chiuso. Garzoni: 'Indossatela'

Il presidente dell'Esecutivo Gobbi: 'Decisione proporzionata'. Ma il direttore sanitario della Clinica Moncucco: 'Spero che il governo riveda la decisione'
Mendrisiotto
20 ore

Il nuovo Ufficio tecnico di Chiasso sarà 'Carapace'

Ad aggiudicarsi il concorso di progettazione è stato l'architetto Roberto Briccola di Giubiasco
Luganese
21 ore

La maratona a sud del Luganese 'Soc' supera i primi 7 giorni

Vicini a Rimini Gabriele e suo padre. Ecco la cronaca della nuova tappa, in prossimità del mare Adriatico
Grigioni
21 ore

Teleferica Arvigo-Braggio ferma dal 17 al 21 agosto

Il provvedimento è dovuto ai lavori di revisione riguardanti la fune portante. Braggio sarà comunque raggiungibile con un pulmino.
Mendrisiotto
24.05.2020 - 10:120
Aggiornamento : 16:30

Obv senza ostetricia? Si mobilita la politica

L'AlternativA chiama i Comuni del Distretto a raccolta. Mps, Lega di Mendrisio e deputati Ppd del Mendrisiotto sul chi va là

La sola idea di vedere sparire da Mendrisio il pronto soccorso di pediatria e con esso il reparto di neonatologia e ostetricia ha fatto sussultare il Mendrisiotto. E non ha mancato di mobilitare la politica locale. Il timore è che gli echi, insistenti, che hanno spinto il municipale di Coldrerio, nonché ex presidente dell’assemblea dei delegati comunali per l’Obv, Matteo Muschietti, a rendere pubbliche le sue preoccupazioni, abbiano un fondamento. Nonostante l'Ente ospedaliero cantonale per voce del suo responsabile alla comunicazione, Mariano Masserini, abbia allontanato, per ora, l'eventualità di una riorganizzazione, la riunione convocata per domani, lunedì, a Lugano, come anticipato da 'laRegione', potrebbe segnare il futuro di quel settore dell'Ospedale regionale della Beata Vergine. Tanto da aver messo sul chi va là lo stesso personale. A ben vedere ne va del destino della sanità di prossimità.

'Una ristrutturazione? Un attacco alla medicina di prossimità'

'L’ipotesi di smantellare all’Obv i reparti di ostetricia, neonatologia e pronto soccorso pediatrico è da scongiurare con la massima risolutezza'. L'AlternativA – Verdi e Sinistra insieme lo scandisce con determinazione. A maggior ragione se la scelta dei vertici dovesse sfociare dal riassetto ospedaliero deciso a livello cantonale per fronteggiare l'emergenza sanitaria da Covid-19, che ha visto trasferire a Lugano l'ostetricia dell'Obv. Se la mossa dettata dalla pandemia risulta essere condivisibile, si fa capire a chiare lettere in una nota, il gruppo 'non capisce per quale motivo i reparti spostati temporaneamente a Lugano non debbano fare rientro a casa, cioè all’Ospedale Beata Vergine, assicurando così al Mendrisiotto un servizio pubblico di prossimità efficiente'. In effetti, si rincara, 'cogliere l’emergenza Covid-19 – di cui nessuno mette in discussione la buona gestione nella fase più drammatica e acuta – per procedere a ristrutturazioni così importanti, ci pare insensato. E costituisce un attacco alla medicina di prossimità in un momento in cui è assolutamente necessaria'.

'I Municipi del Distretto facciano quadrato attorno all'Obv'

Per l'AlternativA ce n'è, insomma, a sufficienza per tenere gli occhi aperti e seguire da vicino la faccenda. A questo punto, infatti, ribadisce, l'auspicio è che 'si tratti “solo di speculazioni” come fanno sapere dall’Eoc', sulle colonne del giornale, ndr. Ma ciò non toglie la necessità di non lasciare cadere la questione nel silenzio. Proprio per questo il gruppo 'invita tutti i Municipi del Mendrisiotto a fare quadrato attorno all’Ospedale distrettuale, rivendicando pienamente il mantenimento della struttura ospedaliera con i suoi reparti nell’assetto precedente all’emergenza Covid-19'.

Ecco perché dai banchi di Lega-Udc-Ind., per mano della consigliera comunale Simona Rossini, si chiama in causa direttamente la Città di Mendrisio. D'altra parte, si motiva in un'interrogazione, se l'ipotesi di un allontanamento dovesse essere confermata 'rappresenterebbe per la nostra Città, per la popolazione e per il Mendrisiotto la perdita di un servizio ospedaliero e sanitario di grande importanza e per il quale negli anni passati si era già lottato anche con la raccolta di 12mila firme'. In effetti, significherebbe, rincara Rossini, 'impedire alla popolazione di accedere facilmente e velocemente alle cure necessarie'. A questo punto viene da chiedersi se il Municipio sia al corrente della situazione. E in caso affermativo, come abbia reagito e se abbia 'valutato quali rischi si corrono senza questi reparti vista anche la difficoltà dovuta al traffico nel raggiungere Lugano'. Di conseguenza, la consigliera comunale intende sapere se l'esecutivo 'difenderà il nostro ospedale' e se 'intende intervenire per salvaguardare tutti i servizi indispensabili per garantire la salute della sua popolazione'.

Il Dipartimento donna-bambino, 'un unicum'

Gli argomenti, d'altro canto, non mancano per rivendicare al Mendrisiotto prestazioni sanitarie a tutto tondo. Per cominciare non è possibile dimenticare, richiama ancora l'AlternativA, 'che Mendrisio è l’unico ospedale in Ticino con un Dipartimento donna-bambino, dove sotto un unico cappello vengono integrate l’attività dei reparti di ginecologia, ostetricia, pediatria e neonatologia'. Una scelta, quella adottata nel 2008 e ancorata, nero su bianco, ai principi della struttura, a fronte della quale, si osserva, 'le intenzioni dell’Eoc risultano incomprensibili'. Anche perché, per stessa ammissione dell'Ente, fin dai primi mesi di attività si erano visti i risultati. Per suffragarlo il gruppo usa le parole dell'Eoc: 'Sul quarto piano dell’Obv è stato costituito uno spazio privilegiato per la cura delle donne e dei bambini; le distanze tra mamma e neonato, madre e figlio, papà e mamma, marito e moglie, donna e famiglia, che sovente si riscontrano nelle cure ospedaliere, sono state sensibilmente ridotte'.

Un altro aspetto da non trascurare è poi l'orientamento della cittadinanza, che ha mostrato di essere vicina all'evocata medicina di prossimità che ha testimoniato essere altresì, si annota nella presa di posizione, una 'medicina finalmente più attenta alle questioni di genere'. 'L’Iniziativa popolare 'Giù le mani dagli ospedali' (lanciata dall’Mps) - fa memoria l'AlternativA - aveva raccolto il 48,71 per cento di voti favorevoli. Ed era stata respinta per un pelo. L’iniziativa chiedeva, tra l’altro 'di garantire nei quattro ospedali regionali di Bellinzona, Locarno, Lugano e Mendrisio reparti di medicina interna, chirurgia, pediatria, ginecologia, ostetricia e terapia intensiva', rispondendo chiaramente alla sensibilità della popolazione'.

L'Mps l'aveva subodorato

Il Movimento per il socialismo il 9 marzo scorso, del resto, aveva già letto fra le righe delle decisioni del governo cantonale la tentazione di mettere mano alla pianificazione ospedaliera. 'Pur comprendendo la necessità di mettere a disposizione il personale sanitario, l’Mps - aveva scritto in una nota - non condivide le scelte, decise domenica, di chiudere i pronto soccorso degli ospedali di valle e di concentrare in soli due ospedali  - Lugano e Bellinzona, ndr - le cure di ostetricia. Senza voler pensare male, e certo avendo preso atto che si dichiara che si tratta di misure provvisorie, sembra che Eoc e governo vogliano utilizzare la crisi del coronavirus per ribaltare il risultato di decisioni pianificatorie che il popolo aveva respinto nel referendum del giugno 2016'. Ecco che l'esito dell'incontro interno alle strutture dell'Ente in agenda lunedì sarà rivelatore.

E il Ppd chiede 'rassicurazioni' al governo

In ogni caso i deputati del Mendrisiotto del Ppd hanno deciso di mettere decisamente le mani avanti. Martedì di fronte al Gran consiglio si discuteranno i conti dell'Ente ospedaliero cantonale e mai occasione è stata più propizia per affrontare l'argomento. In quel frangente Giorgio Fonio, a nome pure dei colleghi Maurizio Agustoni e Luca Pagani, chiederà, ci conferma, delle rassicurazioni al Consiglio di Stato. Non solo, i tre parlamentari, rilanciano in una nota, confidano 'in una risposta che fughi ogni dubbio e, anzi, ribadisca senza esitazioni la presenza di una maternità nel Mendrisiotto'. È chiaro, annotano ancora, 'le notizie circa un possibile smantellamento della maternità all’Obv suscitano comprensibilmente preoccupazione e incredulità'. Prevale, però, la convinzione che 'né l’Eoc, né tanto meno il Consiglio di Stato potrebbero seriamente considerare una simile decisione'.

Una cosa è cristallina, il tema nel Dstretto è quanto mai sensibile, da qualsiasi parte politica lo si guardi. I gran consiglieri Ppd della regione, al pari di colleghi di altre forze, come riconoscono gli stessi Fonio, Agustoni e Pagani, sono 'da sempre in prima linea per la salvaguardia dell’offerta sanitaria presso l’Obv di Mendrisio. Pensiamo da ultimo all’emendamento approvato dal Gran consiglio per l’aumento dei posti letto presso l’unico ospedale del distretto'. 

© Regiopress, All rights reserved