meno-utenti-distanti-e-per-meta-con-la-mascherina-sui-bus
Sognando la vecchia normalità (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 ore

‘Il lupo ha un impatto su tutta la società’

Il grido d’allarme dei Giovani contadini ticinesi: ‘Il nostro futuro è a rischio! L’autorità reagisca’
Ticino
8 ore

Droni e termocamere per salvare i cuccioli di capriolo

Il sistema per proteggere i piccoli dai pericoli dello sfalcio dei prati è stato messo a punto dal Dt in collaborazione con alcuni agricoltori
Mendrisiotto
9 ore

Mortale Rancate, motociclista e conducente dell’auto indagati

Il procuratore pubblico, Simone Barca, ha aperto un’inchiesta per l’ipotesi d’omicidio colposo. Il motociclista risultato negativo al test dell’alcol
Luganese
9 ore

‘È una conferenza per governi e multinazionali occidentali’

Lo denuncia il Comitato contro la guerra in Ucraina. In serata ci sono state due manifestazioni, una inattesa, in Piazza Dante
Ticino
9 ore

Parto in carcere, la commissione parlamentare verifica

Filippini: ‘Sentiremo detenuta e personale’. Laffranchini: ‘Riteniamo di aver agito correttamente facendo tutto il possibile date le circostanze’
Mendrisiotto
10 ore

Nella Città di Mendrisio i parchi si animano

Fino a settembre in alcune delle aree verdi presenti sul territorio comunale la domenica pomeriggio si gioca e ci si diverte
Luganese
10 ore

Campione d’Italia, le roulette possono continuare a girare

I commissari giudiziali del Tribunale di Como approvano il piano integrativo della casa da gioco a un anno dalla richiesta di concordato
Luganese
11 ore

Sagra della costina a Madonna d’Arla con lo sci club

La manifestazione alla sua 49esima edizione nel castagneto del Pian Piret in programma il 14, 15 e 16 luglio
Luganese
11 ore

Lugano, perdita d’acqua in via Maraini: disagi alla circolazione

Sulla strada si circola su una sola corsia e a senso alternato. La polizia invita a usare l’accesso autostradale di Lugano Nord
Mendrisiotto
12 ore

Mendrisio, tiro sportivo promosso da Pro Militia

Il 16 luglio al Centro sportivo di Penate è in programma il tradizionale evento
Luganese
12 ore

Concerto di Fabri Fibra, Lugano chiude il lungolago

Chiuso alla circolazione veicolare il quai mercoledì sera, da Piazza Castello alla rotonda del Lac
Mendrisiotto
13 ore

Mendrisio, divieto di usare acqua per scopi non domestici

La misura intimata a tutti i quartieri della Città a causa ‘del perdurare di scarsità di precipitazioni e dei forti consumi’
Bellinzonese
13 ore

Feste campestri a Campo Blenio

Tradizionale appuntamento organizzato dallo Sci club Greina, quest’anno in programma sabato 9 e domenica 10 luglio
Luganese
13 ore

A tu per tu con Ceo e allenatore dell’Fc Lugano a Tesserete

Conferenza pubblica giovedì al centro balneare moderata dal giornalista sportivo Giancarlo Dionisio
laR
 
16.05.2020 - 06:00

Meno utenti, distanti e (per metà) con la mascherina sui bus

È la prima fotografia scattata dal direttore dell'Autolinea Mendrisiense. Il servizio scolastico? 'Ha funzionato'

Il direttore dell'Autolinea Mendrisiense (Amsa) tiene d'occhio di persona il viavai di autobus arancione che mette in rete Basso e Alto Mendrisiotto. Sotto osservazione c'è il servizio del post 'lockdown'. Riprese le corse urbane e regionali regolari, la nuova quotidianità sembra essersi adattata alle attuali regole del vivere quotidiano: igiene delle mani e distanze sociali. A una settimana dalla riapertura di negozi e ritrovi, in effetti qualche utente in più è salito sui mezzi pubblici. "Un leggero aumento dalla chiusura totale lo abbiamo registrato - conferma a 'laRegione' Ivano Realini -, ma non siamo certo ancora sui numeri di prima". Una tendenza che il dirigente aveva notato fin dalla settimana successiva al 27 aprile e al ritorno ai piani di trasporto abituali (in coincidenza con le cadenze su rotaia di Tilo). "Si può dire che sui veicoli il distanziamento oggi è largamente rispettato". Realini, però, si aspetta di più pure dai passeggeri.

'Sui bus meglio con il volto protetto'

"Ritengo sia fondamentale in questo momento che le persone siano pronte a indossare anche la mascherina quando prendono l'autobus", ci dice Realini. Da subito il suo obiettivo (che coincideva con la preoccupazione primaria), del resto, è stato quello di recuperare terreno sulle consuetudini d'un tempo. "Adesso - ribadisce -, è importante fare in modo che gli utenti si sentano sicuri sugli autobus e riprendano la loro vita normale". Sta di fatto che prima di riuscire a trasformare l'attitudine a proteggersi il volto in un gesto naturale ci vorrà ancora del tempo. Anche se il messaggio pare stia passando. "A mo' d'esempio, le posso dire che sul bus che ho di fronte a me (nel momento in cui l'abbiamo raggiunto al telefono, ndr), la metà circa dei 12 viaggiatori a bordo porta la mascherina".

Un dato che il direttore ha avuto la possibilità di riscontrare, seppur empiricamente, pure durante i suoi sopralluoghi di questi ultimi giorni. "In effetti, ho potuto constatare - ci racconta il dirigente di Amsa - che oltre il 50 per cento degli utenti la indossa. Il discrimine che balza all'occhio è quello dell'età. Mentre tra i 40enni e i 50enni quasi tutti hanno la mascherina - si può stimare un buon tre quarti delle persone -, fra i ragazzi è rara. Chissà, forse, se un 'influencer' facesse da testimonial le percentuali potrebbero cambiare". Questa la situazione fotografata sin qui sulle strade battute dai mezzi arancione.

Corse scolastiche, 'nessun problema'

E a proposito di ragazzi (o meglio di alunni), un'altra sfida per l'Amsa è stata la riapertura delle scuole. L'impegno da parte dell'azienda di trasporto del Mendrisiotto non è mancato, così come il dialogo con gli Istituti scolastici, in particolare delle scuole medie. Introdotta la turnazione per rispondere meglio alle esigenze delle sedi e alle lezioni scaglionate, si è dovuto adeguare anche il ritmo del servizio. "Ci siamo organizzati con le scuole in base al numero di alunni annunciati; e per finire le corse sono riprese in modo regolare. A parte a Chiasso, dove abbiamo dovuto prevedere dei trasporti un po' particolari visto gli orari previsti - ci spiega Realini -, per gli altri centri scolastici si è fatto capo alla normale pianificazione, con l'inserimento, di nuovo, di corse di linea supplementari per i ragazzi".

Una strategia che ha funzionato, ci fa capire il direttore. "Questa soluzione, infatti, ci ha permesso, da un lato, di separare gli studenti dall'utenza regolare (riservando loro, di fatto, dei veicoli), e dall'altro di reagire alle necessità delle scuole senza problemi". La presenza a turni in classe, poi, ha fatto il resto. "Diciamo che ha dato modo di mantenere facilmente le distanze sul bus, evitando rischi da questo punto di vista. Inoltre, abbiamo notato che gli allievi sono stati sensibilizzati durante le settimane della pandemia: lo testimonia il loro comportamento abbastanza corretto sui trasporti pubblici".

'La copertura finanziaria? Discorso aperto'

Va detto che ad oggi si è compiuto solo il primo atto del riavvicinamento alla vecchia normalità. Il pensiero di Ivano Realini va, ed è inevitabile, a settembre. "Al momento restiamo in attesa di indicazioni - annota -. Di sicuro dovremo capire come muoverci e cosa approntare: ne dovremo parlare con la Sezione della mobilità". A rimanere in sospeso è altresì la copertura finanziaria garantita dal Cantone sul servizio scolastico. "Il discorso a livello cantonale è ancora aperto e, al pari di quello sull'organizzazione delle corse, sarà ripreso prima della fine dell'anno scolastico. A quel punto sapremo anche cosa potremo fatturare. Penso, comunque - chiosa con ottimismo -, che troveremo una soluzione. Sarà utile affrontare il tema sul piano generale con entrambi i dipartimenti interessati (Territorio ed Educazione, culturale e sport, ndr) e tutte le aziende di trasporto". D'alta parte, al momento, ammette il direttore, non è questa la sua preoccupazione principale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved