ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
1 ora

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
1 ora

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
2 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
3 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
3 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
4 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
4 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
10.03.2020 - 16:47
Aggiornamento: 17:14

A maglie strette, la 'rete' al valico non tralascia nessuno

Controlli capillari al valico senza eccezioni: o sei in regola o non entri in Svizzera (e viceversa). La testimonianza dalla dogana di Chiasso Strada

di Stefano Lippmann
a-maglie-strette-la-rete-al-valico-non-tralascia-nessuno
Ti-Press/D. Agosta Controlli capillari, sia in entrata che in uscita dalla Svizzera
+1

"Buongiorno. Ha merce da dichiarare? Entra in Svizzera per lavoro? Posso vedere il permesso?". Alla dogana di Chiasso Strada (ma come in tutte le altre presenti nel Mendrisioto e non solo) è questa la frase del giorno. Parole che si ripetono ad ogni auto in transito. "Sto andando all'ospedale psichiatrico di Mendrisio dove lavoro" risponde una donna a bordo di un'utilitaria. "Sono un impiegato del Serfontana", dichiara un altro conducente. "Sì, sì, sto andando a lavorare" commenta una ragazza che non abbandona nemmeno per un secondo la mascherina che indossa. E poi, mentre la coda – sia a Chiasso che a Ponte Chiasso – aumenta, c'è anche chi deve fare dietrofront. Come nel caso della signora che, presentatasi alle Guardie a bordo di un'auto immatricolata in Italia, spiega loro che sta entrando in Svizzera per tornare a casa. "Ma come signora?" s'interroga il militare. "Lavoro a Ponte Chiasso ma sono residente in Svizzera". Non sappiamo se sia stata detta la verità o se si tratti di una 'furbata'... No, in questo caso non si passa. D'altronde, la direttiva emanata lunedì sera da Berna parla chiaro: le Guardie di confine entrano in gioco – in prima linea – nel verificare chi e per quale motivo sta entrando sul suolo elvetico. Senza tralasciare nessuno. Già, perché anche i conducenti delle auto con targa svizzera vengono fermati. Il messaggio è chiaro: "A bordo potrebbero esserci persone che risiedono o hanno soggiornato in Italia". 

Un controllo così capillare inevitabilmente paralizza il traffico. Succede in entrata, come pure per chi la Svizzera vuole lasciarla. I militari della Guardia di finanza hanno lo stesso ruolo, a poche decine di metri di distanza. Ma, in questo caso, il documento da esibire è soprattutto l'autocertificazione del Governo italiano. Ce la mostra un uomo residente a Sagnino che lavora a Chiasso. Un documento dove si "dichiara la propria responsabilità" e si menziona l'itinerario dello spostamento e per quale motivo. Poche le opzioni in tal senso: se si lascia il luogo dove si vive è per "comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di salute o rientro presso il proprio domicilio". E per chi non fosse in possesso dell'autocertificazione possono essere guai: si rischiano fino a 3 mesi di carcere, convertiti con una multa di 206 euro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved