ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Comprarsi mezza Locarno con un lancio di dadi, da oggi si può

Dopo le edizioni dedicate a Lugano e al Ticino, arriva sul mercato anche la versione incentrata sulla Città sul Verbano del gioco da tavolo Monopoly
Luganese
4 ore

I martedì creativi del Centro diurno Talete

Origami e pasta da modellare nei pomeriggi organizzati alla struttura di Pro Senectute a Lamone
Luganese
5 ore

Va in scena ‘Avventura e Sicurezza’. Più di un’esercitazione

A Lugano gli enti di soccorso del cantone si presentano alla popolazione. Sarà possibile cimentarsi con le diverse attività
Luganese
5 ore

Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage

L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Luganese
5 ore

Crisi energetica, a Lugano piscine e palestre più fredde

Il Municipio ha deciso di implementare alcune misure volte al risparmio di elettricità e gas. Alcune di queste sono comportamentali.
Ticino
7 ore

‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’

Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Bellinzonese
8 ore

La cucina medievale regina della giornata dei castelli

L’antica gastronomia sarà il filo conduttore delle attività proposte domenica 2 ottobre nei tre manieri cittadini
Luganese
8 ore

Lugano è per AlpTransit a sud. Chi si batte plaude

‘Pro Gottardo ferrovia d’Europa’ soddisfatta per la risoluzione unanime sottoscritta dal Consiglio comunale
Luganese
8 ore

Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni

Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
8 ore

A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo

Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Grigioni
9 ore

Augio, presentazione di un libro fotografico sulla Val Calanca

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 20 al ristorante La Cascata, in presenza dell’autore Sergio Luban
Bellinzonese
9 ore

Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’

È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Luganese
9 ore

Il centro di Lugano si veste d’autunno

Nel solco della tradizione la Città propone momenti enogastronomici, bancarelle, musiche e giochi per tutti
Luganese
10 ore

La Città si mette il... ‘Cinema in Tasca’

Torna la rassegna che propone grandi film a prezzi popolari. Si parte con la stagione autunnale il 12 ottobre
Mendrisiotto
10 ore

‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié

La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Locarnese
10 ore

Sviluppo del comparto del Lido, perché il Municipio ‘tentenna’?

Lo chiede tramite un’interpellanza all’esecutivo di Locarno il consigliere comunale Udc Bruno Baeriswyl
Mendrisiotto
10 ore

Da Morbio Inferiore un viaggio nel tempo in due incontri

In programma due conferenze storiche: la prima sulla Belle Époque, la seconda sul contrabbando
Locarnese
10 ore

Russo, le pannocchie attendono di essere esposte al sole

L’Associazione farina bona organizza il 4 ottobre una giornata di raccolta del mais. Si cercano volontari
Gallery
Locarnese
11 ore

Ad Avegno l’Accademia Dimitri ha trovato la sede aggiunta

Da settembre è attiva al Centro Punto Valle la nuova casa destinata alle mutate offerte formative degli allievi. Ospita sale, biblioteca e atelier
03.03.2020 - 11:14
Aggiornamento: 11:35

Stabio, le 'modine' in Piazza danno il la alla riqualifica

In pubblicazione da oggi anche il progetto stradale che porterà in centro paese una zona 20 e darà la precedenza alla qualità di vita

stabio-le-modine-in-piazza-danno-il-la-alla-riqualifica
La cronologia (Infografica laRegione)

Da qualche giorno nel centro storico di Stabio sono spuntate le fatidiche 'modine'. Questa volta ci siamo: in Comune si è pronti a partire con i lavori di sistemazione e di riqualifica di piazza Maggiore. Un progetto atteso e di cui si parla da cinque anni. Il Municipio, del resto, non ne ha mai fatto mistero: riappropriarsi del ‘cuore’ del paese era un obiettivo di legislatura. Ecco che, il quadriennio agli sgoccioli, da oggi sarà in pubblicazione in veste ufficiale la domanda di costruzione. Dossier che i cittadini potranno consultare fino al 17 marzo all’Ufficio tecnico comunale. Ci sarà tempo, invece, sino al primo aprile per prendere visione del progetto stradale comunale che allarga lo sguardo anche a via Piazzolo, via al Castello, via Ufentina, via Cappellino Sora, vicolo al Gropp e via Grütli. Le ambizioni, infatti, sono anche più estese: con questo intervento ci si prefigge di trasformare l’intero comparto in una 'zona 20', una cosiddetta zona d’incontro (di nome e di fatto). Detta altrimenti, a opere concluse si circolerà a 20 chilometri orari e la precedenza sarà data al pedone. Sul tavolo, d’altro canto, c’è un investimento, globale, di oltre 2,8 milioni di franchi. Da programma, 1,6 milioni circa sono concentrati proprio sulla piazza-spazio pubblico.

‘Sicurezza e qualità di vita’

In un Comune che nei prossimi anni avrà un gran daffare per poter mettere mano alla sua pianificazione – dalla ‘zona speciale’ di Montalbano alla conversione dell’area del Punto franco –, restituire concretezza ai piani immaginati per la piazza fin dal 2015 non è un risultato da poco. E il sindaco Simone Castelletti non lo nasconde di certo. «Da sempre – esordisce – ciò che vogliamo raggiungere come esecutivo è il massimo della sicurezza e della qualità di vita per la popolazione – che è ciò che ci chiede la cittadinanza –, certo nei limiti stabiliti dal Piano regolatore». E allora avanti con il ‘restyling’ della piazza e la sua valorizzazione, puntando (letteralmente) i riflettori (anzi, la giusta illuminazione, a Led) su quello che è destinato a diventare (di nuovo) il fulcro della quotidianità locale; il tutto nel segno della proposta vincitrice, firmata dallo studio Celoria Architects Sagl di Balerna. E avanti con i dossi e la cartellonistica, decisi a rallentare il viavai veicolare.

‘È il momento di passare all’azione’

Tutti contenuti che l’autorità comunale aveva anticipato giusto un anno fa. «Abbiamo scelto la linea della massima trasparenza visto l’importanza del progetto – ribadisce il sindaco –. In effetti, la serata pubblica, affollata, era ben riuscita e vissuta con grande entusiasmo».

I cantieri aperti sul fronte pianificatorio sono diversi e di peso, ma la piazza era in cima alla lista, quindi. «È vero i cantieri aperti sono tanti, una cosa però è certa – ci risponde Castelletti –, la riqualifica e la valorizzazione della piazza era un obiettivo. Se ne parla da tempo, si misura, si progetta, adesso è giunto il momento di realizzarla e poi di viverla tutti assieme».

Inutile dire che Stabio tiene a fare di piazza Maggiore il suo ‘biglietto da visita’. «Io ci credo – insiste Simone Castelletti –: la piazza deve tornare a essere il ‘cuore’ pulsante del paese, deve tornare a essere la ‘casa’ dei cittadini di Stabio. E questo progetto, che restituirà valore alla piazza e ai suoi dintorni, ne farà un luogo di incontro per tutte le generazioni, dai bambini agli anziani».

Un palco e i gradoni

Nella visione dei progettisti regnerà l’armonia fra la collina del castello, la nuova piazza e le strade del paese, facendo leva sulla forma ellittica del ‘cuore’ del comune. Ed ellittico sarà altresì il palco dove andrà in scena la vita culturale locale, sullo sfondo il Museo della civiltà contadina. Senza trascurare l’area verde modellata da gradoni in calcestruzzo e prato che, come già spiegato dallo stesso Municipio, daranno modo di assistere alle manifestazioni alla ribalta o, più semplicemente, di fermarsi in piazza per due chiacchiere. Eppoi c’è la zona di incontro, agli occhi del sindaco, «un valore aggiunto» per l’aggregazione sociale.

Parola chiave, aggregare

Per aggregare le persone, è indubbio, servono le occasioni giuste. Ma quanto proposto negli ultimi mesi – anche su iniziativa del Museo – ha dimostrato che le buone idee sanno catturare l’attenzione dei cittadini e riempire la piazza. «È fondamentale – insiste il sindaco – che la piazza si trasformi in un luogo accogliente e con questo intervento, come detto, lo diventa, sia durante la giornata che di sera, che la notte, grazie al progetto di illuminotecnica che renderà possibile dare ulteriore valore ai punti di forza architettonici e artistici dell’intervento, rivelandosi il giusto complemento alla valorizzazione della piazza».

Alcuni ingredienti, poi, già sussistono. «In centro abbiamo due ritrovi, dove bere un caffé – fa notare Castelletti –. A favorire la socializzazione ci penseranno le future gradinate, ed è un aspetto positivo. Si potrà assistere a eventi musicali e culturali approfittando del palco. Inoltre, c’è il Museo a due passi. Senza dimenticare che si cerca di collaborare sempre di più con le nostre preziose associazioni. In altre parole, ci sono elementi che fanno presagire, lo speriamo almeno, che la piazza torni a essere, lo ripeto, il ‘cuore’ pulsante del paese».

In futuro, tanta pianificazione

Tagliato il traguardo di piazza Maggiore, nel corso della prossima legislatura le istituzioni locali saranno chiamate, in ogni caso, a concentrarsi sugli altri capitoli della pianificazione comunale, non meno strategici e he stanno facendo discutere non poco (come nel caso del comparto collinare di Montalbano, ad esempio). «Abbiamo tanto lavoro in vista, è vero – riconosce il sindaco –. La sistemazione di piazzale Solza è stato un altro tema importante di questa quadriennio e che ha al suo attivo un messaggio approvato all’unanimità dal legislativo (c’è un solo ricorso). E verrà rivisto nei prossimi anni. D’altra parte, in quattro anni abbiamo pur sempre portato avanti 112 messaggi municipali per oltre 22 milioni di investimenti. L’attività politica è stata significativa». Con l’obiettivo della piazza centrato, si potrebbe dire, al momento giusto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved