ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito

Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
2 ore

Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’

I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
2 ore

Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere

La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
3 ore

Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia

La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
3 ore

‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’

Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Luganese
3 ore

Pregassona, riproposto il Natale insieme

Aperte le iscrizioni per il pranzo in compagnia organizzato al capannone dal Kiwanis Club Lugano, dopo due anni di pausa dovuti alla pandemia
Luganese
4 ore

Lugano celebra i suoi volontari

In occasione della Giornata internazionale del volontariato indetta dalle Nazioni Unite, il Municipio ha ringraziato i settecento presenti
Bellinzonese
4 ore

Bella prova degli schermidori turriti in quel di Küssnacht

Associazione Bellinzona scherma soddisfatta dei propri atleti che hanno partecipato alla prima gara a livello nazionale dopo il lungo stop dovuto al Covid
Luganese
4 ore

Cureglia, dopo due anni torna il pranzo per le persone in Avs

Al tradizionale appuntamento hanno partecipato centinaia di cittadini e il Municipio al completo guidato dalla sindaca Tessa Gambazzi Pagnamenta
Locarnese
4 ore

La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’

Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Bellinzonese
4 ore

Riduzione della sofferenza psicofisica o stress con l’Atte

Il corso di Mindfulness (otto incontri e una giornata intensiva) si terrà a partire dal 18 gennaio al Centro diurno a Bellinzona
Mendrisiotto
4 ore

Lanciata la petizione contro il postribolo a Balerna

Nelle scorse settimane era stata depositata la richiesta per il cambio di destinazione d’uso di un edificio che attualmente ospita un’officina
22.02.2020 - 11:15

Stabio, quel passaggio pedonale a rischio

A cinque anni dal varo della stazione Tilo manca un attraversamento stradale sicuro. Il gruppo Plr rilancia il progetto di un sottopasso

Da cinque anni ormai anche Stabio può vantare la sua stazione ferroviaria. Essere uno degli snodi lungo la via ferrata fra Mendrisio e Varese (Malpensa) ha i suoi vantaggi. Il punto è un altro. Scesi dal treno, i problemi iniziano quando si mette piede sull’asse stradale: attraversare, pur diligentemente sulle strisce pedonali, può pure avere i suoi rischi. È da un po’, infatti, che in paese si attende un intervento risolutivo. Quello fra lo scalo Tilo e piazzale Solza, del resto, è un passaggio importante per collegare al centro del Comune di confine. Ora, poi, che dal primo gennaio la superstrada MendrisioStabio est è passata nelle mani della Confederazione – a dimostrarlo c’è la vignetta autostradale –, le aspettative crescono. Adesso anche via Cantonale e via Gaggiolo sono di competenza dell’Ufficio federale delle strade (Ustra).

Per il gruppo Plr di Stabio – in testa il capogruppo Evaristo Reggi – non si può più tergiversare: serve una “soluzione concreta, realizzabile e nell’interesse dei cittadini”. E questo per far sì che la stazione “possa essere adeguatamente collegata con la zona residenziale di Stabio”. L’esortazione rivolta al Comune è, quindi, chiara: “Promuovere il progetto di attraversamento tramite sottopasso della strada cantonale”. Una soluzione che, agli occhi dei liberaliradicali, darebbe modo “a tutti i cittadini, in salute o con difficoltà motorie, genitori con carrozzine e passeggini, ciclisti o utenti con pattini o monopattini, di attraversare la strada in totale sicurezza”. E ciò laddove oggi vi è un passaggio pedonale “di dubbia sicurezza e di ragionevole pericolo”. Preme, quindi, sapere se il Municipio è già in contatto con gli enti superiori; e se questi ultimi sono a conoscenza della problematica. Ma soprattutto, chiede il Plr, “il Comune come si è mosso e come intende muoversi”? E il sottopasso è realizzabile? In caso contrario, “quali sono le soluzioni individuate”? A Stabio, del resto, vi è la consapevolezza, annotano gli autori dell’interrogazione, che “con l’avvento della stazione Ffs, l’intero comparto in questione è divenuto un luogo centrale e di primaria importanza per il nostro Comune”. Tant’è che si attende con “impazienza” di conoscere l’esito del ricorso sulla riqualifica di piazzale Solza, potenziale “degna porta d’entrata” al paese, che apre, altresì, all’introduzione di una zona 30 nell’area scolastica. Tutti interventi “validi” e varati da Municipio e legislativo, rilanciano i consiglieri Plr, che richiamano a una mobilità sostenibile.

Tra Spa394 e bretella (per Chiasso)

Nel Mendrisiotto, d’altra parte, sono in tanti a condividere l’obiettivo. Non a caso, pure da fuori Comune gli occhi sono puntati su superstrada e dintorni. A tornare a far discutere è il completamento dell’arteria verso il Gaggiolo, che ora sposta l’attenzione su Berna. Il tracciato è nei piani (a vari livelli) da tempo, ma il nodo resta e la progettazione, quale strada nazionale, non è ancora partita e la tempistica non è nota. Anche per il Municipio di Chiasso, che non ha ancora deciso da che parte stare (se con i favorevoli o i contrari al prolungamento), la questione non è secondaria. Non lo è perché i dati del traffico di transito giornaliero – di auto e camion – non accennano a diminuire, anzi. Eppoi sul tavolo c’è sempre la bretella fra Chiasso e Stabio, parte, ricorda a sua volta l’esecutivo chiassese rispondendo alle sollecitazioni dei consiglieri Amedeo Mapelli e Patricia Wasser del Ppd, Luca Bacciarini del Plr e di Us-I Verdi, della ‘fase 3’ della riorganizzazione dello svincolo autostradale di Mendrisio, con l’innesto in zona Tana fra A2 e superstrada. “Ustra – motiva l’autorità cittadina – ha riservato da anni i terreni per completare l’opera, ma il progetto non è ancora stato avviato”. In ogni caso ha “sicuramente un’importanza” nel collegamento diretto fra la cittadina e Stabio. Ecco che, prima di dirsi pro o contro (“compiutamente”) la Stabio est-Gaggiolo, l’Ufficio federale dovrebbe, si fa capire, allestire il progetto di fattibilità, con due varianti, contemplando (in una di queste) anche la bretella.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved