rete-di-sicurezza-per-le-famiglie
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
4 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
4 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
4 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
4 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
4 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
5 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
5 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
5 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
5 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
5 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
18.11.2019 - 22:01
Aggiornamento: 22:38

Rete di sicurezza per le famiglie

Il piano d’azione della Città viene attuato dopo aver stretto un’alleanza con gli enti che operano sul territorio. Una prima nel Ticino dei Comuni

C’è chi preferisce chiamarlo ‘Welfare’, all’inglese. Ma di fatto si tratta di Stato sociale. Chi è allergico all’assistenzialismo, comunque, non tema: la Città di Mendrisio ha deciso di metterlo in pratica con un unico intento, contribuire al benessere dei propri cittadini, e sin dalla più tenera età. Così ha pensato bene di stringere le maglie della rete di sicurezza a favore delle famiglie e tessere un’alleanza con chi opera sul campo. Ne è nata (il giugno scorso) ‘Rete Infanzia Mendrisio’. E a livello comunale in Ticino, si assicura, è una prima. Oggi in coincidenza con il Convegno cantonale delle politiche giovanili – ‘Per Educare un villaggio ci vuole un bambino’ –, l’autorità comunale presenterà in veste ufficiale il progetto. Al suo fianco ci saranno l’Associazione Progetto genitori, Radix e la Supsi.
Essere pragmatici, ma soprattutto dare delle risposte “efficaci” a problemi locali. Questo è ciò che sta a cuore al Comune e agli enti – dodici in tutto quelli coinvolti – in questa vera e propria azione contro le povertà materiali ed educative. Da qui al 2021 ci si prefigge, infatti, di mettere in atto un piano a supporto delle famiglie più vulnerabili. Perché, come si fa capire fin dalle prime righe della scheda che restituisce le coordinate della strategia comunale, le disuguaglianze si combattono fin dai primi anni di vita di un bambino. Tutti i nuclei familiari (quindi tutti i bimbi) meritano, infatti, di avere pari opportunità. Sia chiaro, si tiene a far sapere dal Dicastero politiche sociali della Città, a Mendrisio i servizi a sostegno della politica familiare non mancano: il loro intervento, però, è per lo più individuale. “Rimangono pertanto scoperte – si osserva nel documento– alcune aree che il progetto intende ridurre, rafforzando una concertazione di rete”. Di statistiche per circoscrivere il fenomeno non ce ne sono, ma esiste una realtà invisibile proprio perché isolata. Agli occhi della Città “le strutture familiari maggiormente a rischio risultano essere le famiglie monoparentali, le famiglie numerose con più figli in età ravvicinata e quelle con rete familiari e sociali di tipo informale caratterizzate da precarietà e debolezza”. E qui, si ribadisce, “la frammentazione dei servizi accresce la difficoltà di accesso a una rete di sostegno da parte di alcune tipologie di famiglie”. Per andare al fondo del problema, dunque, la Rete ha individuato cinque priorità a cui reagire. Ovvero l’isolamento, la scarsa conoscenza del territorio, la difficoltà di accedere alle sue risorse o la “mancanza di fiducia verso i servizi”, oltre al poco coordinamento e scambio fra gli attori sul terreno. Di conseguenza, per la Città e la “cabina di regia” del progetto – al tavolo Progetto genitori, Sacd e Radix –, le parole chiave sono rafforzare (la rete), migliorare (la comunicazione e le occasioni), promuovere (l’accesso facilitato ai servizi) e individuare figure di riferimento.

Tre azioni per rispondere ai bisogni

A questo punto si può passare all’azione, a disposizione un ‘budget’ di 256mila franchi). Tre le iniziative pianificate sull’arco di tre anni, che daranno modo altresì di tastare il polso dell’operazione e di seguire da vicino le famiglie. Ci si concentrerà subito sulla programmazione di eventi (in particolare d’estate) e momenti di incontro genitori-bambino (una ventina l’anno). Di seguito si ragionerà su come raggiungere i nuclei familiari, a cominciare dai nuovi arrivati in Città, e si traccerà una mappa su ciò che offre il Comune e si poseranno dei cartelloni nei “luoghi sensibili”. E non da ultimo, si indicheranno, come detto, le figure chiave che aiuteranno a mettere in contatto le famiglie e la rete. E qui l’attenzione andrà all’esigenza di far leva sulla prossimità.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved