ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
25 min

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
26 min

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
40 min

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
45 min

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
48 min

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Grigioni
53 min

Sci alpino di notte e nordico di giorno a San Bernardino

Sabato 4 febbraio a Pian Cales sarà possibile sciare anche dalle 19 alle 22. Domenica 5 prova gratuita del materiale per lo sci di fondo
Luganese
1 ora

Monteceneri ha 122 abitanti in più

Nel comune continua a esserci una maggioranza di uomini. Le nascite sono state superiori ai decessi
Bosco Gurin
1 ora

Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’

L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
GALLERY
Luganese
2 ore

Valorizzazione e conservazione alla torbiera di Gola di Lago

Gli interventi dell’Ufficio della natura e del paesaggio avevano l’obiettivo di conservare la qualità ecologica del biotopo
Ticino
3 ore

In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità

Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Mendrisiotto
3 ore

‘Il benessere alimentare’, se ne parla a Chiasso

Nell’incontro promosso da Acd a Villa Olimpia si affronteranno vari temi legati all’alimentazione
18.11.2019 - 22:01
Aggiornamento: 22:38

Rete di sicurezza per le famiglie

Il piano d’azione della Città viene attuato dopo aver stretto un’alleanza con gli enti che operano sul territorio. Una prima nel Ticino dei Comuni

rete-di-sicurezza-per-le-famiglie

C’è chi preferisce chiamarlo ‘Welfare’, all’inglese. Ma di fatto si tratta di Stato sociale. Chi è allergico all’assistenzialismo, comunque, non tema: la Città di Mendrisio ha deciso di metterlo in pratica con un unico intento, contribuire al benessere dei propri cittadini, e sin dalla più tenera età. Così ha pensato bene di stringere le maglie della rete di sicurezza a favore delle famiglie e tessere un’alleanza con chi opera sul campo. Ne è nata (il giugno scorso) ‘Rete Infanzia Mendrisio’. E a livello comunale in Ticino, si assicura, è una prima. Oggi in coincidenza con il Convegno cantonale delle politiche giovanili – ‘Per Educare un villaggio ci vuole un bambino’ –, l’autorità comunale presenterà in veste ufficiale il progetto. Al suo fianco ci saranno l’Associazione Progetto genitori, Radix e la Supsi.
Essere pragmatici, ma soprattutto dare delle risposte “efficaci” a problemi locali. Questo è ciò che sta a cuore al Comune e agli enti – dodici in tutto quelli coinvolti – in questa vera e propria azione contro le povertà materiali ed educative. Da qui al 2021 ci si prefigge, infatti, di mettere in atto un piano a supporto delle famiglie più vulnerabili. Perché, come si fa capire fin dalle prime righe della scheda che restituisce le coordinate della strategia comunale, le disuguaglianze si combattono fin dai primi anni di vita di un bambino. Tutti i nuclei familiari (quindi tutti i bimbi) meritano, infatti, di avere pari opportunità. Sia chiaro, si tiene a far sapere dal Dicastero politiche sociali della Città, a Mendrisio i servizi a sostegno della politica familiare non mancano: il loro intervento, però, è per lo più individuale. “Rimangono pertanto scoperte – si osserva nel documento– alcune aree che il progetto intende ridurre, rafforzando una concertazione di rete”. Di statistiche per circoscrivere il fenomeno non ce ne sono, ma esiste una realtà invisibile proprio perché isolata. Agli occhi della Città “le strutture familiari maggiormente a rischio risultano essere le famiglie monoparentali, le famiglie numerose con più figli in età ravvicinata e quelle con rete familiari e sociali di tipo informale caratterizzate da precarietà e debolezza”. E qui, si ribadisce, “la frammentazione dei servizi accresce la difficoltà di accesso a una rete di sostegno da parte di alcune tipologie di famiglie”. Per andare al fondo del problema, dunque, la Rete ha individuato cinque priorità a cui reagire. Ovvero l’isolamento, la scarsa conoscenza del territorio, la difficoltà di accedere alle sue risorse o la “mancanza di fiducia verso i servizi”, oltre al poco coordinamento e scambio fra gli attori sul terreno. Di conseguenza, per la Città e la “cabina di regia” del progetto – al tavolo Progetto genitori, Sacd e Radix –, le parole chiave sono rafforzare (la rete), migliorare (la comunicazione e le occasioni), promuovere (l’accesso facilitato ai servizi) e individuare figure di riferimento.

Tre azioni per rispondere ai bisogni

A questo punto si può passare all’azione, a disposizione un ‘budget’ di 256mila franchi). Tre le iniziative pianificate sull’arco di tre anni, che daranno modo altresì di tastare il polso dell’operazione e di seguire da vicino le famiglie. Ci si concentrerà subito sulla programmazione di eventi (in particolare d’estate) e momenti di incontro genitori-bambino (una ventina l’anno). Di seguito si ragionerà su come raggiungere i nuclei familiari, a cominciare dai nuovi arrivati in Città, e si traccerà una mappa su ciò che offre il Comune e si poseranno dei cartelloni nei “luoghi sensibili”. E non da ultimo, si indicheranno, come detto, le figure chiave che aiuteranno a mettere in contatto le famiglie e la rete. E qui l’attenzione andrà all’esigenza di far leva sulla prossimità.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved