ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
4 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
10 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
10 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
12 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
12 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
13 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
13 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
13 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
13 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
14 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
14 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
07.11.2019 - 20:19

Chiasso (ri)mette mano al Palapenz. E spende 5 milioni e mezzo

Il palazzetto necessità di interventi strutturali e di ammodernamento. Varato con i Mondiali di bocce del 1983, oggi ospita campioni della ginnastica ed eventi

chiasso-ri-mette-mano-al-palapenz-e-spende-5-milioni-e-mezzo
Inaugurato nel 1983 (Ti-Press)

In 36 anni di vita il Palapenz di Chiasso ne ha davvero viste tante. Campioni sportivi hanno calpestato il pavimento del grande salone. Fiere, concerti e manifestazioni di vario tenore (dal ‘Memorial Gander’ agli appuntamenti di svago, passando per Sportissima) hanno riempito i suoi spazi. Anche adesso è arduo farsi largo fra le richieste: il palazzetto è “costantemente occupato da associazioni sportive di ogni tipo”. Il Municipio ci tiene a farlo sapere. Come a dire che se oggi ci si prepara a investire, e una cifra importante – si parla di oltre 5 milioni e mezzo di franchi –, lo si fa a ragion veduta. Perché il complesso ha ceduto ai segni del tempo e ha bisogno di una ristrutturazione radicale. E perché la cittadina ora farebbe fatica a farne a meno. Ergo, bisogna mettere mano al portafoglio del Comune. Concretizzare le opere richiederà due anni di tempo, fra il 2021 e il 2022.

Un'idea nata negli anni Ottanta

Negli anni Ottanta – è stato inaugurato nel 1983 –, l’idea di ‘regalarsi’ un centro polivalente (seppur a vocazione prevalentemente sportiva) era scaturita dalla voglia (e un po’ dall’orgoglio) di poter contare su uno spazio davvero poliedrico, capace di assecondare l’ambizione di essere internazionali (almeno nell’organizzazione di eventi agonistici ad alto livello). La prova provata? Il pavimento tecnico semovente a scomparsa che cela quattro viali di bocce. Non è un caso se proprio nell’83 e di nuovo nel 2003 Chiasso è stata sede dei Campionati mondiali di bocce. Questo quando quello sport animava, oltre alle bocciofile, anche i viali dei ritrovi storici. Dopo tre decenni, durante i quali la struttura “ha riscosso vivo apprezzamento da parte degli utilizzatori”, l’autorità comunale non poteva, insomma, sottrarsi dall’impegno di assicurare un futuro al Palapenz. Il contenitore, d’altro canto, ha numeri importanti. Il salone ha, infatti, un’ampiezza di circa 1’700 metri quadri, che possono essere suddivisi in due sale simmetriche. La cucina industriale può servire pasti per un migliaio di persone. Mentre l’impianto’, rimarca l’esecutivo, è concepito “anche per ospitare un massimo di 2mila utenti”, come nel caso degli eventi musicali. Senza trascurare le tribune fisse da circa 600 posti e, all’esterno,un piazzale per più di 400 auto. A ciò si aggiunge un foyer di 110 metri quadri, un esercizio pubblico da 60 posti, una sala riunione pronta a far largo a 55 persone, un impianto di tiro ad aria compressa di 10 metri con cinque bersagli, una sala regia, docce e spogliatoi. Tutti servizi e infrastrutture distribuiti tra piano seminterrato e secondo livello.

Occhio ai cedimenti strutturali

Prima di metterci mano e di recapitare il progetto ai consiglieri comunali, il Municipio ha analizzato a fondo il palazzetto e le sue esigenze, convincendosi che le parole chiave restano consolidamento, rinnovamento e ammodernamento. La necessità primaria, conferma l’autorità comunale, è però quella di “intervenire sulla struttura portante”, al momento “oggetto di deformazioni a causa della configurazione geologica del sottosuolo, che ha generato un deterioramento dello stabile”. Non di meno, urge occuparsi delle facciate in calcestruzzo dell’edificio, delle infiltrazioni d’acqua dal sottosuolo e dell’impiantistica, oltre a tutto ciò, si motiva ancora, che risulta essere ormai vetusto e non più funzionale. Vi sono poi altri tre aspetti da non sottovalutare, ovvero l’aggiornamento delle infrastrutture alle norme anti-incendio e sulla prevenzione infortuni e l’abbattimento delle barriere architettoniche. Un capitolo (e un messaggio municipale) a parte richiederà, invece, il risanamento della centrale termica. A conti fatti, gran parte dell’investimento sarà usato per rimediare ai cedimenti strutturali – tenuti sotto osservazione da sempre –, sistemare le facciate – con un’azione conservativa – e impermeabilizzare il piano cantinato. Anche se si focalizzare altresì l’attenzione sulla pavimentazione delle sale principali, le finiture e gli arredi.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved