laRegione
degli-apicoltori-da-diploma-cantonale
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Bus regionali affollati, in arrivo corse supplementari

Sono 16 le tratte extraurbane, gestite da Autopostale, soggette a sovraffollamento nelle ore di punta. Il Dt auspica correttivi già dalla prossima settimana
Mendrisiotto
2 ore

Per la sindaca di Castel San Pietro saluti augurali online

Il messaggio, casa pandemia, si potrà vedere da sabato, 23 gennaio, sul sito internet dell'amministrazione comunale www.castelsanpietro.ch
Bellinzonese
2 ore

Due compagni positivi alle Elementari Nord di Bellinzona

Per ora l'Ufficio del medico cantonale, che monitora la situazione, ha escluso la quarantena di classe
Mendrisiotto
2 ore

Chiuso per lavori un tratto di via S. Martino a Mendrisio

Il cantiere interessa la zona dalla chiesetta al parcheggio delle piscine. All'origine c'è un danno alle canalizzazioni
Bellinzonese
3 ore

Vaccino ad Arbedo-Castione: necessario il certificato medico

Da oggi si fissano gli appuntamenti per gli over 80, iniezioni al via dal 1° febbraio al Centro sociale
Luganese
3 ore

Angelo Bernasconi il settimo Ppd per Lugano

Completata la lista per il Municipio, il 29 gennaio la ratifica dell'Assemblea (on line)
Locarnese
3 ore

Locarno, è partita la campagna vaccinale

Compatibilmente con la disponibilità delle dosi, in questi giorni si procederà con le iniezioni a tutti i 470 ultraottantenni che si sono annunciati
Ticino
4 ore

Covid, calano ancora gli ospedalizzati. 74 i nuovi casi

Continua a scendere la pressione sul sistema sanitario: 215 persone sono ricoverate, 28 in cure intense. Purtroppo si contano altri 4 decessi
Ticino
5 ore

Fermato con 1'400 kg di generi alimentari non dichiarati

L'Amministrazione federale delle dogane ha controllato l'uomo martedì sull'A2 a Monte Carasso, proveniva dall'Italia ed era diretto in Liechtenstein
Ticino
9 ore

Natalia Ferrara: ‘Il congedo parentale è una misura liberale’

La deputata del Plr sostiene convintamente la proposta che lunedì tornerà in Gran Consiglio e spiega perché voterà in modo diverso dal suo gruppo
Ticino
9 ore

‘Rinforzi per la Procura, non si deve più tergiversare’

Galusero: la proposta del Dipartimento di assegnare due pp a me sta bene. E per uscire dall’impasse sono disposto a ritirare la mia iniziativa parlamentare
Locarnese
9 ore

Navigazione: elettrificare... per dare due scosse

Il presidente di Snl in esclusiva sui problemi del bacino svizzero, il mancato accordo consortile e la visione (elettrica) per Verbano e Ceresio
Mendrisiotto
19.10.2019 - 11:300

Degli apicoltori da diploma cantonale

Al Centro professionale del verde a Mezzana parte un corso che professionalizza l’attività. Ed è aperto a tutti

Le api sanno volare alto. Loro, che vengono da lontano (dal Cretaceo), conoscono il valore della libertà. Sarà per questo che chi frequenta le arnie ha uno spiccato senso per la democrazia. «Perché l’apicoltura – rende attenti Roberto Fischer – è democratica: è per tutti». A questo mondo ci si è avvicinato, lui maestro, 25 anni orsono; e oggi non potrebbe concepire la sua quotidianità senza le api. A ben vedere l’uomo non può farne a meno (e non solo per il miele), ma questi insetti impollinatori prescindono da noi. «In effetti, sono loro che conducono il gioco». E al Centro professionale del verde a Mezzana sono pronti a stare alle sue regole. La dice lunga la ‘Casa dell’ape’ che ha preso forma tra il bosco e i filari di vite sul retro dell’Istituto. Questa costruzione essenziale in legno e vetro (ma gestita con piglio tecnologico) ormai alle battute finali è divenuta un po’ l’emblema di un progetto e al contempo l’espressione plastica di una filosofia. Se ne saprà di più oggi (dalle 13.30 alle 16.30) in occasione di un primo incontro informativo (annunciarsi scrivendo a roberto.fischer@apiservice.ch). Il progetto aspira, infatti, a creare un osservatorio sull’universo delle api sul piano didattico e naturalistico (con un’aula con vista sulle arnie), ma pure pratico. Gli apicoltori, infatti, avranno a disposizione un servizio e la possibilità di smielare. L’approccio filosofico, invece, ha convinto Roberto Fischer, e con lui altri due visionari (l’ex direttrice del Centro Anna Biscossa e il presidente della Società ticinese di apicoltura Davide Conconi), a organizzare un corso, sbocco un diploma cantonale di apicoltura.

Verso un settore professionale

L’ambizione è dichiarata. «Con questo percorso formativo – spiega a ‘laRegione’ Roberto Fischer – intendiamo dare un tratto professionale all’apicoltura, rendendola così accessibile a tutti». A crederci, oggi, con il Centro di Mezzana vi è anche la Divisione della formazione professionale. «Questa proposta si inserisce – illustra ancora Fischer – nell’ottica del dialogo e dell’accrescimento reciproco per il bene delle api». Chi ci mette passione ha la chiara sensazione che il Mendrisiotto (e Mezzana) abbia l’opportunità di diventare la terra delle nuove frontiere dell’apicoltura, fra passato e futuro. Del resto, il settore è confrontato con altre sfide e veicolare la buone pratiche apistiche, ci fa capire l’apicoltore, è fondamentale. La formazione è una delle linee guida pure del Servizio sanitario apistico, il Centro di competenza e di prestazione di servizi svizzero di cui Fischer è consigliere regionale per la Svizzera italiana. «Relazionarci all’ape e al suo universo, a questo superorganismo che è individuo e comunità al tempo stesso, secondo un modello comune nella gestione dell’attività aziendale e dei problemi (penso alla varroa, un acaro parassita) è un obiettivo condiviso a livello federale – fa presente –. E ciò senza trascurare le sensibilità che ci contraddistinguono sul piano territoriale».

Una valenza anche sociale

Il diploma cantonale può, però, assumere altresì valenze diverse. Rappresentare un «riscatto dell’ape», come ama sottolineare Fischer, e altresì una seconda possibilità per molte persone. «All’apicoltura e al corso – che si svilupperà su due stagioni apistiche, da questo autunno a giugno 2020, ndr – potrà accedere qualsiasi persona, purché dotata di buona volontà e passione. Non esistono barriere, né alla ‘Casa dell’ape’, né in questa formazione. Nel promuovere l’Iniziativa abbiamo preso in considerazione, in effetti, anche l’aspetto sociale». A cosa si è pensato? «Chi ha lavorato nel Primario e adesso non può più sopportare determinati sforzi – esemplifica il maestro –, nell’apicoltura professionale trova una alternativa. Allo stesso modo persone in difficoltà o alla ricerca di un reinserimento nel mondo del lavoro possono individuare in questa attività un’occasione preziosa». Le api non fanno discriminazioni. «Loro sono di tutti. Certo bisogna rispettarle e conoscere le regole». E qui il Centro professionale del verde di Mezzana può dare una mano.

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved