Seattle Kraken
1
PIT Penguins
6
fine
(0-3 : 1-2 : 0-1)
VAN Canucks
4
LA Kings
0
fine
(0-0 : 2-0 : 2-0)
malaedilizia-dal-cantiere-all-aula-penale
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo

Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
1 ora

Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo

A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Ticino
1 ora

Gole profonde... per legge

Whistleblowing, il Gran Consiglio si appresta a codificare le regole a tutela di chi nell’Amministrazione segnala irregolarità
Bellinzonese
1 ora

Officine di Castione, i tempi pieni salirebbero da 300 a 360

Oggi le Ffs comunicheranno i dettagli del Piano industriale: ecco le prime cifre, che richiedono tuttavia dei chiarimenti sul lato occupazionale
Locarnese
7 ore

Locarno, ancora un caso pestaggio in centro

Un ragazzo di 18 anni vittima di un gruppo di giovani. La denuncia della madre sui social media
Luganese
8 ore

Glamping a Carona, ‘scelta giusta ma ci sono questioni aperte’

Apprezzato anche dal promotore della petizione il progetto premiato dalla giuria e dal Municipio: ’È stato ridimensionato lo spazio ai privati’
Ticino
9 ore

Sanitari non vaccinati, i test obbligatori restano in vigore

Il Tribunale federale ha negato l’effetto sospensivo al ricorso che contesta la risoluzione del Consiglio di Stato dell’8 settembre
Ticino
10 ore

Gli Stati: no al divieto di licenziamento delle neo mamme

La Camera dei Cantoni respinge l’iniziativa ticinese (27 voti a 13, quattro le astensioni). Il dossier passa ora al Nazionale
Bellinzonese
11 ore

Bellinzona, ‘blocchiamo il contributo per la nuova Valascia’

Lo chiede il gruppo Lega-Udc alla luce della notizia secondo cui la Valascia Immobiliare Sa sarebbe confrontata con problemi di liquidità
Bellinzonese
12 ore

Le Colonie dei sindacati cercano volontari

Per i due turni di giugno-luglio 2022 un appello per coinvolgere personale educativo, di servizio e cucina
Mendrisiotto
28.09.2019 - 06:100

Malaedilizia: dal cantiere all'aula penale

A processo da lunedì per il caso della Consonni Contract di Chiasso il titolare e altri sette collaboratori. L'accusa è di aver 'sfruttato' 11 operai

a cura de laRegione

Gli appalti erano milionari. I cantieri, almeno a prima vista, sembravano a ‘cinque stelle’. Invece, sotto quella patina dorata c’era ben altro. Il primo a grattare sotto la superficie della Consonni Contract Sa di Chiasso, fin dal 2013, è stato il sindacato Ocst, che ha portato il caso in Procura (cfr. ‘laRegione’ del 25 ottobre 2016). Così, scattate le manette (ai polsi del titolare e del contabile dell’impresa), l’episodio più grave di malaedilizia mai denunciato in Ticino è diventato ben presto un caso giudiziario. Due anni dopo il deposito dell’atto d’accusa – firmato dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli nell’ottobre del 2017 –, da lunedì si andrà di aula, davanti alle Assise criminali in Lugano. Otto le persone chiamate a rispondere, a vario titolo, di usura (oltre alla falsità in documenti). I riflettori, però, sono puntati in particolare su cinque degli imputati; ovvero l’imprenditore a capo della società, il suo capocantiere, l’'uomo dei conti’, il direttore amministrativo e il dipendente della fiduciaria che gestiva le ‘cose’ della ditta. Lungo il periodo, 8 anni dal 2008 al 2016, passato al setaccio dagli inquirenti. È in quel lasso di tempo che, agli occhi dell’accusa, sfruttando il bisogno di lavorare di 11 operai, si sono ‘taglieggiate’ le buste paga, arrivando a costringere i dipendenti a restituire la differenza ‘svizzera’ di uno stipendio che non rispettava i contratti collettivi di lavoro, facendoli sudare fino a 54 ore la settimana. Come? I sistemi ricostruiti dalla pp sono vari, ma tutti perseguivano un unico scopo: limare i salari e ridurre le spese della commessa, intascando, a conti fatti (dalla magistratura), oltre mezzo milione di franchi.

L’impresario e il ‘caporale’

Alla fine si ritroveranno faccia a faccia in tribunale. Da una parte il titolare della società di piazza Boffalora, parte di un gruppo con base a Cantù e commesse in tutto il mondo, secondo l’accusa il principale responsabile (per lui l’usura è aggravata), ma che oggi reclama la sua innocenza. E dall’altra, il capocantiere, quel ‘caporale’ che, preso il coraggio a due mani, ha puntato il dito contro il suo ‘capo’, facendo venire a galla tutto il malandazzo. Un agire sistematico, quello rimproverato dalla procuratrice – si contesta l’usura commessa per mestiere –, che reclutava manodopera (in taluni casi anche in là con gli anni), per poi dirottarla sui cantieri: dal Kurhaus di Cademario al resort di Andermatt, dagli alberghi di lusso della Svizzera romanda, all’Italia e alla Francia, passando per il Principato di Monaco. A quel punto un’occasione professionale per sbarcare il lunario per operai senza qualifiche, imbianchini e falegnami si trasformava in una forma di sfruttamento: l’accusa non ha dubbi.

Ore lavorate sul cantiere ma non sulla carta; buste paga a due velocità che dichiaravano salari ‘elvetici’, ma ne versavano di ‘italiani’, quindi decurtatati, in totale, di decine di migliaia di franchi; bonifici fittizi ed ‘eccedenze’ da restituire in contanti al datore di lavoro. In alcuni casi, si contesta, il personale ignorava persino l’esistenza di contratti collettivi di lavoro, ad aleggiare il timore di perdere il posto.

Le accuse cadute

Per i cinque imputati principali, infatti, all’inizio dell’inchiesta il carico delle pendenze era più gravoso. Reati come l’estorsione aggravata, la coazione e l’inganno aggravato nei confronti delle autorità, poi abbandonati da Borelli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved