ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
16 min

Polus di Balerna: 110 anni celebrati nella Sala Carlo Basilico

In occasione dei recenti festeggiamenti allo spazio è andata in scena una pièce di teatro della Compagnia Teatro Oltre
Locarnese
26 min

Al Teatro Paravento si pana attraverso la nebbia

Domenica va in scena un’opera ispirata al Macbeth di Shakespeare e frutto del progetto “La Bottega del Teatro” dell’Associazione Giullari di Gulliver
Bellinzonese
28 min

Faido, pranzo in compagnia al Centro Atte

Mercoledì 5 ottobre
Ticino
38 min

79,5 milioni di disavanzo d’esercizio nel preventivo 2023

Inserita anche una spesa di 20,5 milioni per l’adeguamento dei salari dei dipendenti cantonali al rincaro. Il deficit totale ammonta a 164,4 milioni.
Locarnese
40 min

‘No vax’ in vetta al concorso letterario Salviamo la montagna

Il racconto di Carlo Bava si è imposto nella sezione Narrativa (premio Plinio Martini) dell’evento promosso dalla Fondazione Valle Bavona
Locarnese
49 min

Locarnese, la Classe 1947 sale in carrozza

Viaggio a bordo del trenino storico della Centovallina fino a Camedo il prossimo 16 ottobre. Vi sono ancora posti liberi
Bellinzonese
51 min

Coro DesDes e coro virile Scam: porte aperte

Possibilità di avvinarsi all’attività corale a Lavorgo ogni giovedì sera
Luganese
1 ora

Lugano, alle porte il XV open scacchistico internazionale

Appuntamento a Villa Sassa venerdì per la quindicesima edizione con partecipanti provenienti da almeno sei nazioni. Montepremi: 8’000 franchi
Locarnese
1 ora

Cosa farà la Ses per abbassare i prezzi dell’elettricità?

Lo chiede, unitamente ad altri interrogativi, al Municipio di Locarno (azionista dell’azienda elettrica) il gruppo in Consiglio comunale Sinistra Unita
Locarnese
2 ore

Locarno, prevenzione dei tumori al seno

L’Associazione Triangolo organizza il 6 ottobre un incontro informativo sulla malattia con possibilità di dialogo con il pubblico
28.09.2019 - 06:10

Malaedilizia: dal cantiere all'aula penale

A processo da lunedì per il caso della Consonni Contract di Chiasso il titolare e altri sette collaboratori. L'accusa è di aver 'sfruttato' 11 operai

di Daniela Carugati
malaedilizia-dal-cantiere-all-aula-penale
(Ti-Press)

Gli appalti erano milionari. I cantieri, almeno a prima vista, sembravano a ‘cinque stelle’. Invece, sotto quella patina dorata c’era ben altro. Il primo a grattare sotto la superficie della Consonni Contract Sa di Chiasso, fin dal 2013, è stato il sindacato Ocst, che ha portato il caso in Procura (cfr. ‘laRegione’ del 25 ottobre 2016). Così, scattate le manette (ai polsi del titolare e del contabile dell’impresa), l’episodio più grave di malaedilizia mai denunciato in Ticino è diventato ben presto un caso giudiziario. Due anni dopo il deposito dell’atto d’accusa – firmato dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli nell’ottobre del 2017 –, da lunedì si andrà di aula, davanti alle Assise criminali in Lugano. Otto le persone chiamate a rispondere, a vario titolo, di usura (oltre alla falsità in documenti). I riflettori, però, sono puntati in particolare su cinque degli imputati; ovvero l’imprenditore a capo della società, il suo capocantiere, l’'uomo dei conti’, il direttore amministrativo e il dipendente della fiduciaria che gestiva le ‘cose’ della ditta. Lungo il periodo, 8 anni dal 2008 al 2016, passato al setaccio dagli inquirenti. È in quel lasso di tempo che, agli occhi dell’accusa, sfruttando il bisogno di lavorare di 11 operai, si sono ‘taglieggiate’ le buste paga, arrivando a costringere i dipendenti a restituire la differenza ‘svizzera’ di uno stipendio che non rispettava i contratti collettivi di lavoro, facendoli sudare fino a 54 ore la settimana. Come? I sistemi ricostruiti dalla pp sono vari, ma tutti perseguivano un unico scopo: limare i salari e ridurre le spese della commessa, intascando, a conti fatti (dalla magistratura), oltre mezzo milione di franchi.

L’impresario e il ‘caporale’

Alla fine si ritroveranno faccia a faccia in tribunale. Da una parte il titolare della società di piazza Boffalora, parte di un gruppo con base a Cantù e commesse in tutto il mondo, secondo l’accusa il principale responsabile (per lui l’usura è aggravata), ma che oggi reclama la sua innocenza. E dall’altra, il capocantiere, quel ‘caporale’ che, preso il coraggio a due mani, ha puntato il dito contro il suo ‘capo’, facendo venire a galla tutto il malandazzo. Un agire sistematico, quello rimproverato dalla procuratrice – si contesta l’usura commessa per mestiere –, che reclutava manodopera (in taluni casi anche in là con gli anni), per poi dirottarla sui cantieri: dal Kurhaus di Cademario al resort di Andermatt, dagli alberghi di lusso della Svizzera romanda, all’Italia e alla Francia, passando per il Principato di Monaco. A quel punto un’occasione professionale per sbarcare il lunario per operai senza qualifiche, imbianchini e falegnami si trasformava in una forma di sfruttamento: l’accusa non ha dubbi.

Ore lavorate sul cantiere ma non sulla carta; buste paga a due velocità che dichiaravano salari ‘elvetici’, ma ne versavano di ‘italiani’, quindi decurtatati, in totale, di decine di migliaia di franchi; bonifici fittizi ed ‘eccedenze’ da restituire in contanti al datore di lavoro. In alcuni casi, si contesta, il personale ignorava persino l’esistenza di contratti collettivi di lavoro, ad aleggiare il timore di perdere il posto.

Le accuse cadute

Per i cinque imputati principali, infatti, all’inizio dell’inchiesta il carico delle pendenze era più gravoso. Reati come l’estorsione aggravata, la coazione e l’inganno aggravato nei confronti delle autorità, poi abbandonati da Borelli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved