laRegione
Nuovo abbonamento
se-il-fungicida-e-nel-pozzo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

I corsi d'acqua momò tornano a 'vivere'

Due milioni e mezzo per rinaturare il Müfeta a Morbio Inferiore. Nel Mendrisiotto è in atto un 'cambio di rotta'
Bellinzonese
2 ore

Morobbia Trail, nuovo percorso per gli appassionati del genere

Un gruppo di amici si è rimboccato le maniche pulendo un sentiero in disuso e organizzando una gara per professionisti e una popolare previste nel 2021
Bellinzonese
7 ore

I campeggi del Bellinzonese resistono al Covid

L’estate soleggiata ha permesso di registrare una buona affluenza. Da considerare perso il periodo primaverile del lockdown
Ticino
7 ore

Ex funzionario Dss, Dadò rilancia: ‘Audit esterno indipendente’

Dopo la bocciatura della proposta di commissione d'inchiesta il presidente del Ppd torna alla carica con una mozione. E sul dibattito è polemica col Plr
Ticino
7 ore

Mezzi pubblici sovraffollati, un problema per gli studenti

Il Sisa chiede 'di introdurre corse supplementari verso i principali centri formativi del cantone'
Bellinzonese
18 ore

'Mi gira la testa': serata sulle labirintiti

Si terrà alla Casa del popolo giovedì 1° ottobre con l'ATiDU
Ticino
19 ore

Radar, settimana prossima ce n'è per tutti

Ecco le località dove sono previsti i controlli di velocità da lunedì 28 settembre a domenica 4 ottobre.
Luganese
19 ore

Gentilino: se il pirata della strada è... un poliziotto

Un agente della Polizia cantonale, incappato in un radar in Collina d'Oro l'anno scorso durante il servizio, sarà giudicato alle Assise correzionali
Ticino
20 ore

I cinque pp chiedono gli atti e di essere sentiti

I magistrati sono però ancora in attesa di una risposta dal Consiglio della magistratura e dalla commissione parlamentare
Bellinzonese
20 ore

Al via i lavori per il Centro culturale di Biasca

Il progetto prevede la trasformazione delle case ex Benzoni ed ex Rossetti. Il Municipio: 'Per potenziare ulteriormente il nostro ruolo di polo regionale'
Locarnese
20 ore

‘Scintille’, una rassegna per il venticinquesimo

Quattro spettacoli, attingendo al repertorio, vengono proposti dall'associazione di teatro e spazio creativo dal 20 dicembre a Locarno
Ticino
20 ore

A scuola né carne né pesce

A cadenze regolari verrà introdotta una giornata vegetariana nei ristoranti scolastici. Si inizia il prossimo 29 settembre
Luganese
20 ore

Oltre 670 motociclisti controllati a Lugano in 10 giorni

La Polizia comunale ha presentato i risultati della campagna 'Ok biker', volta a promuovere una guida in totale sicurezza per ridurre gli incidenti
Mendrisiotto
12.09.2019 - 21:160

Se il fungicida è nel pozzo

Tracce del ‘Chlorothalonil sulphonic acid’, usato in agricoltura, trovate a Genestrerio. Aziende municipalizzate in azione

Si chiama ‘Chlorothalonil sulphonic acid’. E già il nome appare difficile da mandar giù. È il metabolita del clorotalonil, che per il lessico famigliare è un fungicida usato in agricoltura (e con il benestare dello Stato).

A Mendrisio ormai si sono fatti (forzatamente) una cultura. Anche perché delle tracce (anzi qualcosa di più, 0,13 microgrammi per litro) di questo prodotto fitosanitario sono state trovate l’agosto scorso nelle acque del pozzo Gerbo a Genestrerio. Tant’è che le Aim, le Aziende municipalizzate, sono passate all’azione; tenendo sotto controllo la situazione, ma soprattutto chiedendo ai coltivatori della zona di eliminare dal loro magazzino quel principio attivo. Una richiesta che è già stata recepita. Del resto, il Laboratorio cantonale è stato chiaro: o entro due anni la concentrazione dei residui sarà scesa sotto la soglia di 0,1 microgrammi per litro (fissato dall’Ordinanza federale sull’acqua potabile e sull’acqua per piscine e docce accessibili al pubblico), o il pozzo rischia di chiudere.

Garantita la potabilità e scongiurato un rischio per la salute pubblica – da questa fonte si disseta il quartiere di Genestrerio –, questa presenza rilancia (inevitabilmente) il dibattito sull’uso dei prodotti fitosanitari (i pesticidi in particolare) su campi e vigneti. Una discussione che investe la politica federale: sul tavolo vi sono oggi due Iniziative popolari – ‘Per una Svizzera senza pesticidi sintetici’ e ‘Acqua potabile pulita e cibo sano’ – con le quali si stanno misurando i parlamentari a Berna. Ricevuta la bocciatura del governo centrale e del Nazionale, adesso il dossier è agli Stati, dove si sta ragionando sull’opportunità (o meno) di rispondere con un controprogetto.

Se la palla è nel campo dei politici, è grazie ai tecnici che il problema è venuto a... galla. Il merito è della Campagna nazionale promossa dall’Associazione chimici cantonali svizzeri, decisa (grazie alla nuova strumentazione) a scovare la possibile presenza dei residui di prodotti fitosanitari nell’acqua potabile. Il verdetto? La situazione nel Paese viene definita “sostanzialmente confortante”. Sul territorio nazionale (Svizzera e Liechtenstein) su 300 campioni analizzati – rappresentativi dell’acqua distribuita all’80 per cento della popolazione –, 12 hanno mostrato valori superiori ai massimi di legge (per la più per presenza di derivati del clorotalonil).

Non solo: tutti erano stati prelevati in regioni con una attività agricola intensiva. In Ticino il Laboratorio cantonale ha battuto “a tappeto” le acque sotterranee del cantone e ha focalizzato l’attenzione su 72 campioni: 2 di questi (il 2,7 per cento) non è risultato conforme. “Grazie al maggior numero di sostanze fitosanitarie ricercate, quest’anno è stato possibile avere un quadro migliore dello stato delle nostre risorse idriche, in particolare rispetto alla pressione da prodotti fitosanitari – spiega il Laboratorio cantonale nel suo resoconto –. Sebbene lo stato delle nostre acque sia ancora decisamente molto buono e l’acqua erogata nelle nostre abitazioni (nella quasi totalità dei casi) conforme alla legge (grazie anche ad appropriati trattamenti) – rassicura –, il risultato mostra un’accresciuta pressione sulle nostre risorse idriche anche da parte dell’agricoltura”. Il messaggio a questo punto è chiaro: “Come nel caso dell’industria e, più in generale, dell’impatto umano (inquinamenti, incidenti) anche per l’agricoltura devono essere messe in atto tutte le misure possibili per preservare al meglio la qualità delle nostre acque”.

In effetti, «la prima preoccupazione del Municipio di Mendrisio – conferma a ‘laRegione’ il sindaco della Città Samuele Cavadini – è stata la salute dei cittadini. Quindi ci siamo affiati agli esperti che ci hanno tranquillizzato. Sappiamo che la situazione è sotto controllo». Lo è di nome e di fatto. Le Aim fanno sapere di lavorare “su più fronti”: il monitoraggio è “continuo”. Di più, “ritenuto da subito cessato l’utilizzo del clorotalonil”, ci si aspetta un calo delle concentrazioni del suo metabolita nell’acqua del pozzo. Il prelievo effettuato una decina di giorni dopo il primo risultato, precisano le Aim,  restituiva già un dato di 0,11 microgrammi per litro. La popolazione sarà informata attraverso il sito aim.mendrisio.ch.

© Regiopress, All rights reserved