laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
12 ore
Gordola, ritrovato dopo 8 giorni il 34enne disperso
Era scomparso il 3 luglio sui Monti di Motti. L'uomo era caduto in una zona impervia. Ha riportato ferite gravi.
Gallery
Mendrisiotto
13 ore
Arzo: l'estrazione del marmo rischia di morire
Nel 2017 avevano ridato vita all'attività, lÎ alle cave. Adesso il blocco delle esportazioni li ha messi terra. 'Se non arrivano commesse, chiudiamo'
Ticino
16 ore
La terra trema nel Sopraceneri
La scossa tellurica, di magnitudo contenuta (2,9), è stata avvertita dalla popolazione del Bellinzonese
Mendrisiotto
16 ore
Il Mendrisiotto vuole far fermare i treni InterCity
Lanciata una petizione popolare (online) per scongiurare i piani dell'orario 2021, che 'stoppano' i convogli a lunga percorrenza a Lugano
Grigioni
18 ore
Grigioni, oltre un centinaio di persone in quarantena
Diversi gli episodi che hanno portato alle misure, tra cui un bimbo positivo in un campo vacanza
Ticino
1 gior
A novant’anni dal volo antifascista su Milano
Bassanesi e Dolci raggiunta Milano da Lodrino incitarono gli italiani in piena dittatura a 'Insorgere! Risorgere!'
Bellinzonese
1 gior
Il Moesano pronto a investire nel Centro giovanile
Al vaglio dei legislativi il mandato di prestazione che permetterebbe di assumere una animatore retribuito e rendere 'itinerante' il luogo d'incontro di Roveredo
Locarnese
1 gior
Brissago, una mozione chiede di ampliare il Porto
Mentre proseguono i lavori del Centro servizi nautici, si attende di conoscere il destino di due grossi progetti privati. Il Municipio invita alla 'calma'
Ticino
1 gior
'In montagna gente che non la conosce, serve più attenzione'
Enea Solari (Federazione alpinistica ticinese): le misure di protezione contro il coronavirus devono essere rispettate, speriamo in più sensibilizzazione
Mendrisiotto
08.08.2019 - 17:420
Aggiornamento : 18:04

In un palazzo di Chiasso sfrattati anche i 90enni

Alla porta gli inquilini (anche molto anziani) di un edificio di piazza Boffalora: ‘siamo abbandonati dalla proprietà’

«Una tegola sulla testa». È con queste parole (dette in dialetto) che un inquilino del Palazzo Carpano, composto da 26 appartamenti che si affaccia su piazza Boffalora a Chiasso, ci spiega quello che sta vivendo. Che stanno vivendo lui, inquilino classe 1930 nato a Boffalora e sua moglie – in affitto nel palazzo dal 1983 – nonché tante altre persone. Già, perché senza tanti giri di parole, alla fine di giugno, è arrivata la disdetta. Per tutti. Per i coniugi che ci hanno accolto oggi pomeriggio, per una 96enne che vive in quell’edificio da 50 anni, per un 80enne ipovedente di casa lì da quando è stato edificato il palazzo, nel 1957.

'Non siamo delle bestie'

Novanta giorni per lasciare gli spazi, è il caso di dirlo, di una vita. «La legge è dalla loro parte» ci dice sconsolato il nostro interlocutore. Quel che lascia senza parole, però, «sono i modi». E quel che sta succedendo ce lo spiega un altro inquilino, che ha deciso – insieme al consigliere comunale pipidino Giorgio Fonio, il quale ha denunciato pubblicamente la storia ed è pronto a rivolgersi alle autorità – di farsi portavoce per tutti. Già, perché oltre alle varie azioni intraprese, c’è di più. Qualcuno, infatti, tramite l’ufficio di conciliazione è riuscito a procrastinare l’uscita di casa. Ma il destino parla chiaro, i proprietari hanno deciso di ristrutturare totalmente l’edifico e per farlo, bisogna lasciare gli appartamenti. «Però – sottolinea il portavoce – non meritiamo di essere trattati così. Non siamo delle bestie». Il riferimento è a quanto (non) sta facendo la proprietà. Tutto, ci viene spiegato, è ormai fermo alla fine di giugno, quando sono state notificate le disdette. Anche le pulizie: «al custode è stato inviato un sms nel quale veniva espressamente comunicato di smettere di fare le pulizie». Così è: salendo le scale dei due blocchi del palazzo lo si nota chiaramente; a farla da padrone sono foglie e ragnatele.

Una 96enne 'prigioniera in casa sua'

Ma c’è di più. Al numero civico 2 l’ascensore non funziona da qualche giorno e malgrado la segnalazione – ci raccontano – «nessuno verrà a ripararlo». Una situazione difficile che, di fatto – come racconta Fonio in un post ‘denuncia’ su Facebook – la signora di 96 anni è “prigioniera in casa sua”. Con difficoltà a deambulare, infatti, per lei risulta difficile, se non impossibile, scendere le scale. Il portavoce degli inquilini racconta inoltre che «la nafta per i riscaldamenti e per l’acqua calda è quasi finita, sono rimasti 250 litri per tutti gli appartamenti». Parlando con l’inquilino che ci ha accolti in casa abbiamo chiesto se non si siano rivolti alla nuova amministrazione del palazzo, una ditta registrata a Zugo. «Ci hanno dato un numero di telefono e i primi giorni (riferendosi a inizio luglio, ndr) rispondevano. Ora non più». Insomma, quello che viene vissuto nei due blocchi del palazzo di piazza Boffalora 2 e 3 è un sentimento di abbandono. Coscienti che la legge parla chiaro, senza tuttavia «essere trattati così».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved