12.08.2022 - 17:33
Aggiornamento: 18:36

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio

hangar-malmesso-ad-agno-scatta-l-interpellanza
Le immagini mostrano l’incuria e le lastre in pessime condizioni

L’Eternit è un fibrocemento contenente amianto fortemente agglomerato, nel quale le fibre nocive sono saldamente ammassate in una matrice cementizia. In passato è stato utilizzato per i rivestimenti di facciate, le condotte di aerazione, i manufatti stampati, le lastre ondulate sui tetti, tubazioni e canalizzazioni. Se il materiale di copertura in lastre di Eternit è ancora in buono stato non è necessario rimuoverlo prima della normale sostituzione. Al contrario, invece, le coperture in cattivo stato potrebbero rilasciare fibre d’amianto sotto l’azione del vento. Da ricordare comunque che il pericolo di un’esposizione dannosa per la salute è molto remoto quando l’erosione avviene sulla parte esterna degli edifici e se non vi è contatto con gruppi a rischio.

A tal proposito, un’interpellanza relativa a un Hangar situato sul lato fiume dell’aeroporto, è stata lanciata dalla consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Movimento Ticino & Lavoro) che pone alcune domande al Municipio: "È al corrente dello stato in cui si trova l’hangar? Il Municipio di Lugano è ancora responsabile di questa infrastruttura? È consapevole che tra i compiti dell’autorità locale figura anche la vigilanza sullo stato delle misure atte alla gestione degli edifici conosciuti ancora contenenti amianto? In che misura questi edifici sono sorvegliati? Quando l’ultima verifica? Le misure per escludere rischi per la salute sono state verificate? È rispettato l’articolo 3 dell’Ordinanza sui lavori di costruzione (OLCostr), secondo il quale se vi è il sospetto della presenza di amianto, il datore di lavoro deve accertare accuratamente i pericoli e deve valutare i relativi rischi? Secondo l’articolo 60 dell’OLCostr, determinati interventi di risanamento vanno obbligatoriamente annunciati alla Suva e sottostanno ad autorizzazione. Ha già provveduto ad annunciare l’eventuale risanamento alla Suva? È mai stata fatta un’analisi dell’aria circostante l’edificio, considerando che giusto a lato vi è una passeggiata molto frequentata da famiglie, bici o ancora sportivi?"

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved