ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

Comprarsi mezza Locarno con un lancio di dadi, da oggi si può

Dopo le edizioni dedicate a Lugano e al Ticino, arriva sul mercato anche la versione incentrata sulla Città sul Verbano del gioco da tavolo Monopoly
Luganese
5 ore

I martedì creativi del Centro diurno Talete

Origami e pasta da modellare nei pomeriggi organizzati alla struttura di Pro Senectute a Lamone
Luganese
6 ore

Va in scena ‘Avventura e Sicurezza’. Più di un’esercitazione

A Lugano gli enti di soccorso del cantone si presentano alla popolazione. Sarà possibile cimentarsi con le diverse attività
Luganese
6 ore

Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage

L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Luganese
7 ore

Crisi energetica, a Lugano piscine e palestre più fredde

Il Municipio ha deciso di implementare alcune misure volte al risparmio di elettricità e gas. Alcune di queste sono comportamentali.
Ticino
8 ore

‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’

Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Bellinzonese
9 ore

La cucina medievale regina della giornata dei castelli

L’antica gastronomia sarà il filo conduttore delle attività proposte domenica 2 ottobre nei tre manieri cittadini
Luganese
9 ore

Lugano è per AlpTransit a sud. Chi si batte plaude

‘Pro Gottardo ferrovia d’Europa’ soddisfatta per la risoluzione unanime sottoscritta dal Consiglio comunale
Luganese
9 ore

Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni

Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
10 ore

A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo

Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Grigioni
10 ore

Augio, presentazione di un libro fotografico sulla Val Calanca

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 20 al ristorante La Cascata, in presenza dell’autore Sergio Luban
Bellinzonese
10 ore

Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’

È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Luganese
10 ore

Il centro di Lugano si veste d’autunno

Nel solco della tradizione la Città propone momenti enogastronomici, bancarelle, musiche e giochi per tutti
Luganese
11 ore

La Città si mette il... ‘Cinema in Tasca’

Torna la rassegna che propone grandi film a prezzi popolari. Si parte con la stagione autunnale il 12 ottobre
Mendrisiotto
11 ore

‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié

La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Locarnese
11 ore

Sviluppo del comparto del Lido, perché il Municipio ‘tentenna’?

Lo chiede tramite un’interpellanza all’esecutivo di Locarno il consigliere comunale Udc Bruno Baeriswyl
Mendrisiotto
11 ore

Da Morbio Inferiore un viaggio nel tempo in due incontri

In programma due conferenze storiche: la prima sulla Belle Époque, la seconda sul contrabbando
16.08.2022 - 11:40

Lugano, all’università parte un’altra formazione religiosa

La Facoltà di teologia propone un corso destinato a chi si occupa dell’insegnamento a scuola e non solo. Intervista a Don Emanuele Di Marco

lugano-all-universita-parte-un-altra-formazione-religiosa
Ti-Press
Don Emanuele di Marco

In Ticino incontriamo croci in rotonde, strade o colline. Il treno da Lugano a Mendrisio fa tappa a San Martino. Sul calendario sono segnate le vacanze di Natale e di Pasqua. Perché il 19 marzo è la Festa del Papà? Perché è giorno di pausa scolastica il giovedì dell’Ascensione? Sono solo alcuni elementi visibili di cultura e storia cristiana nel nostro territorio. Per comprendere meglio questi riferimenti e poterli spiegare alle nuove generazioni, la Facoltà di Teologia (Ftl) dell’Università della Svizzera italiana (Usi), insieme all’Ufficio insegnamento religioso scolastico della Diocesi di Lugano, propone un corso di formazione del Progetto educazione religiosa in età scolastica (Eres), che comincerà nelle prossime settimane. Un corso destinato a chi si occupa dell’insegnamento religioso a scuola e non solo. Al termine, si potrà ottenere il Certificate of Studies in Religious Education at School Age (Cs-Resa, Certificato di Studi in educazione religiosa in età scolastica).

Parola al professore della Ftl don Emanuele di Marco, che è anche docente di scuola elementare e ci spiega, in estrema sintesi, i contenuti della nuova formazione.

Si tratta di un corso nuovo che avrà bisogno di assestarsi, coinvolge diversi docenti e prevede due ore a settimana per due anni, per un totale di circa cento ore. È composto di due semestri teorici invernali e uguali per tutti, la parte teorica non è solamente pedagogia, ci sono varie materie teologiche, come l’introduzione al Nuovo Testamento, Teologia della famiglia, Cristologia, fra le altre, che daranno una base a quello che successivamente saranno i contenuti da affrontare. I due semestri primaverili sono invece pratici: il singolo studente sceglierà a quale laboratorio iscriversi, in modo che il profilo sia quello della scuola, o quello della catechesi. In questa seconda parte, ci saranno attività pratiche.

Come nasce questo progetto e per quali ragioni è stato organizzato?

È la risposta a un bisogno di formazione per coloro che si occupano dei bambini e dei ragazzi nell’età scolastica. Non solo nella scuola o nell’oratorio, ma in generale, per poter affrontare il tema con i più piccoli. La società, per quanto possano essere mutati gli equilibri religiosi, culturali, di appartenenza a un’istituzione più che a un’altra, ha molti riferimenti che hanno bisogno di essere interpretati. Questo corso potrà dare dei criteri per comprendere un mondo che i bambini e i ragazzi affronteranno offrendo ulteriori elementi di comprensione.

Occorrono requisiti per partecipare al corso?

Il corso esula da quello che sono i gradi accademici, rilascia un certificato e non una laurea, quindi non occorrono requisiti particolari. L’intenzione è quella di dare una formazione di base. Chiaramente, chi volesse iscriversi, dovrebbe avere una buona dose di entusiasmo, uno spiccato senso educativo e poi passione per il mondo della scuola e per il mondo formativo, sapendo comunque che è un progetto nuovo e che si inserisce in un contesto che sta evolvendo, in sintonia con le indicazioni dipartimentali. La Ftl offre un contributo in più sia per chi lavora nella parrocchia e sceglie il profilo catechista, sia per chi è nella scuola e vuole approfondire questi temi.

Qual è la differenza e la base comune tra l’istruzione religiosa scolastica e il catechismo?

C’è una base comune che è quella della pedagogia religiosa e affronta l’insegnamento di contenuti religiosi, che sappiamo fanno parte della vita dei nostri bambini e giovani. Quando è illustrata a livello scolastico, proprio per mantenere la libertà di culto e la laicità dello Stato, l’istruzione religiosa ha come obiettivo la formazione culturale. Quindi, fornisce alcune chiavi di lettura e di interpretazione della nostra realtà: perché quella via si chiama San Giovanni? Perché c’è una chiesetta in quel luogo? Perché la settimana autunnale delle ferie si chiama Settimana dei Morti? Quindi riuscire a interpretare questo dato, dal punto di vista culturale. Per ciò che concerne, invece, la catechesi, siamo nell’ambito ecclesiale e quindi ci si preoccupa di formare i bambini a una conversione del cuore, a una adesione alla fede cristiana. Gli ambiti e gli scopi sono diversi, vogliamo sottolineare questa differenza, partendo dal religioso comune.

Come si pone, nel Piano di studio della scuola dell’obbligo ticinese, la materia d’insegnamento religioso scolastico?

Il piano degli studi attuale presenta anche nell’istruzione religiosa un’evoluzione, un’entrata in quello che sono i nuovi processi che il dipartimento sta attivando in tutte le materie. In questo contesto, la riforma Harmos, nella sua progettazione, per competenze e negli altri suoi principi educativi, diventa una risorsa per l’istruzione religiosa. Quindi, la pedagogia evolve come scienza dell’educazione, come scienza dell’apprendimento ed effettivamente è bello vedere che questo avviene anche in questo specifico ambito.

Qual è l’importanza dell’insegnamento della religione nella scuola?

I genitori possono essere tranquillizzati sul fatto che è una possibilità per il bambino di completare il suo sguardo sul mondo e anche di trovare qualche risorsa in più, visto che siamo in un tempo in cui c’è difficoltà a vedere la fiducia nel futuro, c’è difficoltà a immaginare delle prospettive che lascino rasserenare il cuore. L’etica che viviamo alle nostre latitudini ha molti radicamenti ancorati alla nostra cultura, della quale non dobbiamo avere paura, poi sicuramente il mondo è evoluto e ha preso le sue scelte, ma tanti punti base sono veramente condivisi e hanno nella cultura cristiana una risorsa e non un impedimento.

Per informazioni e per iscrizioni (il termine è fissato per il prossimo 31 agosto), occorre scrivere alla Segreteria della Facoltà di teologia: info@teologialugano.ch. Si può consultare il sito www.teologialugano.ch sotto la voce Didattica: Progetto di educazione religiosa scolastica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved