violazioni-dei-diritti-di-pechino-lugano-non-le-legittima
Ti-Press
Autorità cinesi a Palazzo civico a Lugano
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 min

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
56 min

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
1 ora

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
1 ora

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
1 ora

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
3 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
Ticino
3 ore

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno
Bellinzonese
3 ore

La musica come ponte tra Bellinzona e una scuola in Israele

Premio Spitzer all’istituto musicale Hmi per il progetto con la scuola del villaggio Neve Shalom dove convivono pacificamente ebrei e palestinesi
04.11.2021 - 16:300

Violazioni dei diritti di Pechino, ‘Lugano non le legittima’

Il Municipio risponde all’interrogazione dei Verdi sulle attività diplomatiche della Città con la Cina e sui presunti contrasti con Berna

“Il Municipio condanna qualsiasi azione che leda i diritti umani di individui o popolazioni. Non ritiene tuttavia che le attività diplomatiche e i progetti in essere con la Cina costituiscano una legittimazione di tali azioni”. Così risponde l’Esecutivo di Lugano all’interrogazione presentata da Niccolò Castelli e cofirmatari, volta a indagare i rapporti con la diplomazia cinese. Alla domanda, se “i continui inviti ufficiali dell’ambasciatore di Cina a Berna siano in contrasto con le critiche della Confederazione svizzera verso la Repubblica Popolare Cinese” e se “ciò non costituisca di fatto una legittimazione del genocidio praticato dalla Repubblica Popolare Cinese negli ultimi decenni in danno di minoranze etniche, religiose e politiche in Cina e in Tibet”, la Città risponde: “In generale, la visita a Palazzo Civico di un ambasciatore cinese in carica rientra nella prassi diplomatica per cui i nuovi ambasciatori, oltre a presentarsi ai governi cantonali, chiedono di essere ricevuti per una visita di cortesia ai Comuni svizzeri con cui sono attivi dei partenariati. È quindi improprio parlare di continui inviti ufficiali. Oltre alle relazioni diplomatiche con l’ambasciata cinese a Berna e con l’ambiasciata svizzera a Pechino, la Città ha costruito negli anni legami culturali, formativi e commerciali finalizzati a creare una rete di contatti a sostegno, da un lato, di scambi educativi e, dall’altro, delle realtà accademiche, imprenditoriali e turistiche presenti a Lugano e nel Cantone, interessate alle relazioni con la Cina”.

Lugano difende i legami culturali, formativi e commerciali

Ma in occasione degli incontri in Municipio con l’ambasciatore della Cina a Berna – solleva l’interrogazione – il Municipio ha almeno evocato concretamente l’obbligo della Cina di rispettare i diritti umani? Ha chiesto l’immediata liberazione di tutte le persone detenute in Cina e nel Tibet, per il solo fatto di non appartenere all’etnia Han? “Nel 1991 è stato avviato il dialogo bilaterale sui diritti umani tra la Svizzera e la Cina con l’obiettivo di affrontare la situazione dei diritti umani, della libertà di espressione e dei diritti delle minoranze in modo aperto e critico”. Gli autori dell’interrogazione hanno osservato, come la diplomazia della Cina sia ormai universalmente definita aggressiva. La Città risponde che “con i rappresentanti cinesi non si sono mai riscontrati atteggiamenti aggressivi o rivendicativi” e che “un allontanamento della Svizzera dalla Cina – ha valutato la Confederazione – non avrebbe alcun impatto positivo sullo sviluppo politico interno cinese, in compenso danneggerebbe la popolazione locale e gli interessi svizzeri”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved