violazioni-dei-diritti-di-pechino-lugano-non-le-legittima
Ti-Press
Autorità cinesi a Palazzo civico a Lugano
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
6 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
6 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
6 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
7 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
7 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
7 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
7 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
04.11.2021 - 16:30

Violazioni dei diritti di Pechino, ‘Lugano non le legittima’

Il Municipio risponde all’interrogazione dei Verdi sulle attività diplomatiche della Città con la Cina e sui presunti contrasti con Berna

“Il Municipio condanna qualsiasi azione che leda i diritti umani di individui o popolazioni. Non ritiene tuttavia che le attività diplomatiche e i progetti in essere con la Cina costituiscano una legittimazione di tali azioni”. Così risponde l’Esecutivo di Lugano all’interrogazione presentata da Niccolò Castelli e cofirmatari, volta a indagare i rapporti con la diplomazia cinese. Alla domanda, se “i continui inviti ufficiali dell’ambasciatore di Cina a Berna siano in contrasto con le critiche della Confederazione svizzera verso la Repubblica Popolare Cinese” e se “ciò non costituisca di fatto una legittimazione del genocidio praticato dalla Repubblica Popolare Cinese negli ultimi decenni in danno di minoranze etniche, religiose e politiche in Cina e in Tibet”, la Città risponde: “In generale, la visita a Palazzo Civico di un ambasciatore cinese in carica rientra nella prassi diplomatica per cui i nuovi ambasciatori, oltre a presentarsi ai governi cantonali, chiedono di essere ricevuti per una visita di cortesia ai Comuni svizzeri con cui sono attivi dei partenariati. È quindi improprio parlare di continui inviti ufficiali. Oltre alle relazioni diplomatiche con l’ambasciata cinese a Berna e con l’ambiasciata svizzera a Pechino, la Città ha costruito negli anni legami culturali, formativi e commerciali finalizzati a creare una rete di contatti a sostegno, da un lato, di scambi educativi e, dall’altro, delle realtà accademiche, imprenditoriali e turistiche presenti a Lugano e nel Cantone, interessate alle relazioni con la Cina”.

Lugano difende i legami culturali, formativi e commerciali

Ma in occasione degli incontri in Municipio con l’ambasciatore della Cina a Berna – solleva l’interrogazione – il Municipio ha almeno evocato concretamente l’obbligo della Cina di rispettare i diritti umani? Ha chiesto l’immediata liberazione di tutte le persone detenute in Cina e nel Tibet, per il solo fatto di non appartenere all’etnia Han? “Nel 1991 è stato avviato il dialogo bilaterale sui diritti umani tra la Svizzera e la Cina con l’obiettivo di affrontare la situazione dei diritti umani, della libertà di espressione e dei diritti delle minoranze in modo aperto e critico”. Gli autori dell’interrogazione hanno osservato, come la diplomazia della Cina sia ormai universalmente definita aggressiva. La Città risponde che “con i rappresentanti cinesi non si sono mai riscontrati atteggiamenti aggressivi o rivendicativi” e che “un allontanamento della Svizzera dalla Cina – ha valutato la Confederazione – non avrebbe alcun impatto positivo sullo sviluppo politico interno cinese, in compenso danneggerebbe la popolazione locale e gli interessi svizzeri”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
attività diplomatiche cina interrogazione lugano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved