se-la-classe-e-in-carcere-benvenuti-alla-scuola-inoltre
Cecilia Beti, direttrice di InOltre e Lorenzo Cairoli, coordinatore
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
5 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
9 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
9 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
10 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
10 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
11 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
18 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
18 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
18 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
18 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
18 ore

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
19 ore

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
19 ore

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
Luganese
19 ore

Lugano, per il Municipio con la Gipi Sa tutto in regola

L’esecutivo sottolinea di non essere a conoscenza di criticità riguardo all’operato e agli immobili in mano alla Gestioni Immobiliari per Istituzionali
Mendrisiotto
19 ore

Riva San Vitale, serata pubblica sulle Fornaci

L’evento si terrà l’8 giugno. Inoltre, nel Palazzo comunale è stata posata un’opera evocativa dell’artista Pierino Sulmoni
Luganese
20 ore

Francesco Hoch ricevuto a Savosa

Il Municipio ha organizzato nei giorni scorsi un ricevimento per il compositore di fama internazionale
Luganese
20 ore

Lugano, spettacolo delle Forze aeree svizzere

Il gruppo acrobatico PC-7 Team inscenerà delle dimostrazioni di volo sopra all’aerodromo di Agno
Luganese
20 ore

Filarmonica di Castagnola in concerto

Domenica 19 giugno al Lac il secondo concerto per gli ottant’anni del sodalizio, rinviato più volte a causa della pandemia
Locarnese
21 ore

Ascona, incontro con Luca Pfaff

Il direttore d’orchestra sarà ospite della Biblioteca popolare mercoledì prossimo. Presenterà il suo libro
Bellinzonese
22 ore

‘Atteggiamento mafioso’, Pronzini querelato dal Municipio

Bellinzona: il consigliere Mps indagato per diffamazione, calunnia e ingiuria. All’origine un suo intervento in Cc sulla casa anziani di Sementina
Locarnese
22 ore

Maggia, l’ultima casalinga della squadra di calcio

Sabato in occasione della sfida col Cadenazzo grigliata e musica al termine del match. Su schermo gigante la finale di Champions
Ticino
22 ore

Maggio va agli archivi, ma non... i controlli della velocità

Da Airolo a Ligornetto, attenzione a non premere troppo sull’acceleratore sulle strade ticinesi: ce n’è per tutti
Locarnese
22 ore

Ppd di Gordola, Comotti confermato presidente

Il vicesindaco René Grossi e Laura Lonni si sono intanto messi a disposizione del Distretto per la corsa al parlamento
Bellinzonese
23 ore

Monte Carasso, finissage della World Press Photo Exhibition

Lunedì 30 maggio, dalle 18, il pubblico potrà visitare gratuitamente la mostra con il meglio del fotogiornalismo mondiale
Locarnese
23 ore

Locarno, la Festa dei vicini

In programma musica, animazioni per i più piccoli, banco del dolce e maccheronata. A seguire, la proiezione di un filmato
Locarnese
23 ore

Locarno, i ghiacciai scendono in città

Nella sala multiuso del PalaCinema una mostra. Tra i temi affrontati, anche lo scioglimento causato dai cambiamenti climatici
Locarnese
23 ore

Anà con Togo: acqua, microprogetti e nomine

A Cavergno si è svolta l’assemblea dell’associazione attiva in Africa
Bellinzonese
23 ore

Alta Leventina: Prato e Quinto vogliono unirsi

Nei prossimi giorni sarà inviata una lettera al Consiglio di Stato per avviare la procedura di aggregazione. Airolo, Bedretto e Dalpe hanno rifiutato
Ticino
1 gior

In piazza contro l’aumento delle spese militari

Il comitato di solidarietà Ucraina Ticino è contrario all’aumento del bilancio per la difesa e alla politica di avvicinamento alla Nato
Bellinzonese
1 gior

‘Carnevaa iunaited’: a Lumino Gabry Ponte e Davide Van de Sfroos

La festa estiva organizzata da Rabadan Bellinzona, Lingera Roveredo (Gr), Or Penagin Tesserete e Stranociada Locarno avrà luogo il 24, 25 e 26 giugno
Grigioni
1 gior

Ferite per un giovane motociclista a Lostallo

Incidente della circolazione per un 21enne allievo conducente ieri pomeriggio sulla H13 che da Bellinzona porta a San Bernardino
Locarnese
1 gior

Il Cantiere della gioventù: riviverlo 51 anni dopo

Locarno, domenica ai Giardini Rusca l’evento dedicato al primo centro autogestito del Ticino, promosso in Città nel ’71
Locarnese
1 gior

A Magadino il concerto ‘Bollenti spiriti’

L’Orchestra da camera di Lugano e Michele Fedrigotti propongono capolavori giovanili di due celebri musicisti
laR
 
03.12.2021 - 05:30

Se la classe è in carcere. Benvenuti alla scuola InOltre

Lorenzo Cairoli: ‘S‘insegna senza Pc, solo fogli, ma c’è tanta socialità’. La direttrice, Cecilia Beti: ‘Miriade di corsi e 4 apprendisti’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Gli esami non finiscono mai. Nemmeno dietro le sbarre. La formazione non conosce limiti e, nell’interminabile scorrere del tempo, rappresenta un’opportunità per le persone in detenzione: imparare l’italiano, apprendere le basi fondamentali per un mestiere. C’è anche chi insegue mete grandiose: è il caso di quattro detenuti che frequentano un vero e proprio apprendistato – la struttura carceraria come datore di lavoro – e ambiscono a conseguire l’agognato attestato federale di capacità. Benvenuti alla scuola InOltre. Fondata da Mauro Broggini, ideatore della formazione in penitenziario, da tre anni è guidata da Cecilia Beti, direttrice del Centro professionale tecnico di Lugano-Trevano, scuola post-obbligatoria professionale del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport. La scuola InOltre è coordinata da Lorenzo Cairoli, il quale possiede una duplice esperienza di docente di cultura generale, nelle sedi cosiddette normali, e che per due anni ha insegnato in carcere, perlopiù a donne e minorenni che si portano addosso esperienze fuorilegge e si trovano a espiare condanne, confrontati alla prigionia e alla sofferenza. Quali sono le differenze tra questi due universi?

L’ingresso in aula, tra metal detector, telecamere e spostamenti limitati

«Le differenze sono tante», assicura Lorenzo Cairoli. «Non risiedono nella materia insegnata, ma nel luogo di lavoro: se nella scuola cosiddetta normale sono abituato a fare un miliardo di cose e in totale libertà, in un carcere invece gli spostamenti sono limitati, regolamentati. Già le procedure d’ingresso sono diverse. Entrando in carcere, c’è il metal detector: devo lasciare tutto quanto non è strettamente indispensabile all’insegnamento, sostanzialmente posso portare solo i documenti cartacei, previo controllo da parte del personale. Telefonino cellulare, chiavetta usb e tutto quanto di elettronico non possono entrare nella struttura per ovvi motivi. L’ingresso sul posto di lavoro è diverso anche dal profilo delle sensazioni. E anche gli spostamenti all’interno sono differenti. Le porte non posso aprirle io. All’ingresso mi viene consegnata una tessera magnetica che dà accesso ad alcune porte. Poi ce ne sono altre che devono essere sbloccate dalla centrale operativa. C’è una sorta di citofono da suonare, una telecamera che sorveglia l’ingresso e, una volta date le informazioni richieste, la porta si apre. Quindi si passa alla stanza successiva, quasi alla stregua di un videogioco».

Le lezioni in carcere devono dunque essere forzatamente frontali? «Non necessariamente. Nelle mie lezioni ho spesso favorito le discussioni e le argomentazioni, dopo una breve esposizione di un tema. Discussioni che hanno sempre assunto una portata ampia. Facile immaginarne i motivi: in carcere ci sono persone con storie, ritmi, età diverse. E quindi la discussione si arricchisce dell’esperienza di tutti e si riescono ad affrontare argomenti davvero importanti». Un tratto peculiare che non si riscontra altrimenti all’interno delle scuole professionali? «Come in tutte gli ordini scolastici, il punto è che c’è un programma da portare a termine. Anche in carcere ci sono i percorsi di apprendistato, alla Stampa e il programma è identico, esami inclusi. Nella mia esperienza d’insegnamento ho lavorato alla Farera con le donne e i minorenni e nella mia lezione di Cultura generale, materia del programma scolastico, ho avuto più libertà. Spesso gli spunti sono venuti persino dalle corsiste. Si è spaziato dalla politica, alla civica. Mi è capitato di dedicare pomeriggi interi ai ricordi d’infanzia. Nell’insegnamento in carcere si cerca di favorire lo spazio per momenti personali. Scritto e parlato rimangono le due principali attività».

«La differenza tra il carcere penale e giudiziario? La Farera è un carcere giudiziario, quindi ci sono detenuti in attesa di giudizio, in detenzione preventiva. Sono coinvolti in un’inchiesta che non è ancora terminata, e per evitare pericoli di recidiva e collusione devono stare in carcere. Alle donne e ai minorenni che sono in regime ordinario, vale a dire che stanno scontando la loro pena, è dato prioritariamente il diritto alla formazione». A livello di sensazione, all’interno del carcere, quali sono i sentimenti che passano nelle ore d’insegnamento? Non ha mai avvertito paura? «All’inizio, prima di iniziare, la paura c’è stata, ma era dovuta alla non conoscenza del luogo in cui mi apprestavo a lavorare. Associ il carcere a tutti i pericoli di cui si sente parlare. Poi, una volta dentro, sin dalla prima lezione nel penitenziario mi sono sentito subito a mio agio, sono stato accolto benissimo. C’è un ambiente di condivisione di esperienze, di interesse da parte dei corsisti. L’idea negativa del carcere sparisce in breve tempo». Prosegue Lorenzo Cairoli: «In un carcere giudiziario le condizioni di detenzione sono particolarmente rigide, hanno solo un’ora d’aria. E chiaramente la scuola rappresenta un’opportunità di incontro anche fra gli stessi partecipanti, per una intera giornata si confrontano, parlano, discutono. La scuola diventa momento di socialità e accoglienza, ti ricevono con un tè e i biscotti preparati da loro durante la lezione di cucina, in un clima di spontaneità».

In carcere il ruolo del docente si avvicina dunque più a quello del mediatore? «Assolutamente sì. Si diventa anche confessori. Molto spesso mi confidano le loro preoccupazioni, legate in particolare a questioni giuridiche». E i temi culturali riescono ad attecchire e suscitare interesse fra i detenuti? «Eccome. Mi sono laureato in letteratura e, anche per interesse personale, propongo spesso testi letterari, poesie, racconti. Che hanno costituito spesso il punto di partenza della lezione. Abbiamo letto assieme romanzi brevi, come Novecento di Baricco. Abbiamo visto anche la sua trasposizione cinematografica di Tornatore. Chiaro che in carcere si è chiamati ad affrontare problematiche a livello linguistico, dal momento che molti dei corsisti sono stranieri. Mi è capitato anche di compiere un insegnamento bilingue. Ricordo una corsista di origini turche che viveva nella Svizzera interna che parlava turco e un po’ di tedesco. Con l’aiuto della classe alla traduzione c’era un coinvolgimento totale. In una lezione di un’ora e tre quarti c’è uno scambio davvero ricco: dal plurilinguismo, alla multiculturalità».

Detenuti e detenute, d’altro canto, hanno loro malgrado più tempo teoricamente per studiare. Questo li favorisce nell’apprendimento? «Chi vuole ha il tempo di riflettere e di leggere. Hanno accesso alla biblioteca. Molto spesso le loro letture in cella sono diventate motivo di approfondimento in aula». Sono sorvegliate le lezioni? «No. Abbiamo tuttavia degli strumenti che consentono un rapido intervento da parte del personale in caso di bisogno. Succede molto raramente. In un caso, in modo preventivo, quando il tono delle discussioni si è fatto eccessivamente acceso, ho richiesto l’intervento degli agenti di custodia. Sotto il tavolo c’è un pulsante da premere, che tuttavia io non ho mai utilizzato. Quella volta sono uscito dall’aula e tramite i citofoni ho richiesto l’intervento delle guardie carcerarie che hanno ripristinato l’ordine».

Ha un aneddoto relativo all’esperienza d’insegnamento in carcere? «Mi è capitato di avere a lezione due minorenni, uno tunisino e l’altro algerino, che chiaramente non parlavano italiano, ostentavano solo un po’ di francese. Soggiornavano al Centro richiedenti l’asilo di Balerna. La comunicazione con loro era molto difficile e ho chiesto se volessero imparare qualche parola di italiano, dal momento che poteva essere utile per loro. Li avevo a lezione separatamente, dal momento che erano coinvolti nella stessa inchiesta penale e non potevano incontrarsi. Il più timido dei due sapeva solo due parole d’italiano: “avvocato” e “mamma”, perché voleva sempre tornare a casa. Un pomeriggio, in un momento di abbattimento, si è messo a piangere. Ho cercato di confortarlo. E mi sembra mi abbia detto qualcosa del tipo, “sei bravo, grazie”. È una cosa che mi ha fatto estremamente piacere, soprattutto che me lo abbia detto in italiano. Perché significa che di quel poco che abbiamo svolto insieme, qualcosa è rimasto. Mi ha restituito il senso del lavoro che abbiamo compiuto insieme».

Corsi e crediti

Un ampio ventaglio di opportunità

Cecilia Beti ha appena inaugurato, a settembre, il suo terzo anno quale direttrice della scuola InOltre nelle strutture carcerarie. «La scuola InOltre – spiega – si occupa della formazione sia all’interno del penitenziario per la detenzione preventiva Farera, rivolta a minori e alle donne, sia alla Stampa per gli uomini che non si trovano più in detenzione preventiva e che sono già stati processati e che quindi acquisiscono il diritto all’iscrizione alla scuola. Abbiamo attualmente anche quattro detenuti – si tratta di giovani adulti, tra cui un quarantenne – iscritti all’apprendistato per il conseguimento dell’Attestato di capacità federale (Afc) o del Certificato federale di formazione pratica (Cfp). Seguono la normale griglia oraria – un giorno di scuola alla settimana – e le identiche materie, alla stessa stregua dei loro compagni iscritti nei Centri tecnici professionali del Cantone. Solitamente i candidati sono persone che devono espiare una pena lunga almeno quanto la durata della formazione. È successo tuttavia che persone in semilibertà fossero integrate nei Centri professionali tenici. L’ostacolo, per chi lascia il penitenziario, è che deve trovare un apprendistato. Altrimenti il datore di lavoro è il penitenziario, dove ad oggi le professioni possibili sono tre e s’inseriscono all’interno dei laboratori già previsti obbligatoriamente per tutti i detenuti: falegnameria, legatoria-postpress e cucina». Quali sono invece le opportunità di formazione per gli altri detenuti? «Un ventaglio ampio viene offerto alle donne per l’ottenimento di certificati di frequenza. Per le donne, le materie spaziano, dalla cultura generale all’informatica, all’educazione fisica, educazione visiva, un laboratorio di cucito. Due o tre volte la settimana, il mattino, si trovano inoltre con una docente per imparare l’ambito domestico e la preparazione del pranzo». Prosegue Cecilia Beti: «Per i minori, la cui detenzione è di breve durata, la formazione è di grande importanza: hanno la possibilità di seguire lezioni di educazione fisica, cultura generale e un laboratorio di cura della casa e cucina. Sia per i minori sia per le donne è data la facoltà di conseguire “crediti Ecdl” legati a programmi informatici. L’iscrizione agli esami è a loro carico, perché è importante che i partecipanti siano interessati e motivati». Veniamo alla possibilità formative per gli uomini. «Per gli uomini vi sono pure corsi d’informatica, di base e approfondita, di educazione fisica e visiva. Vi sono inoltre corsi di lingua – inglese, tedesco, francese e italiano – sia di base sia improntati alla cultura per chi intende approfondire». «Per tutti – minori, donne e uomini – esistono pure moduli di 40 ore legati alla contabilità e all’imprenditorialità (business plan); un modulo di pasticceria, uno di cucina, uno di taglio dei capelli. Va inoltre detto che per le donne e i minori, i corsi di formazione si svolgono anche durante l’estate, grazie alla disponibilità dei docenti. I docenti sono quelli delle diverse sedi dei nostri Centri professionali tecnici, complessivamente una ventina che insegnano nelle strutture carcerarie». Come fate a ottenere la loro disponibilità a insegnare in carcere? «Intercettiamo quelli che ci potrebbero sembrare interessati. Svolgiamo un colloquio con loro e poi si decide, non è un obbligo». Qual è il bilancio, anche in termini umani, della sua direzione della scuola InOltre? «È un’esperienza decisamente arricchente. E dal profilo organizzativo abbiamo la possibilità di collaborare in modo molto costruttivo con le strutture carcerarie e con il direttore, Stefano Laffranchini».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
carcere cecilia beti detenuti formazione lorenzo cairoli scuola
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved