manno-bocciato-il-progetto-per-l-ex-osteria-bellavista
Ti-Press
Il sedime che ospita l'ex osteria Bellavista resta com'è
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
36 min

I turisti incolonnati tolgono segnale ai cellulari sui monti

Il problema si è acuito quest’estate. Swisscom evidenzia la grande difficoltà nel realizzare nuove antenne a causa delle contestazioni
Ticino
36 min

Pensioni statali, c’è chi chiede di fare retromarcia

Mozione dell’Mps: ‘Assurdo affidare la cassa al mercato azionario, si torni almeno alla proposta iniziale del governo’. La Lega: ‘Sarà referendum’.
Ticino
36 min

Il Plr: ‘Un Piano d’azione per razionalizzare la luce pubblica’

Illuminazione e lotta agli sprechi, con una mozione Michela Ris chiede al Cantone di fare la sua parte. Nostra panoramica nei Comuni, che fanno già molto
Luganese
11 ore

Lugano apre Palazzo Civico per ricordare Marco Borradori

Si svolgerà nel patio la cerimonia richiesta dalla Lega e fatta propria dal Municipio a un anno dalla scomparsa dell’ex sindaco
Mendrisiotto
11 ore

Mendrisio, i vincitori del tiro sportivo di Pro Militia

Alla manifestazione hanno preso parte una quarantina di tiratori. Ospite anche il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi
Locarnese
12 ore

Locarnese, slitta la passeggiata degli ‘Amis da la forchéta’

La manifestazione sarà riproposta il 22 ottobre in una veste nuova e con numero limitato di persone
Locarnese
12 ore

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
12 ore

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
Locarnese
12 ore

Monte Comino, domenica torna la festa popolare

Appuntamento in quota al Grotto al Riposo romantico; carne alla griglia, musica e intrattenimenti per i più piccoli nel programma della giornata
Mendrisiotto
12 ore

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Grigioni
12 ore

Un Ferragosto alpino a San Bernardino

Ricca offerta di attività per famiglie in centro al paese e nei dintorni
Luganese
13 ore

Alla Resega sbarcano due nuove macchine del ghiaccio

Le ENGO IceTiger, che vanno a propulsione elettrica, permetteranno di ripulire la superficie della Cornèr Arena in pochissimo tempo
Bellinzonese
13 ore

Il gruppo cornisti di Corzoneso si esibisce a Quinto

Il concerto, organizzato dal Consiglio parrocchiale con il patrocinio del Comune, si terrà lunedì 15 agosto alle 10.45
26.09.2021 - 14:06
Aggiornamento: 27.09.2021 - 17:26

Manno, bocciato il progetto per l’ex osteria Bellavista

Referendum accolto dal 57% dei votanti (338 contro 243). Il sindaco Giorgio Rossi non ne fa un dramma, mentre Fabio Sirchia si dice sorpreso favorevolmente

Non si deve far nulla al sedime che ospita l’ex osteria Bellavista di Manno. Così ha deciso la maggioranza della popolazione accogliendo il referendum contro il credito di realizzazione di 4,750 milioni di franchi per concretizzare il progetto. Il risultato è chiaro e non lascia spazio a interpretazioni: 338 cittadini (il 57% dei votanti) hanno votato il referendum, mentre solo 243 (il 43%) ha sostenuto l’intervento proposto dal Municipio. Nella maggioranza hanno dunque fatto breccia le argomentazioni dei referendisti, nonostante il fatto che il credito sia stato approvato dal Consiglio comunale (16 voti favorevoli, 6 voti contrari) nella seduta del 21 dicembre 2020. Il progetto prevedeva una piazza esterna, una sala multiuso, un centro di socializzazione/preasilo con giardino esterno, la cucina, la biblioteca Portaperta, una sala riunioni e un locale deposito a disposizione delle associazioni, una cantina per lo stoccaggio del vino prodotto dai vigneti comunali, poi locali tecnici.

‘Non è una priorità: ne prendiamo atto’

Dal profilo finanziario, il progetto non avrebbe scombussolato l’erario comunale a parere del Municipio, secondo cui l’opera non avrebbe causato “un aumento del moltiplicatore d’imposta (ora al 65%) a Manno”, si leggeva nel volantino pro centro polifunzionale. Un primo commento lo chiediamo al sindaco Giorgio Rossi che non si scompone più di tanto dal risultato emerso dalle urne: «Ho sempre sostenuto che sui temi finanziari è giusto che siano i cittadini a decidere. Noi come Municipio avevamo dato seguito all’idea perché inizialmente aveva raccolto il favore di tutti i gruppi politici nei volantini elettorali del 2016. Siamo giunti alla proposta votata dal Consiglio comunale anche sulla scorta di un sondaggio tra la popolazione e la risposta era stata a sostegno della sistemazione del Bellavista. Oggi è stato deciso che il progetto va abbandonato, noi ne prendiamo atto, non ne facciamo un dramma. Abbiamo voluto dare una risposta positiva ai numerosi cittadini che hanno richiesto un luogo d’incontro per i giovani e per gli anziani, con un asilo nido, ma i cittadini oggi ci hanno detto chiaramente che questa non è una priorità». Ora però il sedime resta così com’è... «Faremo le nostre valutazioni, ma probabilmente, per i prossimi anni, non faremo più nulla», commenta Rossi.

‘Le nostre riflessioni hanno fatto breccia’

Dal canto suo, Fabio Sirchia, consigliere comunale Plr e primo firmatario del referendum, si dice «sorpreso favorevolmente dall’esito del voto. Significa che le nostre riflessioni hanno ottenuto un buon riscontro nella popolazione». Ora cosa si aspetta dal Municipio? «Il risultato ha mostrato che il progetto non è considerato prioritario – risponde il consigliere comunale Plr –. Ritengo siano più urgenti altre opere. Rispetto a cinque anni fa quando anche noi ritenevamo l’opera prioritaria, negli ultimi tempi le circostanze sono mutate parecchio. Ora, attendiamo che ci venga presentato il Piano finanziario». La maggioranza della popolazione ha sposato la tesi dei referendisti, secondo cui il progetto proposto avrebbe comportato costi eccessivi in una situazione di grande incertezza finanziaria. Nel volantino dei referendisti, si poteva leggere che “iI consuntivo 2020 del Comune ha chiuso in positivo solo grazie a ricavi fiscali straordinari relativi agli anni passati che con ogni probabilità non si ripeteranno negli anni a venire, in quanto alcune aziende importanti che hanno contribuito a generarli nel frattempo si sono trasferite“. Fra le opere da realizzare al più presto, venivano citate la sistemazione del comparto ex Nyl-Ti, un capitolo della storia industriale del comune, la sistemazione urbana connessa alla realizzazione del progetto tram-treno verso Lugano e il risanamento energetico del centro comunale e delle scuole elementari”.

L’ex osteria Bellavista, come detto, è dunque destinata a restare così com’è ancora per diversi anni. Eppure, della riqualifica del comparto, acquistato dal Comune da privati residenti nel paese nel 2010, si parla ormai da diverso tempo. Tanto che c’era stata già un’altra idea non andata in porto: l’opzione di costruire assieme alla Fondazione Diamante. Negli ultimi anni, l’autorità comunale aveva pertanto coinvolto la popolazione, tramite un sondaggio, in cui la grande maggioranza delle risposte era stata a favore di una riqualifica, però basata sulla vaghezza della proposta sulla scarsa partecipazione popolare, fanno notare i referendisti (solo il 38% aveva risposto al questionario). Malgrado l’esito del voto, il Municipio si dice tranquillo, siccome aveva coinvolto pure i gruppi politici e le associazioni attraverso una commissione ad hoc.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bocciato il progetto ex osteria bellavista manno referendum
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved