manno-bocciato-il-progetto-per-l-ex-osteria-bellavista
Ti-Press
Il sedime che ospita l'ex osteria Bellavista resta com'è
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 min

Ppd Locarno, Akai chiede la conferma alla presidenza

“Dopo le comunali, delusissimo, volevo lasciare, ma ci ho ripensato perché ci tengo molto”. Deciderà la prossima assemblea
Bellinzonese
2 min

Rodi-Fiesso, Leventina Calcio in assemblea

Appuntamento per giovedì 18 novembre alle 20 al Ristorante Baldi
Bellinzonese
7 min

‘Sentire con le protesi acustiche’ a Bellinzona

Il corso si terrà dalle 14 alle 15 alla sede di ATiDU (Salita Mariotti 2) il 12 e il 19 novembre, così come il 3 dicembre
Bellinzonese
25 min

Mercatino di Natale a Quinto

L’evento si terrà l’8 dicembre (9.30-12.30) sul piazzale esterno dello Stadio multifunzionale di Ambrì e sarà abbinato alla vendita di alberelli di Natale
Bellinzonese
34 min

Lottigna, finissage della rassegna ‘50 di voce 50 di blenio’

Appuntamento per domenica 7 novembre al Museo storico etnografico. Alle 16 si esibirà anche il gruppo di musica popolare Vox Blenii
Grigioni
41 min

Guida in stato di inettitudine, impatta con il muro e si ribalta

L’incidente sulla strada cantonale H29 lungo il lago di Poschiavo, fra Le Prese e Miralago. Il 19enne guidava con una patente in prova
Mendrisiotto
41 min

Doppio credito di circa 600mila franchi per Morbio Inferiore

Da interventi per la sistemazione della canalizzazione comunale alla sostituzione delle condotte dell’acqua potabile in via Maestri Comacini
Mendrisiotto
50 min

Morbio Inferiore mantiene il moltiplicatore all’86%

Disavanzo d’esercizio preventivato di 839mila franchi ‘che, considerata la prudenza, risulta ampiamente sopportabile’
Luganese
2 ore

Un concerto a Besso per i 50 anni del Telefono Amico

Il Coro Clairière del Conservatorio della Svizzera italiana per solisti, coro, clarinetto, violoncello, contrabbasso e pianoforte
Luganese
2 ore

Torna in aula l’ex direttore delle Autolinee luganesi

Il tribunale di secondo grado ha fissato per lunedì 8 novembre a Locarno, con inizio alle 9.30, la seduta di Appello
Mendrisiotto
2 ore

Sparò e uccise l’amico cacciatore, chiesti 12 mesi sospesi

I fatti risalgono al settembre 2019 durante una battuta di caccia al cinghiale in zona Penz a Chiasso. ‘Commessa un’incredibile leggerezza’
Bellinzonese
2 ore

Processo bis per l’artefice dei botti di Bellinzona

Condannato in primo grado a tre anni e mezzo di carcere, il 22enne ha impugnato la sentenza e tornerà in aula il 18 novembre davanti alla Corte di appello
Ticino
3 ore

Un primo bilancio per l’educazione civica a scuola

Il rapporto del Governo a due anni dal primo biennio di applicazione delle modifiche di legge sull’educazione civica, alla cittadinanza e alla democrazia
Luganese
26.09.2021 - 14:060
Aggiornamento : 27.09.2021 - 17:26

Manno, bocciato il progetto per l’ex osteria Bellavista

Referendum accolto dal 57% dei votanti (338 contro 243). Il sindaco Giorgio Rossi non ne fa un dramma, mentre Fabio Sirchia si dice sorpreso favorevolmente

Non si deve far nulla al sedime che ospita l’ex osteria Bellavista di Manno. Così ha deciso la maggioranza della popolazione accogliendo il referendum contro il credito di realizzazione di 4,750 milioni di franchi per concretizzare il progetto. Il risultato è chiaro e non lascia spazio a interpretazioni: 338 cittadini (il 57% dei votanti) hanno votato il referendum, mentre solo 243 (il 43%) ha sostenuto l’intervento proposto dal Municipio. Nella maggioranza hanno dunque fatto breccia le argomentazioni dei referendisti, nonostante il fatto che il credito sia stato approvato dal Consiglio comunale (16 voti favorevoli, 6 voti contrari) nella seduta del 21 dicembre 2020. Il progetto prevedeva una piazza esterna, una sala multiuso, un centro di socializzazione/preasilo con giardino esterno, la cucina, la biblioteca Portaperta, una sala riunioni e un locale deposito a disposizione delle associazioni, una cantina per lo stoccaggio del vino prodotto dai vigneti comunali, poi locali tecnici.

‘Non è una priorità: ne prendiamo atto’

Dal profilo finanziario, il progetto non avrebbe scombussolato l’erario comunale a parere del Municipio, secondo cui l’opera non avrebbe causato “un aumento del moltiplicatore d’imposta (ora al 65%) a Manno”, si leggeva nel volantino pro centro polifunzionale. Un primo commento lo chiediamo al sindaco Giorgio Rossi che non si scompone più di tanto dal risultato emerso dalle urne: «Ho sempre sostenuto che sui temi finanziari è giusto che siano i cittadini a decidere. Noi come Municipio avevamo dato seguito all’idea perché inizialmente aveva raccolto il favore di tutti i gruppi politici nei volantini elettorali del 2016. Siamo giunti alla proposta votata dal Consiglio comunale anche sulla scorta di un sondaggio tra la popolazione e la risposta era stata a sostegno della sistemazione del Bellavista. Oggi è stato deciso che il progetto va abbandonato, noi ne prendiamo atto, non ne facciamo un dramma. Abbiamo voluto dare una risposta positiva ai numerosi cittadini che hanno richiesto un luogo d’incontro per i giovani e per gli anziani, con un asilo nido, ma i cittadini oggi ci hanno detto chiaramente che questa non è una priorità». Ora però il sedime resta così com’è... «Faremo le nostre valutazioni, ma probabilmente, per i prossimi anni, non faremo più nulla», commenta Rossi.

‘Le nostre riflessioni hanno fatto breccia’

Dal canto suo, Fabio Sirchia, consigliere comunale Plr e primo firmatario del referendum, si dice «sorpreso favorevolmente dall’esito del voto. Significa che le nostre riflessioni hanno ottenuto un buon riscontro nella popolazione». Ora cosa si aspetta dal Municipio? «Il risultato ha mostrato che il progetto non è considerato prioritario – risponde il consigliere comunale Plr –. Ritengo siano più urgenti altre opere. Rispetto a cinque anni fa quando anche noi ritenevamo l’opera prioritaria, negli ultimi tempi le circostanze sono mutate parecchio. Ora, attendiamo che ci venga presentato il Piano finanziario». La maggioranza della popolazione ha sposato la tesi dei referendisti, secondo cui il progetto proposto avrebbe comportato costi eccessivi in una situazione di grande incertezza finanziaria. Nel volantino dei referendisti, si poteva leggere che “iI consuntivo 2020 del Comune ha chiuso in positivo solo grazie a ricavi fiscali straordinari relativi agli anni passati che con ogni probabilità non si ripeteranno negli anni a venire, in quanto alcune aziende importanti che hanno contribuito a generarli nel frattempo si sono trasferite“. Fra le opere da realizzare al più presto, venivano citate la sistemazione del comparto ex Nyl-Ti, un capitolo della storia industriale del comune, la sistemazione urbana connessa alla realizzazione del progetto tram-treno verso Lugano e il risanamento energetico del centro comunale e delle scuole elementari”.

L’ex osteria Bellavista, come detto, è dunque destinata a restare così com’è ancora per diversi anni. Eppure, della riqualifica del comparto, acquistato dal Comune da privati residenti nel paese nel 2010, si parla ormai da diverso tempo. Tanto che c’era stata già un’altra idea non andata in porto: l’opzione di costruire assieme alla Fondazione Diamante. Negli ultimi anni, l’autorità comunale aveva pertanto coinvolto la popolazione, tramite un sondaggio, in cui la grande maggioranza delle risposte era stata a favore di una riqualifica, però basata sulla vaghezza della proposta sulla scarsa partecipazione popolare, fanno notare i referendisti (solo il 38% aveva risposto al questionario). Malgrado l’esito del voto, il Municipio si dice tranquillo, siccome aveva coinvolto pure i gruppi politici e le associazioni attraverso una commissione ad hoc.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved