ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
4 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
4 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
13 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
13 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
13 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
14 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
14 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
15 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
22.09.2021 - 18:17
Aggiornamento: 22:27

Lugano, fece perdere tanti soldi a un’amica: condannato

Dieci mesi di prigione sospesi per due anni a un 78enne ritenuto colpevole di truffa. In fumo 340’000 euro versati a una società nel frattempo fallita

lugano-fece-perdere-tanti-soldi-a-un-amica-condannato

Ha tradito la fiducia di una sua amica e cliente. Per anni la donna è stata ingannata, non era al corrente che i suoi soldi fossero andati persi dopo gli investimenti effettuati in una società attiva nel settore dell’arte. L’uomo, un 78enne italiano operatore finanziario comparso in aula penale oggi a Lugano, è stato per anni il suo consulente e ha sostanzialmente ammesso i fatti. Stiamo parlando di 340’000 franchi, prelevati in contanti, con il consenso di una fiduciaria attiva in città a Lugano, in quattro occasioni. Per aver ingannato la stessa vittima, l’uomo aveva già subito un processo in Italia e per questa ragione era stato licenziato dall’istituto bancario nel quale lavorava. Inevitabile, la condanna nei suoi confronti a dieci mesi di reclusione sospesi con la condizionale per due anni e al risarcimento della ex cliente, pronunciata dalla presidente della Corte delle Assise correzionali di Lugano Francesca Verda Chiocchetti, che ha considerato l’uomo non credibile. Il 78enne è stato riconosciuto colpevole di truffa e falsità in documenti ripetute, ma è stato prosciolto dalle accuse di riciclaggio di denaro aggravato e appropriazione indebita ripetuta.

Il procuratore pubblico Andrea Gianini, nella requisitoria, in tarda mattinata, aveva ritenuto medio-grave la colpa dell’imputato e, nei suoi confronti, aveva chiesto una pena di 15 mesi, sospesi con la condizionale per due anni. Il pp è convinto che l’uomo abbia agito in maniera sleale, per fini di lucro personale e, nella richiesta formulata, ha tenuto conto anche delle attenuanti legate all’età dell’uomo e al lungo tempo trascorso dai fatti (risalenti a oltre 11 anni fa). L’avvocato Luca Marcellini, legale dell’accusatrice privata ha chiesto la conferma dell’atto d’accusa e il riconoscimento della richiesta di risarcimento di 247’000 euro (spese legali comprese). Nel suo intervento, ha manifestato l’amarezza della vittima, alla quale sono stati restituiti soltanto una piccola parte del denaro e non per volontà dell’uomo. L’avvocato Fabio Nicoli, legale dell’imputato, ha invece chiesto una pena più mite invocando il fatto che la società attiva a Lugano avrebbe potuto effettuare una telefonata per verificare l’investimento effettuato e, fra l’altro, l’attenuante legata all’anzianità del suo assistito.

Durante il dibattimento, l’uomo ha sostanzialmente riconosciuto le malversazioni affermando che all’epoca riteneva di aver fatto una cosa buona per la cliente, facendo in realtà un grosso errore: «Pensavo che cambiare forma d’investimento nel settore dell’arte fosse un modo per far guadagnare denaro alla mia cliente. Tanto è vero che anche io ho perso i miei soldi, circa 50’000 euro, investendo in quella società (poi fallita). Non avevo una grande competenza nel settore, ma il mio mestiere era proprio quello di capire i mercati». L’uomo ha poi confermato di non aver informato la cliente, perché riteneva fossero sufficienti gli estratti conto della banca. Si è forse fatto influenzare dal fatto che quella società aveva acquistato dei dipinti di sua moglie (non di grande valore). La giudice ha tuttavia messo in evidenza le sue contraddizioni nella giustificazione del suo agire.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved