malcantone-dalla-miniera-di-sessa-al-parco-minerario
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
51 min

Omofobia, denunce per discriminazione. Anche in Ticino

Si riferiscono in particolare a testi e video pubblicati sul web o nel contesto della campagna per l’iniziativa “matrimonio per tutti”
Locarnese
16 ore

Minispettacoli, si parte con ‘Chissadove’ di Scintille

Torna all’Oratorio San Giovanni Bosco di Minusio la rassegna di teatro per ragazzi. Domani il debutto con la compagnia locarnese
Grigioni
17 ore

Bregaglia, collisione frontale fra due macchine

L’incidente è avvenuto all’entrata della galleria situata dopo il valico doganale di Castasegna. Ferito uno dei due conducenti
Locarnese
18 ore

Locarno-Burkina Faso, cooperazione oltre le difficoltà

Da quasi vent’anni Beogo opera sostegno di progetti di cooperazione e sviluppo nello Stato africano, vessato dagli attentati di matrice jihadista
Locarnese
1 gior

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
1 gior

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
1 gior

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
1 gior

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
1 gior

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
1 gior

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
1 gior

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
1 gior

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
1 gior

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
1 gior

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Luganese
1 gior

Villa Heleneum, ‘la proposta stimolerà esperienze nuove’

Il Municipio risponde agli interrogativi posti da Aurelio Sargenti (Ps-Pc) sul futuro dell’edificio di Castagnola, che ospiterà il museo Bally
Bellinzonese
1 gior

Cinque storie d’emozione, domani la presentazione a Bellinzona

Sarà l’occasione per scoprire il libro raccontato e scritto da 9 bambini delle scuole di Contone e Monte Carasso
Ticino
1 gior

Ecco dove saranno i radar settimana prossima

I controlli mobili toccheranno sette distretti ticinesi
Ticino
1 gior

I 40 anni da sindacalista di Ambrosetti in un libro

Vania Alleva (Unia): ‘I liberisti criticano il nostro patrimonio, ma in realtà vogliono attaccare i Ccl’
Mendrisiotto
1 gior

I bambini sono pronti ad andare a scuola a piedi

Un progetto pilota della Supsi nelle scuole di tre comuni rivela la voglia dei piccoli utenti di cambiare mobilità. Convinti anche i genitori
Mendrisiotto
1 gior

‘La Città dia vita a MendrisioNetwork’

Tre consiglieri Lega-Udc-Udf lanciano la proposta nel solco dell’esperienza luganese a favore delle persone in cerca di lavoro
Luganese
 
23.09.2021 - 05:200
Aggiornamento : 10:14

Malcantone, dalla miniera di Sessa al parco minerario

Sotto la lente il progetto, già sottoposto agli enti turistici e di sviluppo, di valorizzazione di siti noti e quasi sconosciuti della regione

Dalla miniera d’oro di Sessa al parco minerario del Malcantone il passo, sulla carta, è breve. Nella realtà, bisogna concretizzare MinerAlp, un nome che racchiude il senso di un progetto Interreg. L’obiettivo è quello di far conoscere le miniere dell’arco alpino anche attraverso un portale unico. Come? Anzitutto, alle nostre latitudini, alcuni tasselli ci sono, ma per comporre l’intero puzzle mancano diversi pezzi. L’iniziativa, che ha raccolto il sostegno dell’Istituto di geologia del Politecnico di Zurigo, include sette partner (Parchi naturali della Val D’Ossola, la Comunità dei Comuni della Val Sesia, la Regione Valle D’Aosta, la Società delle Cave di Baveno, un Comune a nord di Torino, la Miniera d’oro di Sessa e il Parco della Bintart in Vallese). Il progetto malcantonese, potenzialmente, rappresenta un salto di qualità nell’offerta turistica e culturale della regione, perché integra e lega tra loro i vari elementi del territorio stimolando così anche eventuali iniziative micro-imprenditoriali nel turismo e nella valorizzazione dei prodotti agricoli e artigianali locali. L’idea è di coinvolgere gli altri della zona, come il Museo del Malcantone.

Il cucchiaio di bronzo dei Romani

Ne abbiamo parlato con Daniele Ryser, già segretario della Regione Malcantone e ora attivo, per conto dell’Associazione Miniera d’Oro di Sessa e per l’Associazione Acqua Fregia, nello sviluppare un discorso logico di messa in relazione tra quanto esiste in zona con altri aspetti specifici che caratterizzano il Malcantone. Dal punto di vista storico, le attività minerarie dell’Ottocento e del Novecento sono documentate. Probabilmente anche nei secoli precedenti, ma finora mancano documenti e testimonianze. «Abbiamo invece una prova evidente di un’attività mineraria che risale all’epoca romana e forse celtica nelle aurifodine di Garavèe situate in territorio di Curio, frazione di Bombinasco – racconta Ryser –. Sono mucchi di ciottoli depositati a monte dei resti di un mulino accanto al fiume Lisora. L’anno scorso mentre eravamo sul posto, abbiamo trovato un cucchiaio di bronzo risalente all’epoca romana. Mucchi simili sono stati rinvenuti nel Biellese e comproverebbero una tecnica mineraria attribuita ai celti e ai romani. Da lì ricavavano l’oro, il ferro per gli attrezzi e dal silicio il vetro». Non sarebbe il caso di fare altri scavi? «Abbiamo scritto al Servizio archeologia dell’Ufficio dei beni culturali», risponde il nostro interlocutore. È una testimonianza importante che corrobora la presenza di un’attività mineraria nelle zone dove ci sono resti di dolmen e ritrovamenti di tombe celtiche e romane. Il luogo rientra nel percorso, in fase di elaborazione, che dalla miniera di Sessa prosegue fino a Bombinasco e raggiunge il laghetto di Astano e il confine con l’Italia. «Ad Astano ci sono pure i massi coppellari e abbiamo trovato un menhir che faceva da calendario. Un percorso tematico lungo il quale abbiamo proposto di posare totem esplicativi da abbinare all’offerta enogastronomica e di tempo libero della regione» annota Ryser.

Testimonianze esistenti e da scoprire

Per cominciare, dunque, è stato allestito un rilievo di ciò che esiste. Oltre a quella di Sessa, ci sono miniere e siti che meritano di essere segnalati e valorizzati. Quali? «Sono diverse, come quella per estrarre il ferro, sopra Fescoggia sul monte Torri, con ancora i cunicoli e un forno restaurato dove cuocevano i sassi per estrarre il ferro grezzo», risponde Ryser che parla anche di altri posti situati lungo il sentiero delle Meraviglie: «Sotto il paese di Miglieglia, ci sono le miniere Franzi e Baglioni, attive a più riprese dal 1848 al 1920, con due filoni di arsenopirite e quarzo, dove si è cercato anche l’oro (con scarsi risultati). Entrambe sono segnalate con le spiegazioni. Dopo il Maglio, in territorio di Aranno c’è la miniera della Monda: in questo caso si seguì un filone di blenda (minerale costituito da solfuro di zinco in cristalli di colore bruno o giallo) e, a Novaggio, nel 1918 si tentò senza fortuna, seguendo un filone di quarzo e antimonite, una prospezione mineraria che si potrebbe rendere accessibile».

La prima fase del progetto è stata sottoposta all’Ente turistico e all’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Inizialmente, prosegue Ryser, «dovremo sistemare alcune tratte del percorso per accedere alle varie testimonianze nel territorio: i passaggi per l’impianto di flottazione a Beredino (da restaurare) e l’accesso allo sbocco del camino di aerazione della Miniera d’oro di Sessa; l’accesso da Bombinasco al sentiero dell’alpe di Paz verso Astano, poi allo scavo di prospezione sopra Nocor ad Astano, alla palude degli Erbagni e al collegamento con il sentiero delle Guardie e al menhir del Motto del Risc, che va raddrizzato. Il tutto con un’adeguata posa di segnaletica e i pannelli esplicativi collegati alle app dei telefonini».

Dal Carbonifero all’inventario del castagno

Dietro il paese di Manno, il Comune ha già recuperato le cave di conglomerato, uno dei luoghi di maggior interesse geologico nazionale, con le sue rocce sedimentarie, le formazioni più antiche del cantone. Si trova in località Boschetti, a nord-ovest dell’abitato, dove sono emerse importanti tracce del Carbonifero: due grossi tronchi fossili che attestano, insieme ad altri reperti vegetali (tracce della presenza di felci arboree, equiseti, licopodi giganti), come Manno e il Sottoceneri in generale fossero compresi, circa 300 milioni di anni fa, in una fascia tropicale, con condizioni climatiche e vegetative parecchio diverse da quelle attuali. La zona è attrezzata ma non valorizzata come si dovrebbe. Nella seconda fase del progetto, prosegue Ryser, «abbiamo proposto pure un percorso che, da Manno, continua su un crinale seguendo il sentiero fino al percorso vita di Bosco Luganese, dove si osservano affioramenti del Carbonifero alternati a depositi morenici e gneiss del Monte Ceneri. A quota 509 metri, si incontrano i resti di un castello o una torre di guardia medievale. Il percorso poi conduce alla parte alta del Vallone tra Gravesano e Arosio e si vedono le rocce porfiriche che indicano una geologia di origine vulcanica, con formazioni che probabilmente risalgono al Permiano». In seguito, si raggiunge il sentiero del castagno fino a Cademario dove c’è l’inventario delle varietà del castagno in Ticino. Nel percorso rientra anche il monte di Caslano, che appartiene all’Inventario federale dei paesaggi, siti e monumenti naturali d’importanza nazionale, dove esiste già un sentiero geologico, peraltro non pubblicizzato. Un monte particolare che offre diversi elementi di interesse botanico e geologico.

Ryser mette in evidenza che «il restauro della miniera d’oro di Sessa in località La Costa è stato apprezzato dalla popolazione, sia locale (in particolare le scuole) sia turistica. Ciò dimostra la valenza culturale ed economica rappresentata da questo patrimonio storico-minerario del Malcantone. Siamo in contatto con l’Istituto di geologia del Politecnico di Zurigo che ha mostrato interesse per la miniera di Sessa e il territorio circostante». Insomma, sembrerebbero date tutte le premesse per portare a termine l’iniziativa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved