CHI Blackhawks
1
NY Islanders
4
fine
(0-0 : 0-1 : 1-3)
NAS Predators
2
LA Kings
1
fine
(0-0 : 0-1 : 2-0)
MIN Wild
6
WIN Jets
5
fine
(2-2 : 1-1 : 2-2 : 1-0)
EDM Oilers
5
ANA Ducks
4
3. tempo
(3-2 : 0-2 : 2-0)
in-odor-di-mafia-ed-estradato-resti-in-carcere
Puliti! (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
10 min

Locarno, estetica solidale per i malati tumorali

Una nuova associazione no profit raccoglie fondi per rendere più accessibili i trattamenti contro alcuni effetti delle terapie farmacologiche
Locarnese
10 min

Locarnese, 35 anni fa lo schianto sui monti di Mondovì

Nell’incidente aereo persero la vita 6 persone conosciute della regione. Il velivolo, decollato da Ascona e diretto in Spagna, perse la rotta nella nebbia
Luganese
10 min

Autosilo di Carabbia, monta il malcontento dei residenti

Dopo il voto del legislativo, la soluzione della Città non piace ai promotori della petizione, né alla commissione di quartiere né ai mozionanti
Fuga dei cervelli e stipendi
10 min

Un ingegnere a Zurigo può guadagnare 4mila franchi in più

Salari a confronto tra Ticino e la città sulla Limmat, dove laureati incassano paghe del 40 per cento più alte. Ecco perché i giovani se ne vanno
Mendrisiotto
7 ore

‘Cresciuti fra i binari’, la vita ai Domus di Chiasso

Un libro racconta l’emozionante vissuto di chi ha abitato i tre palazzi accanto alla ferrovia ai margini della cittadina di confine di allora
Ticino
9 ore

Risanamento Ipct, i sindacati non esultano

Vpod e Ocst non osteggiano la soluzione di compromesso raggiunta in Gestione, ma fanno capire di preferire il finanziamento diretto
Ticino
9 ore

Impianti di risalita, il credito da 5,6 milioni scende in pista

Il Gran Consiglio dà luce verde al rapporto commissionale. Caprara (Plr): ‘Non è una cambiale in bianco, ci sono criteri da ottemperare’
Ticino
9 ore

Pareggio di bilancio agendo ‘prioritariamente’ sulla spesa

Il Gran Consiglio dà via libera all’iniziativa Udc emendata dalla proposta del Plr per rendere ‘meno rigido’ il testo. Sinistra sulle barricate
Luganese
10 ore

Torricella-Taverne, il Municipio torna alla collegialità

Dopo la polemica pubblica, la segnalazione agli Enti locali e il rimpasto dicasteriale, l’esecutivo torna sulla collegialità e sulla confidenzialità
Luganese
21.07.2021 - 14:280
Aggiornamento : 17:49

In odor di mafia ed estradato: 'Resti in carcere'

Il Tribunale penale federale respinge il ricorso di un cittadino italiano, residente in Svizzera dal 1978, accusato di contatti con la 'Ndrangheta

Carcere è e carcere sarà. È chiaro il Tribunale penale federale nel respingere il ricorso di un cittadino italiano, residente in Svizzera dal 1978. Lo scorso 15 giugno, infatti, davanti all'uomo si sono aperte le porte di una prigione. Contro di lui pesano gravi accuse, quelle di far parte a pieno titolo della 'Ndrangheta e di aver partecipato al trasferimento fraudolento di valori con finalità di agevolazione mafiosa. Insomma, non proprio 'bagatelle', tanto che la prospettiva, se condannato, è di una pena importante, come evidenziato dai giudici.

L'uomo aveva ricorso contro l'arresto, emesso dall'Ufficio federale di giustizia, su richiesta di un mandato europeo sottoscritto dal Tribunale italiano di Catanzaro in attesa dell'estrazione nella penisola. Per gli inquirenti farebbe parte del cosiddetto 'Crimine di Polsi', legato alla cosca Anello-Fruci e dunque collegato alla criminalità organizzata calabrese che proprio in Svizzera, e anche in Ticino, ha le sue ramificazioni. Accanto al fratello, anch'egli residente nella Confederazione e protagonista di un procedimento penale, avrebbe promosso l'approvvigionamento di armi all'organizzazione e curato gli interessi economici, "mettendosi a disposizione del sodalizio criminale, segnatamente apparendo quale intestatario fittizio di beni e attività riconducibili all'organizzazione" si legge ancora nella sentenza della Corte dei reclami penali.

C'è pericolo di fuga

Giusto una settimana dopo l'arresto, l'italiano aveva richiesto l'effetto sospensivo, contestando l'esistenza del pericolo di fuga. Non dello stesso avviso i giudici che hanno ricordato come "per costante giurisprudenza, durante tutta la procedura di estrazione la carcerazione della persona perseguita costituisce la regola mentre la scarcerazione rimane l'eccezione". Il Tribunale federale, non ha mancato di ricordare, ha già avuto modo di negare la scarcerazione di una persona i cui legami con la Svizzera erano indiscussi: "In concreto, non si è manifestamente in presenza di circostanze particolari che imporrebbero di derogare, in via eccezionale, alla regola della carcerazione". Né il permesso C, né il fatto di risiedere in Svizzera da oltre quarant'anni, né il fatto di viverci con moglie e quattro figli di nazionalità svizzera, sono "constatazioni sufficienti ed idonee – puntualizza la presa di posizione – a dimostrare legami od ostacoli tali da scongiurare il pericolo di fuga, ciò soprattutto alla luce dei gravi reati che gli vengono contestati in Italia, i quali, se dovessero essere confermati, potrebbero sfociare in una pena importante".

Il Tribunale non ha neppure accolto la proposta dell'uomo di sostituire la carcerazione con il versamento di una cauzione, il deposito del passaporto e l'obbligo di annuncio: "Orbene, ritenuta in particolare la possibilità di condanna a una pena detentiva di lunga durata – rimarca – le misure in questione non sono di per sé sufficienti a scongiurare un pericolo di fuga". Per questo, sussistendo un reale pericolo di fuga e in assenza di altra soluzione equivalente nei suoi risultati ma meno incisiva, il provvedimento impugnato non può essere considerato lesivo del principio della proporzionalità, ha chiosato la Corte: "Il reclamo va respinto e la detenzione estradizionale confermata".     

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved