ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Bellinzona-Locarno, dacci il nostro cantiere quotidiano

La cantonale di sponda destra è diventata negli ultimi due anni una via crucis. La mappa dei lavori che terminano, che tornano e che sono previsti
Bellinzonese
13 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
13 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
13 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
13 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
13 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
14 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
14 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
14 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
21.07.2021 - 14:28
Aggiornamento: 17:49

In odor di mafia ed estradato: 'Resti in carcere'

Il Tribunale penale federale respinge il ricorso di un cittadino italiano, residente in Svizzera dal 1978, accusato di contatti con la 'Ndrangheta

in-odor-di-mafia-ed-estradato-resti-in-carcere
Puliti! (Ti-Press)

Carcere è e carcere sarà. È chiaro il Tribunale penale federale nel respingere il ricorso di un cittadino italiano, residente in Svizzera dal 1978. Lo scorso 15 giugno, infatti, davanti all'uomo si sono aperte le porte di una prigione. Contro di lui pesano gravi accuse, quelle di far parte a pieno titolo della 'Ndrangheta e di aver partecipato al trasferimento fraudolento di valori con finalità di agevolazione mafiosa. Insomma, non proprio 'bagatelle', tanto che la prospettiva, se condannato, è di una pena importante, come evidenziato dai giudici.

L'uomo aveva ricorso contro l'arresto, emesso dall'Ufficio federale di giustizia, su richiesta di un mandato europeo sottoscritto dal Tribunale italiano di Catanzaro in attesa dell'estrazione nella penisola. Per gli inquirenti farebbe parte del cosiddetto 'Crimine di Polsi', legato alla cosca Anello-Fruci e dunque collegato alla criminalità organizzata calabrese che proprio in Svizzera, e anche in Ticino, ha le sue ramificazioni. Accanto al fratello, anch'egli residente nella Confederazione e protagonista di un procedimento penale, avrebbe promosso l'approvvigionamento di armi all'organizzazione e curato gli interessi economici, "mettendosi a disposizione del sodalizio criminale, segnatamente apparendo quale intestatario fittizio di beni e attività riconducibili all'organizzazione" si legge ancora nella sentenza della Corte dei reclami penali.

C'è pericolo di fuga

Giusto una settimana dopo l'arresto, l'italiano aveva richiesto l'effetto sospensivo, contestando l'esistenza del pericolo di fuga. Non dello stesso avviso i giudici che hanno ricordato come "per costante giurisprudenza, durante tutta la procedura di estrazione la carcerazione della persona perseguita costituisce la regola mentre la scarcerazione rimane l'eccezione". Il Tribunale federale, non ha mancato di ricordare, ha già avuto modo di negare la scarcerazione di una persona i cui legami con la Svizzera erano indiscussi: "In concreto, non si è manifestamente in presenza di circostanze particolari che imporrebbero di derogare, in via eccezionale, alla regola della carcerazione". Né il permesso C, né il fatto di risiedere in Svizzera da oltre quarant'anni, né il fatto di viverci con moglie e quattro figli di nazionalità svizzera, sono "constatazioni sufficienti ed idonee – puntualizza la presa di posizione – a dimostrare legami od ostacoli tali da scongiurare il pericolo di fuga, ciò soprattutto alla luce dei gravi reati che gli vengono contestati in Italia, i quali, se dovessero essere confermati, potrebbero sfociare in una pena importante".

Il Tribunale non ha neppure accolto la proposta dell'uomo di sostituire la carcerazione con il versamento di una cauzione, il deposito del passaporto e l'obbligo di annuncio: "Orbene, ritenuta in particolare la possibilità di condanna a una pena detentiva di lunga durata – rimarca – le misure in questione non sono di per sé sufficienti a scongiurare un pericolo di fuga". Per questo, sussistendo un reale pericolo di fuga e in assenza di altra soluzione equivalente nei suoi risultati ma meno incisiva, il provvedimento impugnato non può essere considerato lesivo del principio della proporzionalità, ha chiosato la Corte: "Il reclamo va respinto e la detenzione estradizionale confermata".     

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved