l-arte-digitale-e-qui-per-rimanere
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Alpe Cedullo, giornata di pulizia dei pascoli

Organizzata dal Gruppo di lavoro dei Patriziati del Gambarogno e dalla Società cacciatori Locarnese e Valli
gallery
Mendrisiotto
2 ore

Furgone prende fuoco a Rancate

Il veicolo si trovava sul piazzale di una carrozzeria. Le fiamme hanno intaccato anche un’auto posteggiata a lato.
Ticino
3 ore

Dopo qualche ora di tregua tornano le code al San Gottardo

In occasione del fine settimana dell’Ascensione anche le Ffs non escludono difficoltà per i viaggiatori
Bellinzonese
17 ore

Nell’ex Arsenale di Biasca un maxi deposito d’arte

Il Municipio conferma le valutazioni fatte con gli specialisti e chiede al Cc il credito di progettazione per un Centro di competenza pubblico-privato
Grigioni
19 ore

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
19 ore

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
19 ore

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
19 ore

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
19 ore

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
19 ore

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
20 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
22 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
22 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
22 ore

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Mondo digitale
24.07.2021 - 13:10
Aggiornamento : 19:42

'L'arte digitale è qui per rimanere'

La nuova mania del collezionismo che offre ad artisti e compratori proprietà e investimenti digitali

di Gianluca Albisetti

Il collezionismo si è spostato online. Più precisamente con il nome di Non Fungible Token (Nft). Un acronimo che negli ultimi mesi trova sempre più spazio nell’infinito universo di internet. Le opere acquistabili spaziano dai quadri digitali, alle canzoni, ai meme, fino addirittura articoli giornalistici. Ma cosa succede quando si acquista un’opera, come un quadro digitale in formato Jpeg? «Si diventa proprietari dell’opera con la possibilità di poterla rivendere a cifre maggiorate a chiunque e in qualsiasi momento. L’artista che la vende all’acquirente, invece, percepirà 'in eterno' una percentuale sulle future rivendite. Solitamente la quota si aggira intorno al 10%». Lo spiega a 'laRegione' Michele Ficara Manganelli, esperto di 'tokenizzazione' e fondatore della Swiss Blockchain Consortium e della Nft.Art.ch, che ha sede a Lugano.

Ma andiamo più nei dettagli. Un Nft è un’unità di valore (token) che rappresenta un bene digitale. Diversamente dal bitcoin, che è 'fungibile' e intercambiabile, l'Nft ha proprietà univoche, cosicché ogni Nft emesso è diverso da tutti gli altri. Per questo le opere comprate che sono rappresentate da un Nft sono uniche e danno al compratore la proprietà dell’opera. Nella compravendita, una persona che vuole acquistare un Nft deve avere un portafoglio digitale (in gergo Wallet) con all’interno delle criptovalute. La piattaforma più conosciuta per comprare opere Nft si chiama Ethereum, che ha anche la sua moneta digitale Ether che serve per acquistare gli Nft. 

L’autenticazione

Ogni compravendita avviene tramite una blockchain, che è un sistema decentralizzato: ovvero una rete di dati condivisa su più computer situati in più parti del mondo che, in sostanza, fa da libro mastro e certifica ogni movimento e spostamento di qualsiasi dato che passa attraverso la blockchain. Questa sarà poi la certificazione – giorno, data, nome venditore, compratore, eccetera – che verrà posta all’interno del contratto di compravendita, garantendo al suo (nuovo) proprietario un’unicità che lo attesterà come proprietario di un’opera. «Sta poi al proprietario cosa farne: può tenerla lì sullo smartphone o sul pc e ammirarla proprio come se avesse un quadro in salotto. Altrimenti esiste questo enorme potenziale della rivendita, un’azione che, se fatta bene, genererà profitti sia all’artista che al proprietario» evidenzia Ficara Manganelli. Una blockchain, pur condividendo i dati su più computer, permette alle informazioni al suo interno di essere praticamente «impossibili da modificare o falsificare», al contrario di un sistema centralizzato che sarebbe molto più vulnerabile.

La situazione in Ticino

Al momento, continua Manganelli, non c’è nessun artista che vende opere digitali, o per lo meno nessun artista rilevante: «Ci sono però società ticinesi che stanno creando fondi d’investimento a lunga durata nelle opere Nft». E proprio la Nft.art.ch, oltre a vendere opere Nft tramite i propri artisti, ha lo scopo di divulgare con eventi internazionali questo mondo «essenziale per un artista contemporaneo che vuole sopravvivere nei prossimi anni e importante per chiunque voglia investire», annota Manganelli, che sottolinea l’importanza di seguire attentamente questo fenomeno che non sparirà, ma che bensì cambierà «drasticamente» il mondo dell’arte.

Il ruolo decisivo della pandemia

Come in ogni evento di proporzioni mondiali, in questo caso una pandemia, c’è sempre un vincitore e un perdente. Gli Nft fanno parte dei vincitori. «Il Covid-19 è stato essenziale al 100%. Senza, la popolarità degli Nft e le quotazioni delle criptovalute – monete digitali con cui si possono acquistare gli Nft – non si sarebbero sviluppate con questa velocità». Perfino Christie’s, la nota casa d’aste londinese, ha voluto inserirsi in questa nuova ondata digitale. È infatti sua l’opera Nft più costosa mai ‘’battuta all’asta’’: parliamo di 69,3 milioni di dollari per un file Jpeg denominato ‘’Everydays: The First 5000 Days’’, un collage di cinquemila dipinti digitali realizzati dall’artista Beeple. Assurdo, verrebbe da dire ai più, se si pensa anche che la stessa immagine la si può trovare semplicemente con una ricerca su Google e con la possibilità di scaricarla nel proprio pc in alta definizione. «Il consiglio che mi sento di dare a chiunque – conclude Manganelli – è quello di seguire attentamente l’evolversi di questa situazione. Non è un tema facile, ma già trenta anni fa quando spiegavo alle persone come funzionava una mail non capivano o non credevano nella forza di tale innovazione. Gli Nft e tutte le sue ramificazioni sono un’innovazione, e come tale modificheranno il nostro mondo, che è già tra l’altro arrivato a un punto di non ritorno con la pandemia».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
blockchain collezionismo michele ficara manganelli
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved