ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
6 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
7 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
7 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
8 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
8 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
8 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
8 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
24.06.2021 - 11:09
Aggiornamento: 17:14

Società vuota e senza capitale: condannata imprenditrice

Anche oggi l'imputata italiana non si è presentata in aula, la Corte ha pertanto proceduto in sua assenza. Dodici mesi sospesi per reati patrimoniali

societa-vuota-e-senza-capitale-condannata-imprenditrice
TI-PRESS
Registrò la società senza capitale sociale

Neppure oggi si è presentata a processo, così come era avvenuto lo scorso 7 giugno quando aveva presentato un certificato medico ritenuto incomprensibile dalla Corte. Pertanto il giudice - a fronte di una nuova impossibilità a presenziare dell'imputata, questa volta giustificata da un lutto familiare - ha dato via al dibattimento senza l'accusata, la quale è stata giudicata assente giustificata. Protagonista, un'imprenditrice napoletana 49enne, accusata di aver fatto carte false nel trasferire la sua società di editoria e di eventi dall'Italia al Ticino, tra il 2016 e il 2018, lasciando sul campo una miriade di reati patrimoniali e societari: falsità in documenti, conseguimento fraudolento di una falsa attestazione, false comunicazioni alle autorità del Registro di commercio, amministrazione infedele, cattiva gestione.

'Una società senza capitale sociale'  

Il procuratore pubblico, Daniele Galliano, nella sua requisitoria ha evidenziato con stupore come l'imputata, amministratrice unica, sia riuscita a trasferire una società dall'Italia alla Svizzera, segnatamente Lugano, e ad iscriverla al Registro di commercio senza nessun capitale sociale, aggirando la vigilanza. Ha messo per un anno energie in questo raggiro attraverso importi e bilanci fittizi per procacciarsi indebiti profitti.

Il magistrato ha formulato nei confronti della 49enne una pena di 14 mesi posti al beneficio della sospensione condizionale per un periodo di prova di due anni e l'espulsione dalla Svizzera per 5 anni, dal momento che «non ha alcun legame con la Svizzera: in Ticino è venuta solo a commettere reati e a fare pasticci».

L'avvocatessa di difesa, Melissa Bernasconi, ha dal canto suo evidenziato che se è vero che la donna non si è presentata in aula è vero tuttavia che si è sempre presentata ai verbali per rispondere alle accuse. «In Ticino non ha mai ricevuto assistenza per trasferire la sua società dall'Italia alla Svizzera - ha sottolineato la legale, che ha aggiunto: «Non si capisce quali vantaggi economici avrebbe ottenuto». L'avvocatessa Bernasconi ha chiesto in via principale il proscioglimento da tutti i reati indicati nell'atto d'accusa e in via subordinata una riduzione della pena e la rinuncia all'espulsione dalla Svizzera.

Il giudice Amos Pagnamenta ha emesso un verdetto di colpevolezza, infliggendo alla 49enne una pena di 12 mesi sospesi con la condizionale per un periodo di prova di due anni e l'espulsione dalla Svizzera per 5 anni. La Corte ha accolto la quasi integrità dell'atto d'accusa. 

 

Leggi anche:

Non si presenta al processo. Il giudice: atto ingiustificato

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved