ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
39 min

Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto

La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Luganese
56 min

Mendrisio, consigli per evitare le truffe

Incontro rivolto agli anziani nella sala del Consiglio comunale. Lo organizzano diversi enti, in collaborazione con la Polizia cantonale
Bellinzonese
1 ora

‘Malumore e perplessità in comitato’ sull’agire di Martinoli

Associazione ospedali di valle, poco gradita la lettera del primo firmatario sul ritiro dell’iniziativa. Attesa la risposta del Dss alle nuove richieste
Mendrisiotto
3 ore

Pizzicato al confine con 750 mila euro non dichiarati

Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
Ticino
5 ore

La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina

Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
5 ore

Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro

Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
GALLERY
Mendrisiotto
12 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
12 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
12 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
12 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
15 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
15 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
15 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
15 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
16 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
17 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
05.03.2021 - 20:52
Aggiornamento: 22:25

Lugano, Speziali: 'I veleni sui social fanno male a tutti!'

Intervista al presidente del Plr cantonale che parla del Polo sportivo e delle divisioni 'in via di assestamento' sezione cittadina del partito

lugano-speziali-i-veleni-sui-social-fanno-male-a-tutti
Alessandro Speziali, presidente cantonale del Plr (Ti-Press)

Che idea si è fatto del dibattito attorno al progetto di Polo sportivo e degli eventi a Lugano, nel quale ci sono stati anche colpi sotto la cintura e sui social addirittura commenti al limite dell'illegalità?

Il confronto con tutte queste esternazioni discutibili sui social sta andando anche contro l'anima di questo progetto e soprattutto dello sport, in cui deve prevalere il fai play e il rispetto reciproco. Affrontarsi all' interno di alcune regole è fondamentale sia nello sport sia nella politica. I veleni che leggiamo sui social fanno male a tutti, dagli strenui difensori a quelli che vorrebbero vederci un po' più chiaro sulla conseguenza del progetto. Il dibattito rischia di diventare un gioco a somma zero se questo livello di astio non rientra. 

Favorevole o contrario al Pse?

A me pare che questo progetto sia fondamentale e contribuisca a una riqualifica dell'intero comparto di Cornaredo. Soprattutto perché parliamo di sport che significa aggregazione, associazionismo e crescita personale ed è qualcosa di importante per i giovani e non solo. Da questo punto di vista è veramente un progetto popolare e trasversale. Ci sono però interrogativi che stanno pesando come macigni. C'è da capire se questi macigni non siano in qualche modo aggirabili. Per ora sembra che non sia possibile. In politica ho però capito che spesso da queste discussioni così aperte saltan fuori soluzioni inaspettate.

Intravvede rischi di una bocciatura in Consiglio comunale nella prossima seduta?

Non voglio di certo interferire. A me pare che all'interno del Plr sia indiscussa la consapevolezza dell'importanza di riqualificare il quartiere grazie all'infrastruttura che sorgerebbe. Però, come detto, ci sono questi macigni che alcuni affrontano con una certa dose di ottimismo mentre altri intravvedono grossissimi rischi. In Consiglio comunale dipenderà tutto se ci sarà una cordata solida fra partiti … Altrimenti, il credito scricchiola pericolosamente. 

Qual è la sua opinione in merito alla lettera scritta al Municipio di Lugano da Fulvio Pelli, candidato Plr al Consiglio comunale di Lugano ex consigliere nazionale del partito nella quale antepone i suoi interessi personali al Pse, al di là dell'uso strumentale che ne è stato fatto da parte del direttore del Mattino della domenica e municipale leghista di Lugano Lorenzo Quadri?

Evidentemente il cittadino rimane spiazzato. Ognuno è libero di intraprendere e motivare i propri ricorsi, certo, ciò non toglie però che la notizia lasci perplessi in molti.  

Il Plr spesso parla di riqualifica urbana, sport, grandi opere …  

Assolutamente sì. Lo sport e tutto quello che ci ruota attorno ha un riverbero locale, regionale e cantonale. Il Ticino rispetto alla Svizzera interna dispone di infrastrutture decisamente non adeguate e non al passo con i tempi. Oltre Gottardo, c'è un’altra cultura: lo sport è visto non come un optional, ma rientra piuttosto nella politica di sviluppo e di integrazione, in una visione lungimirante.  

Sono forti le divisioni all'interno del Plr e le contrapposizioni fra i municipali e alcuni esponenti del gruppo in Consiglio comunale rischiano di indebolirlo. Cosa ne pensa?

Il partito ha sempre avuto una sanissima inclinazione all’analisi e al dibattito, e in questo caso il Plr ha veramente fatto una radiografia precisa del progetto. Anche perché ci sono cittadini che si pongono alcuni interrogativi. Alcuni esponenti Plr sono seriamente preoccupati delle possibili conseguenze negative sui commerci del centro per lo spostamento di alcuni flussi. Inutile nasconderlo: questo ha portato a piccole scosse telluriche. Però, sono in contatto continuo con la sezione di Lugano e mi pare che ora ci sia un assestamento. Tutti sono d'accordo che questa sia un'occasione per Lugano e ora si sta cercando in tutti i modi la quadra del cerchio per non farla saltare. Oltre all’assestamento, è anche rassicurante l'intento di marcare stretto il Municipio affinché poi prendano forma altri progetti utili per far vivere la città in altri luoghi, come il Polo congressuale. Vede, ci comportiamo come una famiglia strana noi liberali, urlandoci da un balcone all'altro, mentre altri lavano i panni sporchi in casa. Ma anche negli altri partiti non c'è sempre stata l'unanimità, come nella Lega che prima tacciava di megalomania il Pse mentre oggi lo difende a spada tratta. La sinistra, invece, per digerire internamente i 'rospi' tenta la carta degli appartamenti a pigione moderata. 

E qual è la sua opinione dell'idea di congelare tutto e rimandare a dopo le lezioni il voto come proposto dall'ex sindaco Giorgio Giudici che pare possa cambiare molto le carte in tavola?

In politica talvolta emergono soluzioni inaspettate fino a cinque minuti prima di mezzanotte. Ho fiducia nel dibattito e nelle nostre persone. Forse senza il clima elettorale così acceso, le posizioni sarebbero meno rigide. Il congelamento del progetto? Non sono un indovino. Da una parte forse ci sarebbe il vantaggio di allungare di un po' di tempi per cementare il consenso nei partiti; dall’altra la politica è chiamata ad avere il coraggio delle decisioni. Sia quel che sia, occorrerà poi convincere la popolazione in vista dell'annunciato referendum, che sarà il vero banco di prova per tutti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved