lugano-sette-mesi-di-carcere-per-la-rapina-al-parco
Tranquillità del parco Ciani rovinata la sera del 13 agosto (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
23 min

Torna il Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

L’Associazione MeTeOra annuncia che il prossimo appuntamento è in programma per mercoledì 2 febbraio
Luganese
37 min

Meditazione, silenzio e riflessioni al Convento del Bigorio

Nel mese di febbraio ci saranno tre appuntamenti. Il primo è dedicato a un aspetto della figura di S. Francesco d’Assisi
Locarnese
1 ora

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
1 ora

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
1 ora

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
2 ore

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
2 ore

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
Ticino
2 ore

In Ticino contagi in calo, pazienti Covid stabili e zero decessi

Restano 166 le persone positive al Covid in ospedale, una più nei reparti di cure intense dove sono 15 le persone con complicazioni più gravi da Covid
Ticino
3 ore

Torna la processionaria: come riconoscerla e come proteggersi

Osservati i primi nidi della farfalla le cui larve danneggiano gli alberi e possono causare infiammazioni cutanee e allergie a persone e animali
15.12.2020 - 11:140
Aggiornamento : 18:30

Lugano, sette mesi di carcere per la rapina al parco

Condannato un 30enne algerino che ha aggredito un uomo al Ciani. Sarà espulso dalla Svizzera per cinque anni. La vittima: 'Non chiudiamo gli occhi!'

Ha avvicinato la vittima con la scusa di chiedergli una sigaretta. Poi gli ha sferrato una gomitata sul mento sottraendogli la catena d'oro che portava al collo. Oggi, l'autore dell'aggressione, un 30enne algerino comparso in aula penale, è stato condannato per rapina a sette mesi di prigione da espiare e all'espulsione dalla Svizzera per cinque anni. L'imputato di fronte al presidente della Corte della assise Correzionali di Lugano Amos Pagnamenta si è scusato affermando di non ricordare cosa sia successo quella sera del 13 agosto scorso al Parco Ciani di Lugano a causa dell'assunzione cocaina, marijuana e crack.

La vittima: 'Premiata la mia fiducia nella legge'

La vittima che ha assistito al processo, invece, se la ricorda molto bene quella sera. «Stavo passeggiando tranquillamente quando una persona mi ha chiesto una sigaretta, poi mi ha colpito strappandomi la catena d'oro che avevo al collo - racconta il 38enne di origine eritrea -. Mi sono parecchio spaventato. Non ho reagito ma ho chiamato subito la polizia e nel giro di due ore l'aggressore e i suoi due complici (poi rilasciati) sono stati fermati. È stata premiata la mia fiducia nella polizia e nella legge. Oggi ho avuto la dimostrazione che la giustizia in Svizzera funziona».

Da richiedente l'asilo a titolare di una società

Una storia che merita di essere raccontata quella della vittima. L'uomo è arrivato in Ticino nel 2006, con lo statuto di richiedente l'asilo e si è rimboccato subito le maniche. «Ho cercato lavoro e dopo qualche tempo una ditta attiva nell'impiantistica mi ha assunto e ho così potuto svolgere quattro anni di apprendistato ottenendo buoni risultati. Trascorsi i quattro anni, l'azienda mi ha dato fiducia attribuendomi un ruolo di responsabilità come capo di un gruppo di lavoratori», ricorda l'uomo che oggi è titolate di una società che lavora sempre nel settore dell'impiantistica e nella refrigerazione.

'Coltiviamo ogni giorno democrazia e libertà!'

Gli amici lo chiamano lo 'svizzero nero'. Lui ci ride sopra ma ci tiene al rispetto delle regole e non vorrebbe che si tenda a ridimensionare la 'piccola' rapina che ha subito. Non tanto per i valore della catenella d'oro, quanto piuttosto, sostiene, «perché la libertà e la democrazia sono principi che vanno coltivati ogni giorno, ognuno di noi nella sua quotidianità. I vostri genitori e antenati hanno lottato e sofferto molto per le conquiste che oggi tendiamo a considerare scontate. Per questo ci tengo a essere io l'esempio di persona straniera che arriva in Svizzera, non l'uomo che mi ha aggredito».

La storia che la vittima ci ha raccontato nella pausa ha surclassato la vicenda penale e il processo che si è concluso dopo un breve dibattimento condotto dal giudice e con le parti che hanno ratificato l'accordo sulla pena nei confronti dell'imputato. Sia il giudice che l'avvocato Fabrizio Colucci e il procuratore pubblico capo, responsabile dell'antenna di Bellinzona Arturo Garzoni hanno considerato la condanna giusta.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved