laRegione
lugano-nei-negozi-la-sicurezza-e-garantita
Polizia presente in piazza Dante anche martedì sera (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, ‘in Municipio ci sono troppe persone da ufficio’

Dopo 9 anni in Consiglio comunale, Carlo Coen (Plr) lascia la politica cittadina, non senza togliersi qualche sassolino dalle scarpe
Bellinzonese
4 ore

Commissioni di quartiere: Riviera e Bellinzona valutano

A nord in nessuno degli ex quattro Comuni si è sentita l'esigenza. Nella capitale in 9 casi su 13 la popolazione si è attivata istituendo le associazioni
Ticino
4 ore

Studenti bernesi per un anno liceali in Ticino

Per promuovere maggiormente l'italiano nel cantone svizzero tedesco
pandemia e lockdown
4 ore

Casi di rigore, così si aiuteranno le aziende colpite

Dopo le modifiche decise da Berna, il Dipartimento finanze ed economia illustra alla commissione parlamentare della Gestione le modalità di sostegno
Luganese
6 ore

Capriasca, il Ps giovedì presenta i candidati

Convocata l'assemblea in modalità online
Ticino
6 ore

Il Pc chiede un computer per ogni allievo delle Medie

La mozione di Ay e Ferrari spinge affinché venga combattuto il 'digital divide' acuito dalla recente pandemia
Luganese
7 ore

Videogiochi, a Lugano tre giorni di Global Game Jam

L'evento mondiale fa tappa nella città sul Ceresio in formato totalmente digitale
Luganese
7 ore

Lugano, travagliato l'esame del polo sportivo

Il Municipio dice no alla ricevibilità della mozione Plr, mentre le commissioni della Gestione e dell'Edilizia affrontano l'intricato messaggio
Ticino
7 ore

L'Udc: 'Le scuole sono pronte all'insegnamento ibrido?'

Con un'interrogazione si chiede al governo perché a fronte dei problemi della scuola in presenza e a distanza non sia implementato il secondo scenario
Ticino
7 ore

Agli sportelli del Dipartimento istituzioni solo su appuntamento

La decisione sarà in vigore da domani fino al 5 febbraio, e riguarda anche l'Ufficio dello stato civile
Luganese
7 ore

Massagno approva i Conti 2020 e accoglie 3 nuovi consiglieri

Luce verde dal Consiglio comunale al Preventivo e relativo moltiplicatore al 77%. Entrano in carica Maria D'Amelio, Karen Mangili ed Emilio Corti
Locarnese
7 ore

Locarno, spettacoli annullati al Teatro Paravento

La speranza è di poterli riproporre nel corso dell'anno
Ticino
7 ore

'Strade sicure subito', passi avanti a Berna

La Commissione trasporti del Nazionale dà il via libera all'iniziativa cantonale ticinese di Storni (Ps). Approderà in aula nella sessione di giugno
Luganese
27.11.2020 - 06:050

Lugano, ‘nei negozi la sicurezza è garantita’

Enzo Lucibello, presidente della Disti, tranquillizza la cittadinanza e la clientela scioccata dal fatto di sangue avvenuto martedì alla Manor

Il doppio accoltellamento messo in atto da una donna di 28 anni martedì scorso al quinto piano della Manor di Lugano ha suscitato incredulità e ha spaventato la cittadinanza. Il fatto che l'aggressione sia avvenuta attraverso un coltello da cucina appena acquistato nel grande magazzino rappresenta un altro elemento che potrebbe mettere a repentaglio il senso di sicurezza percepito dalla clientela. Non un buon segnale per i piccoli e grandi commercianti già confrontati con le misure restrittive introdotte a causa della pandemia di Covid-19 che stanno comunque influenzando negativamente le cifre d'affari di questo anno particolarmente travagliato. Ne abbiamo parlato con Enzo Lucibello, presidente dell'Associazione dei grandi distributori ticinesi (Disti) che tuttavia relativizza.

‘I dispositivi di sicurezza hanno funzionato’

«Non possiamo essere nella testa delle persone né prevenire tutto quanto può succedere, senza rinunciare a delle libertà come quella di acquistare un coltello da cucina - afferma il nostro interlocutore che sottolinea il fatto che l'esecutore materiale di questo gesto sconsiderato sia stato fermato quasi subito -. Da questo punto di vista, la sicurezza per i clienti è stata garantita. I servizi di soccorso e i dispositivi di polizia, intervenuta celermente sul luogo, hanno funzionato». Insomma, tutti i fattori di sicurezza hanno risposto in tempi brevissimi consentendo la consegna dell'accoltellatrice alle forze dell'ordine. Non le pare troppo facile l'acquisto di un oggetto poi usato come arma? «A questo punto ci dovremmo porre problemi anche per numerosi i coltelli da cucina che ognuno di noi tiene in casa - osserva Lucibello -. Un coltello non è una pistola né un mitragliatore, non è un'arma finalizzata a fare del male alle persone. Chiaro che dipende dall'uso che se ne fa, ma allora anche un martello potrebbe creare problemi. Secondo me dobbiamo cercare di relativizzare questo episodio, altrimenti dovremmo mettere i coltelli, come tanti altri accessori, sotto chiave».

La paura? ‘Reazione comprensibile’

Diverse persone martedì in piazza Dante hanno commentato quanto successo evocando la paura di fare acquisti. Secondo lei, occorrono ulteriori misure per incrementare la sicurezza? «Ritengo che siano reazioni comprensibili legate all'emozione del momento - risponde Lucibello -. Ero sul posto anche io martedì: la direzione della Manor ha reagito tempestivamente, dopo tre minuti gli agenti di polizia stavano già ammanettando la donna. La persona è stata fermata quasi subito e questo è un elemento importante e rassicurante. Dobbiamo anche fare attenzione su che tipo di controllo si vorrebbe introdurre perché, lo ripeto, limitare la libertà di tutti per evitare che qualcuno faccia un gesto sconsiderato è complicato e renderebbe la vita impossibile. Non possiamo avere a disposizione un poliziotto per ogni persona. Ritengo che la sicurezza sia garantita, quello di martedì è il primo fatto del genere capitato in Ticino. D'altra parte, n questo periodo, come negli anni scorsi, la Polizia incrementa i livelli di servizio, più di così è difficile fare».

Al vaglio la radicalizzazione della 28enne

La 28enne autrice dell'accoltellamento avvenuto alla Manor di Lugano martedì è stata trasferita a Berna per essere sottoposta a gli interrogatori degli inquirenti. Le accuse formalizzate nei suoi confronti dalla Procura federale, lo ricordiamo, sono quelle di tentato omicidio intenzionale e violazione della Legge federale che vieta i gruppi al Qaida e Stato islamico. La giovane abita a Vezia e convive con un importante disagio psicologico ed è seguita da ben due psichiatri. Avrebbe detto di considerarsi una jihadista convinta, però il suo grado di radicalizzazione è al vaglio degli inquirenti. Un dato di fatto è il suo tentativo di raggiungere la Siria nel 2017, per affiancare un combattente del sedicente Stato islamico conosciuto tramite i social e del quale ha sostenuto di essersi innamorata. Ma il suo viaggio è terminato in Turchia dove è stata arrestata e rimpatriata. Allora il Ministero pubblico della Confederazione aveva rinunciato a perseguirla in mancanza di elementi concreti di reato. La 28enne aveva poi fatto perdere le proprie tracce. Per ora, nelle indagini non appare nemmeno il marito della donna, un cittadino afghano che non figura più quale residente in Svizzera dal 2015 e dal quale lei aveva l'intenzione di divorziare.

© Regiopress, All rights reserved