ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
28 min

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
1 ora

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
1 ora

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
Mendrisiotto
1 ora

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché
Luganese
2 ore

Lugano, chiusure viarie per la ‘Ladies run’

La tratta del lungolago verrà sbarrata alle auto dalle 9 alle 16, dalla rotonda del Lac fino a piazza Castello. Lo stesso per la zona di Riva Caccia.
Mendrisiotto
2 ore

‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’

La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Ticino
3 ore

Il capo dell’esercito svizzero al Lac per parlare di sicurezza

Thomas Süssli sarà in Ticino il 18 ottobre in occasione della conferenza organizzata dall’Armsi e risponderà alle domande del pubblico
Bellinzonese
3 ore

Il gruppo blues-rock Fleurs Du Mal in concerto a Bellinzona

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 22 al Folk Bar. La band romana torna in Ticino dopo tre anni e presenterà il nuovo Cd ‘Gumbo’
Locarnese
3 ore

‘La doppia segnalazione, poi subito l’inchiesta amministrativa’

Locarno, capodicastero e comandante erano stati avvisati contemporaneamente dalla donna delle presunte molestie verbali di un agente
Locarnese
4 ore

‘Il mare mi ha detto: sei in gamba, ma oggi son troppo forte io’

Alessandro Veletta, a causa delle forti correnti, non ha concluso la traversata a delfino dello Stretto di Messina. Ma la sua resta un’impresa benefica
Locarnese
4 ore

Lionza, per Palazzo Tondü ecco i vincitori del concorso

Sabato pomeriggio saranno presentati al pubblico i lavori dei premiati, con visite guidate allo storico edificio
Luganese
4 ore

Lugano, Tpl sospende le corse nella fascia oraria serale

Verranno effettuati dei lavori di manutenzione ordinaria alla funicolare che collega Lugano centro alla stazione ferroviaria.
Ticino
4 ore

Il Consiglio di Stato applaude Ponti e Petrucciani

I due giovani sportivi ticinesi sono stati ricevuti questa mattina a Palazzo delle Orsoline dal governo. A fine mese arriverà invece Colombo.
27.11.2020 - 06:05

Lugano, ‘nei negozi la sicurezza è garantita’

Enzo Lucibello, presidente della Disti, tranquillizza la cittadinanza e la clientela scioccata dal fatto di sangue avvenuto martedì alla Manor

lugano-nei-negozi-la-sicurezza-e-garantita
Polizia presente in piazza Dante anche martedì sera (Ti-Press)

Il doppio accoltellamento messo in atto da una donna di 28 anni martedì scorso al quinto piano della Manor di Lugano ha suscitato incredulità e ha spaventato la cittadinanza. Il fatto che l'aggressione sia avvenuta attraverso un coltello da cucina appena acquistato nel grande magazzino rappresenta un altro elemento che potrebbe mettere a repentaglio il senso di sicurezza percepito dalla clientela. Non un buon segnale per i piccoli e grandi commercianti già confrontati con le misure restrittive introdotte a causa della pandemia di Covid-19 che stanno comunque influenzando negativamente le cifre d'affari di questo anno particolarmente travagliato. Ne abbiamo parlato con Enzo Lucibello, presidente dell'Associazione dei grandi distributori ticinesi (Disti) che tuttavia relativizza.

‘I dispositivi di sicurezza hanno funzionato’

«Non possiamo essere nella testa delle persone né prevenire tutto quanto può succedere, senza rinunciare a delle libertà come quella di acquistare un coltello da cucina - afferma il nostro interlocutore che sottolinea il fatto che l'esecutore materiale di questo gesto sconsiderato sia stato fermato quasi subito -. Da questo punto di vista, la sicurezza per i clienti è stata garantita. I servizi di soccorso e i dispositivi di polizia, intervenuta celermente sul luogo, hanno funzionato». Insomma, tutti i fattori di sicurezza hanno risposto in tempi brevissimi consentendo la consegna dell'accoltellatrice alle forze dell'ordine. Non le pare troppo facile l'acquisto di un oggetto poi usato come arma? «A questo punto ci dovremmo porre problemi anche per numerosi i coltelli da cucina che ognuno di noi tiene in casa - osserva Lucibello -. Un coltello non è una pistola né un mitragliatore, non è un'arma finalizzata a fare del male alle persone. Chiaro che dipende dall'uso che se ne fa, ma allora anche un martello potrebbe creare problemi. Secondo me dobbiamo cercare di relativizzare questo episodio, altrimenti dovremmo mettere i coltelli, come tanti altri accessori, sotto chiave».

La paura? ‘Reazione comprensibile’

Diverse persone martedì in piazza Dante hanno commentato quanto successo evocando la paura di fare acquisti. Secondo lei, occorrono ulteriori misure per incrementare la sicurezza? «Ritengo che siano reazioni comprensibili legate all'emozione del momento - risponde Lucibello -. Ero sul posto anche io martedì: la direzione della Manor ha reagito tempestivamente, dopo tre minuti gli agenti di polizia stavano già ammanettando la donna. La persona è stata fermata quasi subito e questo è un elemento importante e rassicurante. Dobbiamo anche fare attenzione su che tipo di controllo si vorrebbe introdurre perché, lo ripeto, limitare la libertà di tutti per evitare che qualcuno faccia un gesto sconsiderato è complicato e renderebbe la vita impossibile. Non possiamo avere a disposizione un poliziotto per ogni persona. Ritengo che la sicurezza sia garantita, quello di martedì è il primo fatto del genere capitato in Ticino. D'altra parte, n questo periodo, come negli anni scorsi, la Polizia incrementa i livelli di servizio, più di così è difficile fare».

Al vaglio la radicalizzazione della 28enne

La 28enne autrice dell'accoltellamento avvenuto alla Manor di Lugano martedì è stata trasferita a Berna per essere sottoposta a gli interrogatori degli inquirenti. Le accuse formalizzate nei suoi confronti dalla Procura federale, lo ricordiamo, sono quelle di tentato omicidio intenzionale e violazione della Legge federale che vieta i gruppi al Qaida e Stato islamico. La giovane abita a Vezia e convive con un importante disagio psicologico ed è seguita da ben due psichiatri. Avrebbe detto di considerarsi una jihadista convinta, però il suo grado di radicalizzazione è al vaglio degli inquirenti. Un dato di fatto è il suo tentativo di raggiungere la Siria nel 2017, per affiancare un combattente del sedicente Stato islamico conosciuto tramite i social e del quale ha sostenuto di essersi innamorata. Ma il suo viaggio è terminato in Turchia dove è stata arrestata e rimpatriata. Allora il Ministero pubblico della Confederazione aveva rinunciato a perseguirla in mancanza di elementi concreti di reato. La 28enne aveva poi fatto perdere le proprie tracce. Per ora, nelle indagini non appare nemmeno il marito della donna, un cittadino afghano che non figura più quale residente in Svizzera dal 2015 e dal quale lei aveva l'intenzione di divorziare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved