casa-rossa-storia-di-una-tutela-necessaria-mai-fatta
La cosiddetta casa rossa, ex casema doganale risalente all'Ottocento
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
15 min

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
26 min

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
49 min

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
54 min

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
57 min

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
1 ora

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
1 ora

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
1 ora

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
2 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
05.11.2020 - 16:18
Aggiornamento : 18:57

Casa rossa, storia di una tutela necessaria mai fatta

VivaGandria chiede al Municipio di Lugano il blocco dei lavori all'ex caserma doganale che, a parole, venne ritenuta bene da salvaguardare

"Si ordini il blocco immediato dei lavori in corso e si chieda un sopralluogo dell’Ufficio beni culturali e della Commissione del Paesaggio, per chiarire la situazione". È la richiesta dell'associazione VivaGandria al Municipio di Lugano dopo aver notato il cantiere alla vecchia caserma doganale di metà Ottocento alle Cantine. Associazione che è rimasta stupita "in quanto non ci risulta sia mai stata resa nota una licenza di costruzione per quel pregevole oggetto, carico di significati simbolici e storici". Uno stupore che si è accresciuto nel frattempo perché i proprietari hanno iniziato i lavori con una licenza di costruzione rilasciata dal Municipio il 22 giugno 2016 con “procedura della notifica senza pubblicazione”, per “interventi di tipo minimalista” (su progetto dello Studio d’architettura Vaglio & Partners). Poi, il 12 ottobre 2017, è stata rilasciata una seconda licenza, con la stessa procedura, per un progetto firmato da Bruno Huber Architetti. "Una procedura perlomeno inusuale è per di più applicata a un edificio, immobile e mobili compresi, di importanza storica, architettonica e paesaggistica", sottolinea l'associazione.

È meritevole, però dopo anni... Nulla di fatto

Il bene venne riconosciuto meritevole di tutela come osservò nel dicembre 2012 l'allora direttore del Dipartimento del territorio, oggi sindaco di Lugano Marco Borradori: “Per la sua storia, l’ubicazione e l’importanza paesaggistica, essa è certamente meritevole di essere tutelata sulla base della Legge sulla protezione dei beni culturali del 13 maggio 1997. Tuttavia al momento attuale, mancando un’indagine comparativa tra edifici simili per carattere architettonico e tipologico non è ancora possibile precisare il grado di protezione applicabile (bene culturale d’interesse locale oppure d’interesse cantonale). L’Ufficio dei beni culturali approfondirà questi aspetti nell’ambito della revisione, tuttora in corso, dell’inventario dei beni culturali protetti sul piano cantonale". Ma col passare degli anni nulla è stato fatto e, sottolinea VivaGandria scandalizzata che nel 2015 scrisse all'Ufficio beni culturali senza ottenere risposta mentre la Città declinò l'invito all'acquisto per i problemi finanziari. "Un peccato! Se la Città avesse valutato meglio, rincara l'associazione, si sarebbe accorta "che i 3000 franchi che paga ogni anno a un privato per garantire un breve tratto di riva a uso pubblico e di svago sarebbero stati sufficienti (al tasso ipotecario corrente) per garantire una bella proprietà con 200 metri di riva pubblica (offerta allora a 300'000 franchi). Dulcis in fundo, VivaGandria, esaminando gli atti, ha constatato che per entrambe le licenze rilasciate manca il preavviso degli uffici cantonali, in particolare quello dell’Ufficio beni culturali. Sul tema i deputati in Gran Consiglio Raoul Ghisletta (Ps) e Nicola Schönenberger (Verdi) hanno chiesto spiegazioni al Consiglio di Stato con un'interpellanza.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved