laRegione
lugano-mense-per-tutti-dopo-ben-16-anni
Cristina Zanini Barzaghi illustra gli gli sviluppi del cantiere della nuova mensa scolasica delle scuole Elementari di Viganello (Ti-Press/Elia Bianchi)
ULTIME NOTIZIE Cantone
TICINO
9 ore

Le sfide della scuola a distanza

All'assemblea della Conferenza cantonale dei genitori sarà presentata l'indagine ticinese sull'insengamento durante il Covid
Bellinzonese
12 ore

'L'ex oratorio sia un primo passo per la Casa delle culture'

Il Ps auspica che il Municipio non si limiti all'occupazione degli stabili di Giubiasco. Malacrida: 'per il momento ci concentriamo su questo progetto'
Ticino
16 ore

Coronavirus, in Ticino 7 decessi, più ricoveri e più dimissioni

Il numero di casi è leggermente calato rispetto a ieri. L'occupazione dei posti letto negli ospedali rimane invece elevata a 352
Il commento
20 ore

La gioia per le disgrazie altrui

La sfortuna altrui può anche far piacere
Bellinzonese
20 ore

Centro benessere di Acquarossa, pronto il piano di quartiere

I promotori del Sun Village hanno presentato la documentazione necessaria per continuare la procedura edilizia. Molta attenzione all'impatto paesaggistico
Mendrisiotto
20 ore

Ivo Durisch ha deciso: 'Lascio il Municipio di Riva San Vitale'

Il municipale socialista ha rassegnato le dimissioni dopo 16 anni: 'L'ho fatto per dare continuità al lavoro nell'esecutivo'
Locarnese
20 ore

Ascona, così potrà crescere il Castello del Sole

Pronta la variante pianificatoria che permetterà di convertire una zona agricola in area edificabile
Ticino
1 gior

Covid, da domenica Lombardia e Piemonte saranno aree arancioni

Per i ticinesi non dovrebbe cambiare nulla: accesso nelle due regioni confinanti consentito solo per motivi di lavoro, salute o estrema necessità
Ticino
1 gior

Covid e mezzi pubblici, 2'300 firme chiedono più corse

Il Sindacato indipendente studenti e apprendisti consegna la petizione contro i trasporti affollati: il Cantone deve fare di più
Mendrisiotto
1 gior

Ruspe in vista in via Laveggio a Mendrisio

Presentata una domanda di costruzione che prevede di demolire tre vecchi stabili commerciali
Locarnese
1 gior

Locarno, prostituzione, coppia rumena in manette

Da un'inchiesta di Polizia è emerso che sfruttavano tre ragazze straniere che esercitavano la professione, trattenendo parte dei loro incassi
Luganese
1 gior

‘Lugano si attivi per il Pronto soccorso dell'Italiano’

Un'interrogazione rosso-verde chiede al Municipio di domandare al Consiglio di Stato garanzie per la riapertura
Ticino
1 gior

L’accusa di Unia: ‘Impresari poco attenti alla pandemia’

Il sindacato denuncia un certo lassismo sulle misure di protezione. Bagnovini (Ssic-Ti): ‘Piani rispettati e i casi di contagio sono pochissimi’
Ticino
1 gior

‘La pianificazione ospedaliera deve rimanere al Gran Consiglio’

L'Associazione per la difesa del servizio pubblico si schiera contro l'iniziativa parlamentare di Matteo Quadranti (Plr)
Luganese
1 gior

Caso Proto, avviato il processo a Brescia ma senza imputato

L'ex consulente finanziario, espulso dal Ticino, accusato di truffa, ha presentato un certificato medico
TICINO
1 gior

Domani giorno della colletta alimentare

In 9 supermercati del cantone sarà possibile donare prodotti di prima necessità al Tavolino Magico
Bellinzonese
1 gior

Il treno si blocca a Bellinzona: attivata la cabina sbagliata

Inchiesta di Ffs/Tilo e Polizia dei trasporti per risalire al responsabile del problema verificatosi mercoledì sera in stazione
Luganese
31.10.2020 - 15:000

Lugano, mense per tutti dopo ben 16 anni

La lunga e travagliata gestazione della mozione raccontata da Cristina Zanini Barzaghi che ricorda la richiesta presentata da tutte le donne del Cc

L'ultimo tassello del puzzle è la scuola elementare di Viganello. Quando il cantiere sarà ultimato la mensa sarà sul tetto dell'edificio (con vista sul lago), allora, finalmente, il mosaico sarà completato. «Ci son voluti ben 16 anni per portare a casa la richiesta che venne sottoscritta da tutte le donne del Consiglio comunale di Lugano - ricorda la municipale socialista Cristina Zanini Barzaghi che a quei tempi non faceva ancora parte del legislativo -. La mozione era fortemente voluta per favorire la pari opportunità fra uomini e donne nelle famiglie. Una parità che però è ben lungi dall'essere conquistata. Nel frattempo la situazione è migliorata ma ancora oggi sono soprattutto le donne a farsi carico del doppio ruolo: professionale e quello di accudire i figli (e la casa). Non posso che essere soddisfatta per essere riuscita a dare seguito a una proposta che attendeva una risposta da tanto tempo».

Una mozione 'di genere'

La mozione, lo ricordiamo, risale al settembre 2004 e venne firmata da Simonetta Perucchi Borsa (Ppd), Daniela Baroni (Ps), Francesca Bordoni Brooks (Ppd), Marily Bernasconi (Plr), Maddalena Ermotti-Lepori (Ppd), Cristiana Zenari (Verdi), Alessandra Giezendanner (Plr), Giovanna Viscardi (Plr), Giovanna Bordoni (Plr), Antonella Pan-Fassora (Lega), Claudia Antonella Bosia (Plr). Meno di un anno dopo, era il maggio 2005, la commissione delle Petizioni la preavvisò favorevolmente all'unanimità. Nel 2000 la Commissione federale di coordinamento per le questioni famigliari aveva elaborato delle linee direttrici, tre anni dopo entrò in vigore la legge cantonale sul sostegno delle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni. «Agli enti pubblici -, osserva Zanini Barzaghi, era stato espressamente chiesto l’impegno affinché l’offerta di strutture per l’accoglienza dei figli a sostegno delle famiglie venisse potenziata adeguando il processo educativo alla nuova realtà famigliare introducendo mense e doposcuola a orario continuato».

Conti in rosso, proposta rinviata

Passò qualche anno e nel 2011 venne istituita una commissione speciale per esaminare il messaggio municipale, fortemente voluto dalle municipali Mariolini e Masoni, con una richiesta di credito di poco meno di nove milioni di franchi. Poi? ll Consiglio comunale di Lugano approvò il progetto nel febbraio del 2013, con un'ampia maggioranza dopo un lungo e animato dibattito. L'accesso al servizio (doposcuola incluso) venne così esteso alle famiglie con un reddito lordo cumulato annuo superiore ai 130'000 franchi. Nello stesso periodo, tutte le donne del Consiglio comunale (Simonetta Perucchi, Daniela Baroni, Francesca Bordoni, Enrica Bianchi, Maddalena Ermotti-Lepori, Luana Casella, Melitta Jalkanen Keller, Giovanna Viscardi, Raffaella Martinelli, Giovanna Bordoni, Deborah Moccetti, Alessandra Noseda, Maruska Ortelli, Laura Tarchini presentarono un'altra mozione che chiedeva alla Città di 'diventare un datore di lavoro pioniere nel campo della conciliabilità lavoro-famiglia'. Successivamente e dopo le elezioni prorogate di un anno tenutesi in aprile, giunse la 'brutta sorpresa' del consuntivo della Città in rosso di oltre 50 milioni di franchi. La situazione impose al Municipio una dieta ferrea e fra le rinunce decise dall'esecutivo a maggioranza nel novembre di quell'anno spiccava anche quella relativa al servizio per tutti senza limite di reddito in contrasto con ciò che chiedeva il legislativo. Si calcolò che la rinuncia avrebbe consentito di risparmiare diversi milioni alla Città e di contenere i costi a circa 220mila franchi l'anno.

Il compromesso e le polemiche

«Il Consiglio comunale impose di proseguire comunque con tutti gli investimenti previsti dal messaggio per le strutture previste nelle sedi di Pazzallo, Loreto, Molino Nuovo, Pregassona e Viganello», continua la municipale socialista. E si optò per una sorta di compromesso sfruttando i posti residui, circa un centinaio, che andarono ad aggiungersi ai 400 disponibili e di alzare il limite lordo massimo di reddito da 130mila franchi a 150mila per l’accessibilità al servizio». Non senza polemiche. Ricordiamo le 1'926 firme raccolte dal Ps e dal Pc di Lugano, con il sindacato Vpod, per la petizione 'Mense per tutti', nella quale emerse l'indignazione "per il golpe bianco della maggioranza del Municipio di Lugano che, a causa dell’incapacità di gestire le finanze comunali in questi anni, ha deciso di bloccare il progetto già approvato dal Consiglio comunale di Lugano il 4 febbraio 2013".

Negli asili nodo, 'l'offerta è scarsa'

«È stato poi approvato un emendamento al preventivo 2015 a favore dell’eliminazione del vincolo di reddito, ciò ci ha permesso di dare celermente risposta a una gran parte delle famiglie che fanno richiesta del servizio. Con la struttura in costruzione a Viganello e quelle già previste nelle nuove scuole a Sonvico e Cadro si completerà l’offerta su tutto il territorio - precisa la municipale socialista -. Posso dire che, durante il Lockdown della scorsa primavera, avere a disposizione questo servizio in (quasi) tutte le sedi si è dimostrato fondamentale ed efficace. Altrimenti avremmo avuto grosse difficoltà nel gestire l'accudimento dei figli di famiglie con entrambi i genitori attivi professionalmente». Allo stato attuale, sono sufficienti in città gli asili nido o ne occorrerebbero altri? «Rispetto alle mense delle scuole, l’offerta di asili nido è scarsa. Abbiamo in città poche strutture sia pubbliche sia private e nel contempo abbiamo diversi edifici idonei dove potremmo crearne delle nuove. Quindi ho recentemente sollecitato i servizi affinché effettuino un sondaggio per verificare l'esigenza. Vogliamo quindi capire se esiste un fabbisogno ed eventualmente in quale zone c'è carenza», risponde Zanini Barzaghi.

 


 

© Regiopress, All rights reserved