Galles
1
Svizzera
1
fine
(0-0)
il-procuratore-generale-ai-furbetti-del-covid-ci-pensiamo-noi
Il procuratore generale Andrea Pagani Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Scooterista ferito in un incidente a Riazzino

Sul posto sono intervenuti i soccorritori del Salva. L'uomo è stato in seguito trasportato al pronto soccorso
Bellinzonese
2 ore

Il Museo storico archeologico di Bellinzona ha cambiato pelle

Riaperto un anno fa dopo un'importante reimpostazione di spazi e contenuti al castello di Montebello, è stato inaugurato oggi
Locarnese
2 ore

Solduno, nasce Lartelier, per tessere fili e opportunità

Sta prendendo forma un progetto aperto a chiunque desideri cimentarsi con l’antica arte della tessitura. E si vuole un ponte per i giovani formati
Ticino
3 ore

Battezzato il "Giruno Ticino"

L'evento si è svolto oggi alla presenza delle autorità cantonali, tra cui il Consigliere di Stato Claudio Zali
Grigioni
6 ore

Coronavirus, giornate di vaccinazione per adolescenti

Finora circa 500 ragazzi tra i 16 e i 17 anni si sono annunciati per ricevere il vaccino
Ticino
6 ore

Covid, 3 positivi in Ticino nelle ultime 24 ore

Nessuna nuova vittima e nel cantone rimane un solo paziente ricoverato per il coronavirus
Ticino
11 ore

Doppia denuncia al Ministero pubblico per Philipp Plein

Segnalato lo stilista tedesco con base a Lugano per presunta violazione alla Legge sul lavoro, amministrazione infedele e falsità in documenti
Video
Luganese
11 ore

Ex Macello: ‘Un tetto si smonta a mano, non con le ruspe’

Mentre un video mostra l'intervento del paker sulle pareti, desta perplessità anche la preparazione dell'intervento
Ticino
19 ore

Il confine tra molestia e complimento

Il sessismo si nasconde anche tra le parole e gli apprezzamenti non desiderati
Locarnese
19 ore

Sull'Hangar 1 si pianifica, sulla 'stufa' si riflette

Aeroporto di Locarno, a distanza di parecchi anni ancora non sono iniziati i lavori di rifacimento. Il Cantone rassicura: 'non l'abbiamo dimenticato in un cassetto'
Grigioni
21 ore

'Verdabbio non aveva terreni agricoli, da qui si passava per forza'

Terminati i lavori di conservazione finalizzati a risanare l'antica mulattiera e cinque cappelle votive. 'Forte testimonianza per le generazioni future'
Mendrisiotto
22 ore

Alunni di Coldrerio alle prese con api e francobolli

Dalla collaborazione con il Circolo filatelico del Mendrisiotto e due classi elementari sono nati degli esemplari originali
Luganese
22 ore

Aeroporto, alleanza fra Team Lug e Northern Lights Ag

Entrambe le cordate sono in corsa per la gestione privata della struttura e avevano contestato contro la scelta di due gruppi da parte della Città
Luganese
23 ore

Abusi al cantiere del Campus: niente appalti per Garzoni Sa

Violazione della legge sulle commesse pubbliche, dumping salariale e concorrenza sleale: la ditta non potrà partecipare ai concorsi per 5 mesi
Luganese
01.08.2020 - 19:220
Aggiornamento : 19:48

Il procuratore generale: 'Ai furbetti del Covid ci pensiamo noi!'

Andrea Pagani ospite del Primo Agosto a Massagno traccia il successo elvetico nei tempi del coronavirus, dalla sanità alla scuola alla giustizia.

Parte dal 18 aprile del 1999, quando gli svizzeri si dotarono della nuova Costituzione, il discorso del Primo Agosto del procuratore generale Andrea Pagani, "consci – ha esordito il magistrato intervenuto nel Comune di Massagno – della loro responsabilità di fronte al creato, risoluti a rinnovare l’alleanza confederale e a consolidarne la coesione interna, al fine di rafforzare la libertà e la democrazia, l’indipendenza e la pace, in uno spirito di solidarietà e di apertura al mondo".

Pagani ha espresso parole quali libertà, unità, rispetto: "Princìpi – ha detto – che in questi ultimi mesi, in questi duri ultimi mesi, il popolo svizzero ha fatto propri e ha applicato giorno dopo giorno senza sbavature di particolare rilievo. Dobbiamo essere fieri di essere svizzeri, poiché lo Stato, in tutte le sue emanazioni pubbliche e para-pubbliche, ha dato prova di efficienza sin dall’inizio della decretata pandemia del Covid-19".

Durante il lockdown 800 nuovi procedimenti penali

Da qui il chiaro riferimento a tutti quei servizi essenziali che hanno continuato a funzionare: la sanità, "i cui attori, d’ogni grado e mansione, non possiamo che ringraziare e virtualmente abbracciare"; la Polizia "che, sotto lo Stato di maggiore cantonale di condotta, ha saputo tenere alta la sicurezza del nostro Cantone, facendo rispettare le norme, in costante evoluzione, dell’ordinanza Covid del Consiglio federale"; la Giustizia, "in particolare quella della catena penale, che non poteva fermarsi, che ha gestito nei due mesi di chiusura e mi riferisco in particolare al Ministero pubblico, comunque circa 800 nuovi procedimenti penali, che non si sentono e non si vedono, ma che necessitano di impegno, spesso gravoso". Un impegno portato avanti anche con il telelavoro "che, prima delle chiusure, da molti, il sottoscritto compreso, veniva visto con diffidenza in particolare poiché pareva annientare il controllo sociale a cui il lavoratore, anche inconsciamente, è sottoposto in ufficio. Telelavoro invece che, se ben regolamentato e monitorato – e se svolto parzialmente – può produrre ottimi risultati a 360 gradi".

Una Svizzera, secondo il pg, che, pur nell'emergenza, ha saputo funzionare: "Ha funzionato alla grande, rispetto al resto del mondo, il sistema messo in alto dalle nostre autorità esecutive federali e cantonali di aiuto all’economia, alle attività commerciali e anche ideali di ogni genere. Sistema pensato e messo in atto con una velocità sorprendente, annientando, quasi, la burocrazia". Pagani ha così indicato il successo di questa positiva reazione della Confederazione nel lavoro ridotto, "che ha salvato imprese e, di riflesso, molti posti di lavoro", nell’erogazione di prestiti da parte delle banche, "a loro volta tutelate da garanzie fidejussorie della Confederazione. Facilitazioni, queste, che hanno permesso a tutti i beneficiari di sopravvivere". Anche se qualche "furbetto" – Pagani non ha mancato di ricordarlo – c'è stato: "Certo, qualche furbetto c’è stato, ma ai furbetti che hanno approfittato del sistema svizzero, ci pensiamo noi! Non preoccupatevi" ha tranquillizzato il procuratore generale.

Dalla scuola al volontariato

Poi lo sguardo è andato alla scuola "con tutte le difficoltà dell’assenza di lezioni in presenza, l’educazione a distanza per tutti i nostri giovani studenti. I docenti, che come tutti noi, hanno dovuto inventare qualcosa di nuovo, hanno saputo garantire l’essenziale, permettendo agli allievi di mantenere un certo ritmo della giornata, sentendosi, così comunque ancora allacciati alla realtà". E ancora, "ha funzionato la catena della distribuzione di ogni genere di viveri. Non me ne intendo, ma non deve essere stato facile. Grazie a tutte e a tutti coloro che non ci hanno fatto mancare niente". Così i Comuni, "che sono la base, solida e di prossimità, della nostra invidiata democrazia. Hanno funzionato i Comuni anche per le numerose iniziative a favore della cittadinanza, segnatamente per chi necessitava – e ancora oggi necessita – d’aiuto. Gli anziani, in primis, a cui dobbiamo il nostro attuale benessere e che meritano tutta la nostra attenzione, costi quel che costi!".

Un'allocuzione che si è conclusa con la solidarietà intergenerazionale: "Quante persone della mia età, ma anche più giovani, hanno aiutato in ogni modo i meno giovani, gli over 65, portando loro a casa la spesa, accompagnandoli dal dottore o anche solo chiamandoli al telefono più spesso per farli sentire parte integrante della nostra società" ha chiosato Pagani senza non prima citare Spinoza, filosofo olandese del 1600, secondo il quale, chi detiene il potere ha bisogno che la gente sia affetta da tristezza o paura: "Io, invece, vi invito a non essere tristi, a non avere paura, ad essere ottimisti. Domani è un altro giorno e arriverà! Piano piano e con testa, torneremo a fare festa".

© Regiopress, All rights reserved