laRegione
maltrattamento-di-animali-nussbaumer-ricorre-in-appello
TI-PRESS
Il medico di Gravesano
Luganese
28.07.2020 - 14:150

Maltrattamento di animali, Nussbaumer ricorre in Appello

Il medico contesta la condanna della Pretura che lo ha sanzionato anche per aver somministrato medicamenti stupefacenti

Non accetta la condanna, il dottor Werner Nussbaumer. Il medico di Gravesano ha infatti inoltrato ricorso alla Corte di appello e revisione penale. Riconosciuto colpevole dalla Pretura penale lo scorso 17 giugno dei reati di maltrattamento di animali e di infrazione alla legge federale sugli stupefacenti per aver prescritto a propri pazienti tossicodipendenti o in cura metadonica medicamenti stupefacenti in dosaggi e quantitativi troppo elevati, talora persino con ricette in bianco, senza disporre della necessaria autorizzazione cantonale, Nussbaumer chiede di essere assolto da ogni imputazione. Il medico 71enne, già candidato in corsa alle ultime elezioni cantonali e federali per la lista civica, Lega Verde, si professa innocente, ritenendosi vittima di un complotto ordito ai suoi danni da nemici e dal Municipio di Gravesano che aveva ordinato controlli alla sua fattoria di animali.

La Pretura penale: la sua fattoria non era a norma

Nella sua sentenza, il giudice Siro Quadri, aveva messo in evidenza come la fattoria di Nussbaumer non fosse a norma e come la legge sulla protezione degli animali sia stata disattesa, accogliendo in toto il decreto d'accusa del procuratore pubblico, Arturo Garzoni, che ha indicato come l'imputato abbia "maltrattato, trascurato e abbandonato animali della sua tenuta agricola provocando così loro sofferenze inutili e, in alcuni casi, anche la morte". Werner Nussbaumer, difeso dall'avvocato Rossano Bervini, è stato condannato a una pena pecuniaria di 20 aliquote giornaliere di 730 franchi cadauna, per un totale di 14 mila 600 franchi, posta al beneficio della sospensione condizionale per un periodo di prova di tre anni, e a una multa di 300 franchi. La vicenda risale al periodo 2011-2013.

 

 

 

 

© Regiopress, All rights reserved