ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
8 ore

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
17 ore

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
18 ore

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
18 ore

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
19 ore

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
19 ore

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
19 ore

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
19 ore

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
19 ore

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
20 ore

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
20 ore

‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’

Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
20 ore

‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar

Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Mendrisiotto
21 ore

Alla scoperta dello scomparso oceano ticinese

Un viaggio artistico in esposizione allo Spazio Arte dello Swiss Logistics Center di Chiasso, alla scoperta dell’oceano preistorico Tetide
Bellinzonese
21 ore

Un rave party techno e tekno farà ballare l’Espocentro

‘Ambiente sicuro e controllato’ spiegano i giovani organizzatori che per l’evento del 4 febbraio hanno coinvolto anche Danno.ch
Grigioni
22 ore

Tra Soazza e Mesocco risanamento A13 da 35 milioni

Cantiere al via il 30 gennaio per la durata di tre anni. Si comincia con la corsia sud-nord
Locarnese
22 ore

A Minusio una chiacchierata con Leo Critelli

Appuntamento alla Villa San Quirico: organizza l’Associazione Quartiere Rivapiana
01.07.2020 - 15:05
Aggiornamento: 15:23

Lugano, l'aeroporto resta il pomo della discordia

L'ultimo pasticcio è il disaccordo in Gestione sul piano sociale per i dipendenti rimasti senza lavoro. Tutto rinviato in autunno.

lugano-l-aeroporto-resta-il-pomo-della-discordia
Una veduta notturna dello scalo luganese (Ti-Press)

L'aeroporto resta uno dei pomi della discordia della politica cittadina. L'ultimo episodio è andato in scena settimana scorsa quando la commissione della Gestione non ha allestito alcun rapporto sul messaggio del Municipio, rinviando di fatto il tutto alla prossima seduta di Consiglio comunale prevista il prossimo autunno. Un pasticcio, l'ennesimo, che posticipa l'adozione da parte del legislativo di una serie di misure decise dall'esecutivo in base al decreto esecutivo del Consiglio di Stato adottato nei primi giorni del lockdown, lo scorso marzo, lasciando alla finestra e senza piano sociale la quarantina di dipendenti non inclusi nella squadra di 22 scelta per la garantire l'operatività ridotta dello scalo.

Responsabilità attribuita alla Gestione

Come mai e perché questo pasticcio? «Il pasticcio nasce dal fatto che Municipio e i sindacati non si sono messi d'accordo sull'entità del piano sociale e ancora una volta si è cercato di attribuire alla commissione della Gestione il compito di decidere mentre in realtà la Gestione ha la funzione di preavvisare positivamente o negativamente un messaggio del Municipio», risponde Ferruccio Unternaehrer, presidente della Gestione. Il messaggio municipale comprende tre temi ben distinti: la procedura di messa in liquidazione di Lasa con la concessione del credito per l'acquisto di macchinari, l'aggiornamento del preventivo 2020 per consentire l'operatività dello scalo fino al 31 dicembre 2020 e il piano sociale da mezzo milione di franchi a favore dei dipendenti senza lavoro. «Il messaggio lasciava intendere che Città e sindacati avessero raggiunto un accordo ma cinque minuti prima di mezzanotte, i sindacati Unia e Ocst hanno chiesto di incontrarci e sono arrivati con una richiesta di 1,36 milioni di franchi per il piano sociale, oltre il doppio di quanto previsto dal Municipio, commisurata alle reali necessità dei dipendenti includendo anzianità di servizio, l'età e la presenza o meno di una famiglia a carico».

Un piano sociale, diverse visioni

Perciò la commissione si è spaccata. Da una parte, c'era chi voleva continuare portando il rapporto favorevole in Consiglio comunale con la richiesta di emendamento che chiedeva il rinvio al Municipio del piano sociale, mentre altri (la maggioranza) hanno optato per tenere in sospeso il messaggio chiedendo di incontrare anche l'esecutivo. «La gestione non ha avuto il tempo per approfondire il contenzioso fra sindacati e Municipio per portare la trattanda in Consiglio comunale settimana prossima. Sarebbe successo la stessa cosa con l'emendamento nel caso in cui il Municipio non fosse stato d'accordo: avremmo dovuto ritornare in Consiglio comunale fra qualche mese», osserva Unternaerer.

Censi: 'Ridicolo è chi non ha coraggio'

La Lega dei ticinesi avrebbe voluto preavvisare favorevolmente il messaggio del Municipio. Andrea Censi (Lega) critica senza mezzi termini questa posizione: «Una piccola premessa: le dichiarazioni del presidente della Gestione le trovo alquanto fuori luogo e offensive, nonché fuorvianti. Ferruccio Unternaehrer ha dichiarato al CdT che chi sosteneva una posizione differente alla sua era ridicolo. Ridicolo e imbarazzante per la classe politica è chi non ha il coraggio di prendere una decisione e continua a nascondersi dietro a giochetti partitici in chiara funzione elettorale bloccando investimenti chiave per la Città. Fra i signori che hanno messo i paletti nelle ruote della bicicletta, c'è anche lo stimato capogruppo Ppd Michel Tricarico. Questi signori, hanno messo la Città in uno stato di illegalità, mettendo a rischio il pagamento dei salari dei dipendenti dell'aeroporto, con la scusa della non condivisione del piano sociale, ma ormai questi giochi si protraggono da tempo. Ho lasciato l'aula (assieme al collega Lucas Bernasconi) e chiesto di detrarmi il gettone della seduta della Gestione, non voglio essere partecipe di politichette di livello imbarazzante».

Dal canto suo, Lorenzo Jelmini (Ocst) ribadisce che un piano sociale da mezzo milione non è sufficiente: «Il Municipio di Lugano non ci ha nemmeno consultato per definire l'entità del piano sociale. Abbiamo incontrato il gruppo che sta traghettando la liquidazione di Lasa, presenti anche il sindaco e Michele Foletti, chiedendo di incrementare la quota e ci hanno detto di chiedere alla Gestione». Sappiamo come è andata a finire. Il Municipio ha basato l'entità del piano sociale come se i dipendenti di Lasa lavorassero per la Città ma non ha tenuto conto delle reali e delle singole situazioni degli impiegati.

Il Municipio può operare senza Cc

Quindi i soldi non si potranno erogare? «No perché in base al decreto esecutivo del Consiglio di Stato del 20 marzo 2020 per via del Covid-19, il Municipio può intervenire in caso di urgenza anche su oggetti di competenza del legislativo. Quindi, da questo punto di vista, non ci sono problemi operativi», risponde Michele Foletti, capo Dicastero finanze. In altre parole, la procedura di liquidazione di Lugano Airport Sa (Lasa) può continuare, così come il trasferimento alla Città del personale necessario al funzionamento ridotto dell'aeroporto. Proseguirà anche la discussione con i sindacati per il piano sociale dei dipendenti rimasti senza lavoro e non inclusi nei 22 che garantiscono l'operatività ridotta. Stesso discorso, continua Foletti, per il mezzo milione di franchi per il piano sociale che metterà la Città senza il preavviso del Consiglio comunale,  i 430mila franchi per la liquidazione di Lasa e «l'inserimento nei suoi conti dei 5,6 milioni per la gestione transitoria dello scalo. L'unico problema potrebbe sorgere in caso di non approvazione del messaggio da parte del legislativo. Diventerebbe 'soltanto' una questione politica» Il fatto che il Cantone, pur non essendo obbligato, non partecipi nemmeno con un sostegno simbolico non vi dà fastidio? «Un po' sì, abbiamo scritto al Consiglio di Stato, però con una quota azionaria del 12,5%, anche se partecipasse, la situazione non cambierebbe tanto».

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved