lugano-il-polo-sportivo-va-in-gol
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

'Va abolito pure il divieto di vendita serale dei distillati'

Il commerciante: la recente decisione del Gran Consiglio mi soddisfa solo in parte, per questo ho deciso di non ritirare il ricorso al Tribunale federale
Ticino
5 ore

Casi di rigore, sono in arrivo altri 50 milioni

Il Consiglio di Stato porta a un totale di 125 milioni, 37,5 a carico del Cantone, la dotazione finanziaria totale
Bellinzonese
5 ore

Durante la notte Lumino spegne tre quarti dei suoi lampioni

Da qualche giorno 200 punti luce su 260 vengono disattivati per cinque ore a partire da mezzanotte e un quarto. Un'altra misura per aumentare l'efficienza energetica
Ticino
6 ore

Consuntivo 2020, Vitta: ‘Adesso serve uno sforzo proattivo’

Il direttore del Dfe commenta i 165 milioni di deficit e le prospettive: ‘I disavanzi accumulati andranno sulle spalle dei nostri figli’
Ticino
6 ore

Gobbi: ‘Incamminati sulla strada del ritorno alla normalità’

Il presidente del governo saluta positivamente la riapertura delle terrazze di bar e ristoranti. ‘Continuare a rispettare le regole igieniche’
Ticino
6 ore

Terrazze aperte: ‘Disparità di trattamento incomprensibili’

Il presidente di GastroTicino: ‘Il rischio di fallimenti e chiusure di una buona parte del settore non è assolutamente scongiurato’
Luganese
6 ore

Le Harley Davison possono attendere

Rischio Covid-19, annullata la manifestazione in agenda a luglio
Luganese
6 ore

Elezioni a Lugano, partecipazione in ascesa

Significativo balzo in avanti in città. Siamo a oltre 10'000 aventi diritto che hanno spedito la busta grigia con i nomi dei candidati prescelti
Luganese
6 ore

Lamone, conti in attivo e luce verde al nuovo asilo

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità i Consuntivi 2020 e 9,6 milioni per la scuola dell'infanzia
Locarnese
7 ore

Riffa Fans club Hcap Locarnese e valli

Ecco l'elenco dei numeri vincenti, estratti lo scorso 10 aprile
Luganese
8 ore

Lugano, dai quartieri un atto d'accusa alla Città

Nasce 'Villaggi traditi' che riunisce il malcontento di diversi ex Comuni che puntano il dito contro la politica 'periferica' della Città
Luganese
8 ore

Il municipale si distanzia e volano gli stracci a Porza

Nervi tesi a pochi giorni del voto, fra il blocco Plr-Ppd e 'Insieme' su una questione di sussidi
Bellinzonese
8 ore

Lanciata la stagione estiva sulle montagne leventinesi

Gli impianti di risalita della regione offrono anche quest'anno un abbonamento stagionale combinato
Bellinzonese
8 ore

Anche il 144 sotto il tetto della Centrale comune d'allarme

Si completa così il progetto di raggruppamento degli enti di primo intervento
Locarnese
8 ore

Quattro concerti a Ronco sopra Ascona

Appuntamenti nella chiesa di San Martino, ma solo per 50 persone alla volta
Bellinzonese
8 ore

Fuori strada alla ‘S’ di Gudo: ferite serie per un giovane

L'auto ha sbandato finendo nella scarpata sottostante dopo un volo di alcuni metri. Forti disagi al traffico
Locarnese
9 ore

‘E una rotonda al bivio per la Valle Verzasca?’

Il problema del traffico nei mesi caldi in un'interpellanza al Municipio di Gordola presentata da Stefania Perico e Cosimo Lupi
Mendrisiotto
9 ore

Un sito presenta il nuovo centro paese di Castel San Pietro

Il portale è stato voluto da autorità comunali e gruppo di lavoro per informare costantemente la popolazione sull'avanzamento dello studio
Locarnese
9 ore

‘Tennis per tutti, indipendentemente dal reddito’

Locarno, Elena Zaccheo è la prima donna ad assumere la presidenza del Tcl. Fra gli obiettivi: l'accessibilità della disciplina
Luganese
9 ore

L'Associazione Traffico Ambiente boccia il polo sportivo

Il sodalizio della Svizzera italiana sostiene i referendisti e dice no a un 'progetto estremamente caro, sovradimensionato e per niente ecologico'
Luganese
02.06.2020 - 23:380
Aggiornamento : 03.06.2020 - 00:23

Lugano, il Polo sportivo va in gol

Dopo una discussione fiume, il legislativo vota 14 milioni di franchi per progettare il futuro comparto di Cornaredo

Nessun colpo di scena. È stata accolta da un'ampia maggioranza del legislativo (50 favorevoli, un contrario e 6 astenuti) la richiesta di credito di poco meno di 14 milioni di franchi per progettare il nuovo stadio, il palazzetto dello sport e gli altri elementi (anche privati) del comparto di Cornaredo. Bocciata la proposta di rinvio del Polo sportivo e degli eventi (Pse) formulata dai consiglieri comunali Demis Fumasoli (Forum alternativo) e Angelo Petralli (Ppd). In apertura di seduta, è stato dato il via libera alla proroga fino alle prossime elezioni comunali di aprile degli attuali membri dei Consigli di amministrazione delle società partecipate, nominati per il quadriennio 2016-2020. 

La discussione del Pse ha occupato quasi tutta la serata conclusasi verso mezzanotte. Il nodo da sciogliere era legato al trasferimento di circa 114 dipendenti della Città dagli uffici della centralissima via della Posta in una delle due torri che sorgeranno accanto all'arena sportiva. Parecchie le perplessità avanzate negli interventi sulll'impatto negativo che tale trasferimento comporterebbe ai commerci e agli esercizi pubblici di Lugano. Il destino degli uffici di via della Posta è tuttavia già stato tracciato dall'esecutivo che verrebbe ricavarvi residenze primarie, indicativamente in 50 appartamenti per 150-200 inquilini. Un altro argomento che ha spazzato via i legittimi dubbi proposti da vari esponenti del Plr, in primis evocati da Ferruccio Unternaerer, relatore del rapporto di minoranza della commissione della Gestione (che ha raccolto 17 adesioni nella votazione 'a cascata') è stato l'investimento oneroso prospettato per la ristrutturazione degli uffici di via della Posta, stimato in 31 milioni di franchi.

'Basta melina, è l'ora di tirare in porta'

«Non è più tempo di buttare la palla in tribuna, è l'ora di tirare in porta», ha detto Rinaldo Gobbi (corelatore del rapporto della commissione dell'Edilizia) che ha messo in evidenza l'importanza delle infrastrutture che avranno ricadute positive per la Città, per gli sportivi e per tutta la cittadinanza. Secondo Gobbi, per il trasferimento di una parte dell'amministrazione comunale, occorrerebbe un'esame approfondito sui contenuti che prenderanno gli uffici di via della Posta, prima di dare il via libera al trasferimento dei dipendenti comunali. Ferruccio Unternaerer, ha sollevato critiche, a cominciare dalla mancanza di trasparenza del messaggio: «È un peccato che si faccia finta di non capire, ma finanziare anche la progettazione definitiva delle opere private quali le due torri (con autosilo) e gli edifici che sorgeranno lungo via Trevano nella fase tre prima di sapere i contenuti dell'accordo di Partenariato pubblico privato (Ppp) è un azzardo». Ci vuole un messaggio ad hoc per contestualizzare il trasferimento dei dipendenti della Città dal centro a Cornaredo, non bastano le indicazioni di massima del Municipio. L'approvazione di questo messaggio comporta grande leggerezza alla luce della carenza delle implicazioni finanziarie del progetto, prima della proclamazione del vincitore del bando di concorso, ha continuato Unternaerer, parlando do un vero e proprio «atto di fede» richiesto al legislativo. Occorre invece rimettere il Pse al centro del dibattito politico senza strumentalizzazioni, ha sentenziato l'esponente Plr. Karin Valenzano Rossi, capogruppo Plr, ha però ricordato che la Città dovrà restituire in 25 anni fra i 150 e i 180 milioni di franchi.

'Troppo cemento, parco urbano sulla carta'

Sdogana l'ennesimo invasione di cemento della città, ha detto Nicola Schoeneberger, capogruppo dei Verdi che comprende la necessità di nuove infrastrutture sportive ma sono troppe le criticità legate al parco urbano (solo sulla carta) e i problemi legati alla viabilità del comparto, sollevando critiche per la decisione di realizzare i campi in erba sintetica, la mancanza di chiarezza sull'accordo con i privati, l'assenza di spiegazioni sul trasferimento dei dipendenti di via della Posta e le conseguenze pesanti sulle finanze cittadine. Raide Bassi (Udc): «Questo progetto risolverà i problemi di molte associazioni sportive, cambierà la città. Sarebbe stato meglio conoscere gli aspetti finanziari e i contenuti dell'accordo di Ppp». Pur comprendendo i problemi legati alla pandemia e alla tempistica stretta, il gruppo voterà il messaggio ma lo spostamento dell'amministrazione dal centro «dovrà essere affrontato con una strategia di rilancio del centro». La capogruppo socialista Simona Buri ha assicurato l'adesione del gruppo non senza rivolgere critiche al Plr che «sostiene non sia possibile decidere in un secondo tempo i contenuti della parte privata». «Necessario», ha detto Lorenzo Beretta Piccoli intervenuto a nome del gruppo Ppd garantendo l'adesione all messaggio che renderà Lugano ancora più attrattiva con infrastrutture sportive all'altezza.

'Un progetto che darà lustro alla città'

Roberto Badaracco, titolare del Dicastero sport ed eventi, ha ricordato gli antefatti però non ha sentito «quella positività necessaria a un progetto così importante che cercherà di recuperare il tempo perduto per dotare la Città di infrastrutture degne di questo nome». Strutture necessarie non solo all'Fcl ma anche alle numerose associazioni attive sul territorio di Lugano. Perciò, «abbiamo bisogno della vostra fiducia», ha concluso Badaracco. Per Cristina Zanini Barzaghi,non è un passo troppo lungo ma uno dei tanti passi da fare con coerenza per raggiungere l'obiettivo La progettazione della terza tappa è stata chiesta per non escludere un'ulteriore inserimento di un altro ente pubblico (Il Cantone) nelle torri. L'urgenza è dettata dai termini imposti dalla Swiss Football League, le offerte dei due consorzi sono interessanti - ha rassicurato la municipale socialista -. Il Consiglio comunale avrà modo di intervenire ancora su questo progetto. Ogni Ppp ha le sua caratteristiche, la cosa funziona se c'è equilibrio fra interessi pubblici e privati e l'accordo sarà sottoposto al Consiglio comunale». Le ha fatto eco il sindaco di Lugano Marco Borradori, secondo cui il mosaico della città si stanno delineando. Non dobbiamo comunque sempre volerci male e flagellarci ma continuare a guardare il bello, anche se la polemica fa parte della politica: «Accanto allo stadio si sta sviluppando un quartiere le cui radici risalgono a quasi vent0anni fa. e bisogna ringraziare chi c'era prima di noi. Lo spostamento dei dipendenti da via della Posta è qualcosa di marginale ma non ininfluente» invocando la buona fede e mettendo in evidenza la difficoltà di attirare nuove residenze in centro. Intervento fuori dal coro, quello di Jacques Ducry (Indipendente): «Non sarà questo nuovo polo ad attirare i contenuti della parte privata giovani né nuovi tifosi allo stadio. La media degli spettatori a Cornaredo è tragicamente bassa, non c'è la massa critica. Voi ci chiedete di votare una cambiale in bianco. Ci vuole una società sportiva pulita».

© Regiopress, All rights reserved