Empoli
0
Udinese
0
1. tempo
(0-0)
lugano-irrisolto-il-mistero-dei-bollini-rossi
Verso piazza Dante (fonte A. R.)
+7
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
22 min

Masaba Coffee vincitore del premio per l’etica d’impresa

Riconoscimenti anche per Lighthouse Tech, Agroval Sa, Plastex Sa e Gottardo Arena
Bellinzonese
24 min

Cancro: importante premio assegnato a Davide Rossi dell’Ior

Riconoscimento di 80mila franchi per le sue ricerche nell’ambito dell’ematologia
Luganese
29 min

Massagno ringrazia i suoi volontari

Al rinnovato Lux, i partecipanti hanno visto in anteprima il documentario ‘Aromi’ scritto e diretto dalla regista Anna Hungerbühler Luraschi
Luganese
32 min

Tesserete, slitta per neve il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sabato 11 dicembre. Gli organizzatori auspicano un’ampia adesione da parte degli espositori
Mendrisiotto
37 min

‘I camion devono restare nel Mendrisiotto’

Simonetta Sommaruga risponde a Marco Romano. ‘Spostare più a nord l’attesa dei veicoli pesanti non è la soluzione adeguata’
Locarnese
42 min

Verzasca, l’Associazione deve trovare il giusto equilibrio

Dopo l’aggregazione in un solo Comune della Valle, occorre riorientare le strategie in modo da assicurare un percorso di crescita subregionale
Locarnese
42 min

Muralto, per il nodo intermodale si cerca un’alternativa

Dopo l’incontro di oggi della Delegazione delle autorità, il Municipio incaricherà un ingegnere del traffico di verificare la fattibilità di un ‘piano B’
Luganese
52 min

Gandria, slitta a domenica il mercatino dell’olio

La Bottega invita a fare un giro nel villaggio anche per visitare i numerosi presepi allestiti lungo i vicoli
Locarnese
53 min

Ad Ascona la Scuola popolare di musica di Locarno

Tradizionale concerto natalizio degli allievi
Luganese
1 ora

Melano, annullata la Festa di Natale per gli anziani

La Società ricreativa ha deciso, con rammarico, di rinunciare all’appuntamento previsto domani, a causa del coronavirus
Video
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, finge di farsi investire per una pizza

Un uomo ha bloccato il traffico nei pressi dell’Accademia mentre aspettava il cibo. Ne è nato un litigio con l’autista del bus
Locarnese
1 ora

Atte Locarno, pranzo e tombola

Appuntamento al Centro diurno
Luganese
 
19.05.2020 - 18:040
Aggiornamento : 19:16

Lugano, irrisolto il mistero dei 'bollini' rossi

Aumentano gli adesivi in centro città. Ignota la paternità dell'operazione non autorizzata dal Municipio. È un'espressione artistica per far riflettere?

Sono spuntati un po' ovunque negli ultimi giorni in varie zone del centro città, ma a Lugano nessuno sa spiegarsi il senso dell'operazione e da dove prevengano. Un fenomeno avvolto al mistero. Stiamo parlando degli adesivi rossi rotondi con un diametro di circa 10 centimetri attaccati a vetrine di commerci o lungo pareti di edifici pubblici e privati. Ne è apparso uno sulla vetrina del negozio di Paolo Poretti, presidente dei commercianti di Lugano che, da noi raggiunto, dice di aver provveduto a toglierlo: «Ho cominciato a vederli una decina di giorni fa ma non saprei dire chi li ha messi né perché». Non sembrerebbero legati all'emergenza sanitaria sebbene i cerchi rossi compaiano nelle mappe sui contagi e sui decessi dovuti al Covid-19 anche se pare siano aumentati proprio nel periodo di Lockdown.

Badaracco: 'Nessuno ha richiesto il permesso'

Nemmeno Mario Tamborini, segretario dell'associazione via Nassa sa spiegare cosa siano e cosa rappresentino gli adesivi. Ritiene comunque che siano abusivi. Roberto Badaracco titolare del Dicastero cultura, sport ed eventi, dice che alla Città non è giunta alcuna richiesta di permessi per iniziative di questo genere: «Non è un'iniziativa della Divisione cultura della Città e non è stata concessa l'autorizzazione. Gli adesivi potrebbero essere riconducibili al cerchio rosso disegnato per terra in Rivetta Tell nell'ambito del progetto 'Art. 21 Privacy-Free-Zone' realizzato dal fotografo Matteo Fieni che era stato autorizzato dal Municipio. Interpellate diverse le persone a passeggio in centro a Lugano, la maggior parte non si è accorta di nulla. Ce ne sono però davvero tanti, anche al parco Ciani e sui cartelloni pubblicitari, quelli con la tartaruga, della Città. Alcuni commercianti non danno peso alla cosa, altri ne sono infastiditi.

Quel cerchio rosso in Rivetta Tell

Il progetto "Art. 21 – Privacy-Free Zone", come si legge nella presentazione pubblicata sul sito di LuganoEventi (luganoeventi.ch/it/eventi/34241) "indaga un paradosso: come convivono il diritto alla privacy e la libertà d’espressione in Svizzera nel 2016? Il diritto alla privacy, garantito dall’articolo 28 del codice civile, dà ad ognuno l’esclusiva della propria immagine personale e impedisce quindi a terzi di poterla rappresentare. A garantire la libertà d’espressione artistica vige però l’articolo 21 della Costituzione. In uno spazio fisico definito da un cerchio rosso, si creerà una free zone fuorilegge in cui questi due articoli verranno sospesi". Gli adesivi rossi paiono come una continuazione del progetto messo in atto in forme non istituzionali e anonime.

Iniziative simili a Milano e a Parigi

Il fotografo Matteo Fieni nega la parternità dell'operazione e rimanda al sito www.privacyfreezone.ch che però è in costruzione. Qualche considerazione la possiamo comunque fare. Possiamo dire con certezza che gli adesivi apparsi Lugano non sono del genere di quelli che si trovano in metropolitana a Milano per assicurare la cosiddetta distanza sociale fra gli utenti ai tempi del Covid-19. Si trovano invece tracce di operazioni del genere a Parigi e a Milano. A Lugano sarebbero in circolazione da alcuni anni nell'indifferenza generale. Eppure, sono segni che in certo senso si appropriano dello spazio pubblico e di quello privato (cercando di annullarne la differenza?), apparentemente come forma di espressione o esperimento artistico. Da questo punto di vista, l'opera (se così si può definire) dovrebbe attirare l'attenzione della cittadinanza e suscitare un interesse dal quale nascono riflessioni, discussioni e (nuovi) contatti fra le persone.

Bollini come punti d un insieme

Gli adesivi che hanno una forma circolare di color rosso potrebbero essere interpretati come un percorso sperimentale proposto con l'obiettivo di incrementare le relazioni fra le persone in un periodo in cui quelle che si intrattengono sono soprattutto e sempre più virtuali. Come l'unione fra più puntini su un foglio di carta, in una sorta di campagna subliminale (e anche un po' subdola).

Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved