ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

La cultura previene o alimenta le violenze fondate sul genere?

A queste e altre domande si cercherà di dare risposta lunedì 30 gennaio alle 19.45 alla Scuola Media Bellinzona 1
Luganese
1 ora

Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano

Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Grigioni
1 ora

Grono ha 66 abitanti in più

Nel Comune grigionese, al 31 dicembre 2022, abitavano 1’493 persone. Registrati 155 arrivi contro 88 partenze, 13 nascite e 14 decessi
Ticino
17 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
20 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
22 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
1 gior

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
28.02.2020 - 06:20
Aggiornamento: 11:13

Lugano 2040, disegno futuristico attendibile o utopia?

A colloquio con il direttore della Fondazione Agire, Lorenzo Ambrosini, su uno studio di come sarà vivere e muoversi in Città: ‘Non solo tecnologie ma modelli sociali’.

lugano-2040-disegno-futuristico-attendibile-o-utopia
Lugano 2040

‘Vivere e muoversi a Lugano nel 2040’. Fra autobus avveniristici e droni con passeggeri Sketchin e Bak Economics hanno provato “a immaginare un futuro alternativo”. Ma sarà davvero così? Un interrogativo che abbiamo girato a Lorenzo Ambrosini, direttore della Fondazione Agire, l’agenzia per l’innovazione del Canton Ticino: «Mi chiede se è fattibile? La domanda è stuzzicante, ma la risposta non è facile. Non può essere un semplice sì o no, solo un chiaroveggente può avere la soluzione. Possiamo però fare un paio di riflessioni». Vediamole: «Qui sono state considerate solo tecnologie che sono in fase avanzata di test in altre parti del mondo. Dal punto di vista tecnico, quindi, non sono stati dei sognatori, non hanno parlato di teletrasporto per farmi capire meglio, sono tecnologie che, come il drone a Dubai, sono già certificate – o prossime a ciò – quali mezzi di trasporto per persone. Perciò dal punto di vista puramente tecnologico non siamo lontanissimi. La questione è un’altra, ovvero, non basta implementare un’invenzione tecnologica già presente in un tessuto sociale e urbano, ma ci vogliono altri requisiti. Sono questi che determineranno, infatti, quale di queste tecnologie si affermerà e quale no, più che la tecnologia in sé».

‘Guardiamo al fabbisogno umano’

Riflessioni, dunque, che raggiungono un altro livello: «Nel tentativo di previsione del futuro, che è un fabbisogno umano assolutamente naturale, proiettiamo il mondo attuale, i nostri fabbisogni, cercando di individuare quali tecnologie potranno soddisfare i nostri bisogni nel 2040 o nel 50 e 60. C’è però un ma: non è detto che i nostri fabbisogni del futuro saranno uguali a quelli di oggi. Le porto un esempio, tutti i giorni vengo a Lugano da Chiasso, sto in colonna, c’è il guasto o il ritardo al treno. Quale sarà la tecnologia del futuro che mi permetterà di arrivare sul posto di lavoro nel minor tempo? Sì, ma magari in futuro non dovrò più spostarmi perché lavorerò da casa. Magari avrò altre esigenze di spostamento che potrebbe essere quello serale di uscita con la famiglia o gli amici nel tempo libero. Oppure, proietto nel futuro l’esigenza di avere uno spazzolino da denti che si muove da solo ma magari metterò in bocca una pastiglia o cibi così ingegnerizzati che non mi daranno più carie e per cui non avrò più bisogno di uno spazzolino. Tutto per dire che non devo proiettare nel futuro il mondo di adesso e pensare a quali marchingegni avere. Dobbiamo, invece, riflettere su quali modelli di società, e in questo caso di mobilità, ci saranno nelle nostre città e questo riguarda sì il nostro lavoro, il nostro tempo libero, ma riguarda anche altri aspetti. Pensiamo alla mobilità pubblica e privata, magari in futuro avremo un consorzio condiviso, e non più un’auto di una sola persona ma in comproprietà. Un altro esempio, il flusso di informazioni, di persone e di materiali. Fino all’avvento del telefono o del fax le informazioni (pensiamo ai libri) dovevano essere ‘trasportate’, pensiamo alle diligenze a cavallo. Oggi con internet non c’è più bisogno di spostare fisicamente queste informazioni. Tutto ciò è stato un cambio di paradigma. Oggi mi sposto nei negozi e trasporto a casa i prodotti acquistati, in futuro, e in parte vi è già, riceveremo tutto a casa, anzi un robot magari me li metterà già in frigorifero. Non vi sarà più bisogno di multiposteggi perché le merci avranno un altro flusso e vi sarà un altro cambio di paradigma. Pensiamo alla vita sociale con cene fra amici che anziché avere presenti in carne ed ossa gli invitati avranno al loro posto degli ologrammi».

Per Ambrosini sarà, dunque, necessario «non solo proiettare la soluzione tecnologica ma capire quali saranno le nuove esigenze e i nuovi modelli di società e la tecnologia che si affermerà sarà una conseguenza. Forse non sarà nel 2040 ma un decennio dopo». Questi studi lasciano allora il tempo che trovano? «No, anzi dovrebbero farne di più. Ogni studio è uno spunto di riflessione che ci porta un gradino più avanti e a una discussione più ampia. Come possiamo, infatti, prevedere soluzioni tecniche quando il problema è altrove? La domanda è: siamo pronti a rinunciare ad alcuni nostri fabbisogni, come quello di possedere le cose (mi riferisco ad esempio all’auto privata) invece di condividerle? Siamo veramente pronti all’home office e al pericolo di diventare un ‘vegetale’, anche perché il lavoro è vita sociale, identità di impresa? Ripeto, ricerchiamo pure soluzioni tecniche ma bisognerebbe soprattutto pensare alle implicazioni sociali, urbanistiche, al modello di vita e di benessere che vogliamo. Lo studio è ben fatto ma facciamo previsioni anche un po’ più ‘matte’: se lavorassimo tutti da casa, se chiudessimo tutte le strade e ci facessimo dei giardini? Chiaro che nessuna si avvererà ma magari ci potrebbe portare a degli spunti interessanti di riflessione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved