abusi-su-minore-30enne-condannato-a-sei-anni-e-mezzo
'Oggetto dei desideri dell'imputato' (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘Pensione statali, compensazioni necessarie e urgenti’

Il Ps: il Gran Consiglio va coinvolto tempestivamente sulle misure contro il peggioramento delle rendite a causa della riduzione del tasso di conversione
Ticino
1 ora

Dormiamo meno e peggio. Con gravi rischi, specie per i giovani

Il mito della performance e i dispositivi elettronici stanno compromettendo sempre più qualità di sonno e veglia dei ticinesi. Il punto col Prof. Manconi
Locarnese
11 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
12 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
12 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
12 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
12 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
13 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
13 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
23.01.2020 - 19:15
Aggiornamento: 20:41

Abusi su minore, 30enne condannato a sei anni e mezzo

Per la Corte delle assise criminali di Lugano l'uomo deve restare in prigione, dove sarà sottoposto a un trattamento ambulatoriale

«Ciò che ha fatto l'imputato alla vittima è riprovevole e abbietto. Le ha procurato danni importanti che hanno ipotecato il suo futuro, compromesso il suo sviluppo della libera determinazione sessuale e la sua crescita come persona». Il presidente della Corte delle assise criminali di Lugano Mauro Ermani nel motivare la sentenza di sei anni e mezzo di reclusione più l'espulsione dalla Svizzera per dieci anni a carico del trentenne brasiliano, non ha fatto sconti. Ha leggermente ridotto la richiesta di pena di sette anni e mezzo di prigione formulata dalla procuratrice Pamela Pedretti, il cui atto d'accusa è però sostanzialmente stato confermato.

A cominciare dalla gravità degli atti compiuti dall'uomo che ha praticato e obbligato la fanciulla ha farsi fare giochi erotici e sessuali fino alla parziale penetrazione, comportandosi in questa maniera unicamente per soddisfare i propri bisogni sessuali. Tanto che il giudice ha parlato di una vittima «divenuta l'oggetto dei desideri dell'imputato che non avrebbe certo avuto bisogno di molestare una bambina per una ventina di volte sull'arco di un anno e mezzo, avendo una compagna e praticando l'autoerotismo». In questo caso, ha proseguito il giudice, «l'incensuratezza dell'imputato non ha avuto peso nella commisurazione della pena».

L'egoismo dell'imputato si è manifestato in un modo spregevole. Non solo durante l'anno e mezzo in cui ha abusato della figlia della sua compagna e in parte anche della cuginetta della vittima. Ma pure dopo l'arresto. «Il comportamento dell'imputato ha travalicato i limiti del suo diritto di non rispondere alle domande degli inquirenti cercando di depistare le indagini e attribuendo la responsabilità alla vittima, una bambina di soli nove anni, mostrando così il suo egoismo», ha sottolineato il giudice secondo cui i reati più gravi di natura sessuale «sono da mettere in relazione alla perizia psichiatrica».

Una perizia che ha messo in evidenza i tratti narcisistici e psicopatici della sua natura. «È quindi necessario e indispensabile che il trattamento ambulatoriale cominci al più presto, anche in stato di detenzione», ha detto Ermani che ha inflitto all'uomo anche una pena pecuniaria di 180 aliquote di trenta franchi l'una (5'000 in tutto) per i reati considerati 'minori', come il furto di una bicicletta, il soggiorno illegale, il lavoro senza permesso, l'infrazione ripetuta alle norme della circolazione, la contravvenzione della legge sugli stupefacenti (per aver consumato nove etti di canapa).

In stato di carcerazione preventiva dal 30 gennaio 2019 e in esecuzione anticipata della pena dal 14 marzo 2019, l'uomo è pure stato condannato a versare 15'000 franchi a titolo di indennità per risarcire il torto morale imposto alla vittima e al pagamento di una somma simile per le spese giudiziarie, oltre alla multa di duemila franchi. La corte non ha tenuto conto delle obiezioni sollevate dalla difesa. La sua compagna aveva affidato a lui sua figlia, quindi si tratta di un affidamento di fatto, ha spiegato il giudice che ha così confermato la violazione del dovere di assistenza e di educazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved