laRegione
Nuovo abbonamento
l-enclave-base-albanese-per-la-cocaina-ticinese
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
31 min

Autolinea Mendrisiense, la ripresa non è ancora completa

Il dopo lockdown dà comunque indicazioni positive. Oltre a potenziamenti serali e nel fine settimana, il cambio orario porterà nuove assunzioni
Luganese
50 min

Elezioni comunali 2021: in forse l'esistenza di 'Morcote Viva'

Il municipale già Plr, poi confluito nella formazione civica, Massimo Suter, sceglie l'indipendenza e riflette su una possibile non ricandidatura. Così il sindaco Nicola Brivio.
Ticino
1 ora

Procuratori pubblici, indennizzi per chi non è rieletto

Cosa succederebbe se i magistrati bocciati dal Consiglio della magistratura non venissero rieletti? Le 'buonuscite' sono importanti
Luganese
2 ore

Lugano: teatro Emanuele Santoro dal Cortile al Foce

Dopo la chiusura forzata della struttura di Viganello, Santoro ripropone corsi rivolti a bambini, ragazzi e adulti al Foce. S'inizia con una lezione gratis
Luganese
2 ore

Avvicendamento nella parrocchia di Savosa

Il Municipio ha ricevuto e ringraziato don Michele Fornara che lascia dopo 15 anni. Al suo posto arriva don Iustiàn Petre
Grigioni
2 ore

La nuova Croce del Piz Martél si presenta

Festa domenica prossima a Cama. Il manufatto viene mostrato in paese prima di andare a svettare in quota
Luganese
3 ore

Pink Panther arrestati a Pregassona sul banco degli imputati

Chieste a Zurigo pene fra i 5,5 e i 7 anni a carico dei tre dei quattro presunti membri della banda arrestati dalla Polizia cantonale
Ticino
3 ore

Dal Gran Consiglio sì a pieni voti al pacchetto scolastico

Dopo la riforma fiscale e le misure per la socialità arriva il si anche ai 19 milioni per la diminuzione degli allievi per classe alle medie e altre modifiche
Locarnese
3 ore

Gordola, premiati i quattro migliori muratori neodiplomati

La cerimonia si è svolta giovedì scorso durante l'assemblea ordinaria della Ssic Ticino. Menzione speciale alla prima muratrice neodiplomata della Svizzera
Bellinzona
4 ore

Paglia: 'Non ritengo di dovermi dimettere'

Il municipale di Bellinzona risponde alle critiche dopo i risultati degli audit sui superamenti di spesa in tre cantieri comunali
Locarnese
4 ore

Losone, quarantena e dietrofront: ‘Le famiglie hanno capito’

Alle Medie, dove per una questione di tempistica è rientrato il ‘caso’ legato a una positività, il direttore ha fatto informazione
Luganese
11.03.2019 - 16:540

L'enclave, base albanese per la cocaina 'ticinese'

Dopo i due arresti ad opera dei Carabinieri di Campione d'Italia emerge la nuova frontiera dello spaccio di stupefacente verso la Svizzera.

Il presentimento che Campione d’Italia fosse diventato un quartier generale per la malavita lo si era avuto lo scorso dicembre quando i Carabinieri avevano arrestato due albanesi dediti al traffico di droga. Domenica, una nuova e importante operazione ha confermato lo ‘strano’ giro in atto nell’enclave. Due nuovi arresti, sempre di albanesi, e il sequestro di 320 grammi di cocaina nonché denaro in contante (2’100 franchi), cellulari, schede telefoniche e tutto quanto necessario per il confezionamento e lo spaccio della sostanza stupefacente (un bilancino, una lama con tracce di droga, ritagli di sacchetti di plastica).
Da alcuni giorni la Benemerita teneva sotto osservazione i due trafficanti, Islami Maksim, 29 anni, senza fissa dimora in Italia, e Kalemi Ernesto, 23enne anch’egli senza fissa dimora. Un pedinamento sfociato domenica in serata con il loro fermo e una prima perquisizione personale e dell’auto andata però “a vuoto”. Da un controllo più approfondito, in particolar modo nell’appartamento in cui alloggiavano da qualche settimana, affittato da una terza persona, connazionale, i militari dell’Arma hanno poi rinvenuto tutto quanto frutto dell’ingente sequestro. Avendo, dunque, avuto la conferma dell’attività criminale i carabinieri hanno così ispezionato l’area pubblica, attorno al santuario della Madonna dei Ghirli, dove i due – che ora si trovano al carcere comasco del Bassone con l’accusa di produzione, traffico e detenzione illecita di sostanza stupefacente e psicotrope – erano stati notati sostare sabato sera. Sotterrati nel giardino sono stati trovati due barattoli contenenti cocaina.

La frontiera del traffico
Campione, quindi, terra di nessuno e interessante punto di azione per la malavita legata al traffico di droga? «Sembrerebbe proprio che l’enclave sia appetibile quale base per nascondere, nel gergo criminale, la roba – conferma a ‘laRegione’ il comandante dei Carabinieri del Nucleo di Campione d’Italia, maggiore Natale Grasso –. Tenga presente che il traffico avviene più che altro in Svizzera, droga, dunque, che prendono dal canale italiano e destinata sì anche alla ‘piazza’ campionese ma soprattutto del Canton Ticino. Questi personaggi arrivano qui, nascondono qui la droga e giornalmente vanno a Lugano, o dove devono andare, e mettono in atto il loro smercio».
Solo tre mesi fa, sempre a Campione, erano stati arrestati, per gli stessi reati, due altri albanesi: «Un primo caso che non ha attinenza per modalità e collegamento fra persone con quest’ultima operazione – ci evidenzia il comandante –. Diciamo però che ora si renderanno conto che Campione non è questa ‘isola felice’ per i trafficanti, come magari si era portati a credere».
Quanto vi è, quindi, la percezione in Ticino di questa pericolosa... ragnatela? Lo abbiamo chiesto ad Andrea Lurati, commissario capo del Servizio antidroga della Polizia cantonale: «La tipologia sul come e dove si muovono è stata riscontrata anche da noi, così come le modalità di celare lo stupefacente. In questo senso siamo in contatto e collaboriamo con le autorità italiane. Il fenomano non è comunque nuovo, sono circa cinque anni che siamo confrontati con questi gruppi di albanesi, ben radicati nel nord d’Italia [cfr. ‘laRegione 19 gennaio 2019] e dunque arrivati anche a Campione. In più di un’inchiesta abbiamo evidenziato questo modus operandi». Curioso soprattutto è l’aspetto della scelta dei nascondigli, dal proprio domicilio al bosco o al terreno di un giardinetto pubblico: «È uno dei tanti metodi. Quando sono da noi spesso sono ospiti di tossicodipendenti che potrebbero far sparire lo stupefacente. Se non sono sicuri dunque preferiscono nasconderlo magari nel bosco. Restano ad ogni modo dei ‘depositi’ sparsi di quantitativi limitati, non unici bunker, forniture regolari che se ‘perdono’ anche la perdita economica è limitata».

© Regiopress, All rights reserved