ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
19 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
20 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
1 gior

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
15.06.2018 - 17:54
Aggiornamento: 19:08

Lugano, Pelli: 'Bertini vuoti il sacco!'

A due ore dall'assemblea Plr che ratificherà la presidenza Tognola, l'ex sindaco e l'ex vicesindaco di Lugano esprimono stupore e preoccupazione.

di Alfonso Reggiani
lugano-pelli-bertini-vuoti-il-sacco
Ti-Press

Sorpresa, stupore e incomprensione. Si possono riassumere così le reazioni che abbiamo raccolto allo sfogo del vicesindaco Michele Bertini che, sul CdT diioggi, ha rilasciato dichiarazioni a dir poco polemiche. Dichiarazioni che, da una parte, hanno ‘rubato’ la scena alla ratifica del nuovo presidente della sezione Plr di Lugano Guido Tognola, dall’altra hanno buttato benzina sul fuoco alle tensioni interne sfociate con le dimissioni di Giovanna Viscardi.

Il vicesindaco di Lugano ha detto di essere stato abbandonato dal partito. Tanto che si sta interrogando sulla compatibilità dei suoi valori con un ruolo attivo nel Plr. Ha rifiutato il ruolo di ‘cattivo’ nella caso Viscardi e non ha risparmiato nessuno, né il partito cantonale, né lo stesso ambiente liberale-radicale luganese. Bertini ha chiarito che la sua non è una minaccia ma uno sfogo che nasce dal un sentimento di amarezza vissuto in questi ultimi mesi. Si è sentito usato dal Plr a cui non ha mai chiesto nulla. Il vicesindaco non si dimetterà in corso di legislatura, per rispetto verso tutti quei cittadini che lo hanno votato. In futuro si vedrà ma se non dovesse cambiare nulla... Le sue parole uscite in concomitanza con il rinnovo della presidenza della sezione spiazzano, destabilizzano e ostacolano la ripartenza del partito.

Secondo l’ex vicesindaco Erasmo Pelli, Bertini farebbe bene a chiarire il messaggio al partito: «non si può lanciare il sasso senza bersaglio. Bisognerebbe non dico fare i nomi e i cognomi, ma almeno precisare le circostanze del sentimento di isolamento che sta vivendo anche da parte del partito cantonale. Della serie muoia Sansone con tutti i filistei. Mi pare un messaggio criptico, di difficile interpretazione, ne vorremmo sapere di più e capire a chi è diretto. Dovrebbe precisare cosa non funziona anche e soprattutto per il bene del partito». L’ex vicesindaco è dispiaciuto ma invita a Bertini a vuotare il sacco «anche se non ha scelto proprio il momento giusto».

Anche l’ex sindaco di Lugano Giorgio Giudici non condivide la tempistica scelta: «In questo momento il partito ha bisogno di recuperare l’immagine, visto che ha già perso smalto. Bisognerebbe evitare di rilasciare dichiarazioni di quel tenore. Coloro che sono al fronte dovrebbero cercare di lavorare assieme con un obiettivo comune». In altre parole, invece di picchiare i pugni sul tavolo creando sconcerto e incomprensioni, occorrerebbe rinnovare l’entusiasmo e la motivazione all’interno e all’esterno del Plr. Giudici è d’accordo con Pelli: «Difficile capire il senso delle parole di Bertini. Ognuno faccia le proprie valutazioni…».

© Regiopress, All rights reserved