ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
10 min

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
2 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
4 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
5 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
5 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
7 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
8 ore

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
Luganese
9 ore

Consegnato alla Fondazione Vanoni l’incasso della riffa

L’iniziativa benefica delle sezioni Plr Centro+Loreto e Molino Nuovo ha permesso di sostenere il progetto ‘Appartamento protetto’ con 900 franchi
17.10.2022 - 08:32
Aggiornamento: 15:13

Delitto di Muralto, si torna in aula

Da martedì processo d’Appello per il 33enne, condannato in primo grado a 18 anni di carcere per aver strangolato la compagna nell’aprile del 2019

delitto-di-muralto-si-torna-in-aula
archivio Ti-Press
Il delitto avvenne in una camera dell’Hotel La Palma au Lac

Torna in aula, alla Corte di appello e di revisione penale di Locarno, la vicenda dell’omicidio avvenuto la notte del 9 aprile 2019 in una camera all’ultimo piano dell’Hotel la Palma au Lac di Muralto. L’inizio del dibattimento è previsto martedì 18 ottobre (con mercoledì 19 ottobre come giorno di riserva). Alla sbarra comparirà il 33.enne tedesco, condannato in primo grado a inizio ottobre 2021 a 18 anni di carcere per omicidio intenzionale. Un omicidio, aveva affermato in quell’occasione il giudice Mauro Ermani, «di livello elevato, prossimo all’assassinio». Al carcere si erano aggiunti 12 anni di espulsione dalla Svizzera.

Il 33enne aveva strangolato la sua compagna, una cittadina inglese che all’epoca aveva 22 anni, nel bagno dell’albergo. Per il giudice di prima istanza non si trattò dunque di un gioco erotico finito male, come sostenuto dall’imputato, ma di un violento litigio causato dal fatto che lei voleva lasciarlo (anche senza un soldo); litigio al culmine del quale l’uomo perse la testa, afferrò il collo della ragazza e strinse. Per la Corte, «la colpa è di grado molto elevato: ha voluto sopprimere la vita di una giovane donna che gli aveva dato amore, soldi e benessere».

Stando alla difesa, sostenuta dagli avvocati Yasar Ravi e Luisa Polli, la morte della giovane era invece stata causata da un gioco erotico finito tragicamente. Il 33.enne cittadino germanico, avevano argomentato i suoi patrocinatori chiedendone (invano) l’immediata scarcerazione, non aveva alcuna intenzione di ucciderla.

La Corte di appello e di revisione penale sarà presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will (giudici a latere Rosa Item e Chiarella Rei-Ferrari), mentre l’accusa sarà promossa dalla procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis, la quale nel dibattimento di prima istanza aveva chiesto che l’imputato fosse condannato a 19 anni e 6 mesi di reclusione per il reato di assassinio. Per Canonica Alexakis l’uomo aveva agito per meri fini economici; uccise la compagna per sistemare la propria disastrosa situazione debitoria.

Un argomento che, tuttavia, non era stato ritenuto valido dalla Corte di primo grado, seconda la quale la spinta all’omicidio era stata soprattutto la rabbia, visto che la ragazza aveva manifestato la chiara intenzione di lasciare il 33enne. Lei aveva scoperto le menzogne del suo compagno, che aveva affermato di essere un manager, ma che si era rivelato uno sfruttatore, e da ciò ne era scaturita una violenta lite, sfociata nell’omicidio.

Insomma, due tesi contrapposte che verosimilmente terranno banco nel corso del processo d’Appello.

Leggi anche:

Alla Palma fu omicidio intenzionale: 18 anni al 32enne autore

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved