gestione-del-lupo-sommaruga-invitata-a-guardare-la-realta
archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
34 min

Alla Biblioteca di Lugano, letteratura e colazione offerta

Domani doppio incontro sul tema del viaggio. Matinée sulla cronaca locale di prossimità
Luganese
1 ora

StraLugano, seconda edizione per il trofeo dedicato a Borradori

La 10 chilometri CityRun in programma il 10 settembre aggiudicherà il titolo speciale in memoria del sindaco scomparso un anno fa
Locarnese
1 ora

Muralto, prosegue la rassegna Jazz al lago

Giovedì 11 agosto alla Palma au Lac si esibisce il ‘Cool guitar trio’; musica dalle 19 alle 22
Bellinzonese
1 ora

PerBacco! è già tempo di Festa della vendemmia a Bellinzona

La manifestazione invaderà il centro storico cittadino dal 1° al 4 settembre
gallery
Bellinzonese
2 ore

L’alpe Arami di Gorduno diventa ‘un patrimonio di tutti’

Inaugurato l’importante lavoro di recupero e ristrutturazione della baita con ristorazione, dotata di dormitorio, e dei pascoli
Mendrisiotto
2 ore

Otr Mendrisiotto forma altri due selvicoltori

L’Organizzazione turistica regionale dà anche il benvenuto alle nuove leve. Ci sarà per la prima volta anche una donna
Bellinzonese
2 ore

La musica di montagna al lavatoio di Mascengo

Appuntamento giovedì 11 agosto col folclore ticinese e italiano
Luganese
3 ore

Viganello, grave un inquilino caduto nel palazzo

Nella notte un uomo è rimasto ferito sul balcone tetto dello stabile. Sul posto l’intervento degli agenti della Polizia cantonale e cittadina
Locarnese
3 ore

Ascona, Campionato ticinese di lancio del sasso

Uomini e donne in gara sabato prossimo, sulla pedana allestita presso l’autosilo comunale
Locarnese
4 ore

Pre-asilo Pardy, iscrizioni sempre aperte

Vi sono ancora alcuni posti disponibili per bimbi dai due anni in su
04.08.2022 - 08:35
Aggiornamento: 15:13

Gestione del lupo, Sommaruga invitata a guardare la realtà

L’architetto valmaggese Germano Mattei scrive alla consigliera federale per ottenere misure drastiche di contenimento del predatore

"La situazione sul fronte della gestione del lupo, in Ticino, è completamente fuori controllo. Servono interventi drastici o saranno poi gli stessi allevatori a prendere le dovute contromisure. Le azioni preventive consigliate non sono applicabili. Serve un decreto federale urgente che consenta di risolvere, una volta per tutte, il problema’. La richiesta, indirizzata direttamente alla consigliera federale Simonetta Sommaruga, è contenuta in un’e-mail inviata il 2 agosto, con copia ai collaboratori dell’Ufficio federale dell’ambiente, al presidente della Confederazione Ignazio Cassis, da Germano Mattei, copresidente Associazione Svizzera per la protezione del territorio dai grandi predatori.

Un numero di avvistamenti e predazioni senza precedenti

"Mai come in questa stagione vi sono stati tanti avvistamenti e predazioni da lupi in Svizzera – annota l’architetto valmaggese –, Lei Signora Consigliera federale, davanti al Consiglio nazionale, a marzo, ha dichiarato che in Svizzera è accertato un aumento annuo del 30% e che a quel giorno almeno 150 lupi erano presenti sul territorio nazionale. Sicuramente oggi sono molti di più considerate le cucciolate intervenute. Cinque Cantoni – Grigioni, Uri, Vallese, Vaud e Glarona – hanno decretato in questi ultimi giorni degli abbattimenti. Alcuni di questi prelievi sono già avvenuti. Il Ticino, nonostante decine e decine di predazioni, nessun abbattimento è stato decretato, situazione che fa imbestialire allevatori, alpigiani e le popolazioni delle regioni di montagna".

‘Misure di protezione inapplicabili, non è più tempo di tergiversare’

In questo contesto, la sola vicinanza al settore agricolo e dell’allevamento da parte delle istituzioni non basta più: "La situazione in Ticino e sulle Alpi svizzere è attualmente completamente fuori controllo, drammatica oso affermare. Lei, il Consiglio federale e suoi funzionari state tirando in giro coloro che lavorano e gestiscono, con grande fatica, il territorio, coloro che allevano animali da reddito, ovini e caprini in particolare. La situazione, a un terzo del periodo d’alpeggio, è insopportabile, avvilente, psicologicamente oppressiva. Occorrono misure immediate, celeri modifiche di regolamentazioni obsolete e di misure di protezione inapplicabili. Bisogna decidere immediatamente sull’abbattimento, è necessario senza mezzi termini un decreto federale urgente sulla regolazione dei lupi e delle mute. Nel territorio numerose persone, oneste e lavoratrici, sono pronte a prendere misure di autodifesa nel caso che la politica non intervenga. Non è più tempo di tergiversare, bisogna agire subito ancora in questi giorni. Demandare misure al 2023 o al 2024 sarà troppo tardi".

Lo sconfinamento dei lupi

"Vi è pure un problema transfrontaliero di migrazione di lupi che richiede l’intervento del Dipartimento degli esteri che ci legge in copia. Oltre 900 lupi sono alle frontiere dell’arco alpino dalla Slovenia alla Francia e il Ticino, i Grigioni e il Vallese, per esempio, ne stanno facendo pesantemente le spese". L’Associazione mantello svizzera che si batte per un maggior controllo dei predatori è preoccupata per il futuro del settore rurale e della pastorizia e per questo invita Sommaruga a "visitare le nostre regioni e valli di montagna. Vedere di persona situazioni indicibili e parlare con gli allevatori toccati dalle predazioni, anche in situazioni di perfetta protezione. Noi siamo pronti ad accompagnarla, attendiamo un suo cenno".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
germano mattei gestione lupi situazione sommaruga
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved