pulcini-malati-importati-illegalmente-azienda-sequestrata
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
29 min

Russo, lavori agricoli nella campagna Grande

Prosegue il lavoro nell’ambito del progetto di riqualifica di questi terreni in alta Onsernone
Gallery
Luganese
1 ora

Centra lo spartitraffico e si rovescia su un fianco: è grave

Serie ferite per l’uomo rimasto vittima di un incidente nella notte in via San Gottardo a Lugano, poco prima del tunnel di Besso
Bellinzonese
2 ore

Esce di strada con l’auto che poi prende fuoco: grave una 20enne

L’incidente è avvenuto attorno alle 23.30 sulla strada cantonale all’altezza di Gorduno: strada chiusa per i rilievi del caso fino alle 4.30
Ticino
2 ore

Una notte di tuoni, acqua (tanta acqua) e grandine

Un fronte di maltempo particolarmente attivo ha spazzato nella notte il Ticino. Provocando diversi disagi, come nelle Centovalli
Gallery
Grigioni
2 ore

Grave incidente in galleria a Pian San Giacomo

Tre le auto coinvolte nel botto all’interno del tunnel Cianca Presella. Quattro i feriti, di cui uno in modo grave
Mendrisiotto
4 ore

Breggia, sulla scuola dell’infanzia è referendum

Sinistra e Verdi pronti a costituire un Comitato e a coinvolgere la popolazione. ‘L’investimento è oneroso. È tempo di fissare delle priorità’
Mendrisiotto
13 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
15 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
15 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
15 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
16 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
16 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
16 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. Intanto trasmessi a Berna i documenti per il metrò alpino
Ticino
16 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
16 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
17 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
17 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
17 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
20.05.2022 - 15:28
Aggiornamento: 18:41

Pulcini malati importati illegalmente, azienda sequestrata

Nei piccoli volatili è stato riscontrato il virus della malattia di Newcastle. L’intervento è avvenuto nel Locarnese

È del Locarnese, secondo nostre informazioni, l’azienda agricola posta sotto sequestro in seguito al rilevamento del virus della malattia di Newcastle in trenta pulcini importati illegalmente dall’Italia. La notizia del sequestro (senza peraltro precisare la località) arriva dall’Ufficio del veterinario cantonale del Dipartimento della sanità e della socialità. L’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (Usav) ha confermato la presenza del virus in seguito alle analisi effettuate.

I pulcini erano stati sottoposti a eutanasia, su disposizione dell’Ufficio del veterinario cantonale (Uvc), valutati i rischi legati alla possibilità d’introduzione di epizoozie.

Il rischio di contagio è ritenuto fortunatamente contenuto, in considerazione del fatto che i pulcini importati non hanno avuto contatti diretti con altro pollame. Le indagini nell’azienda sono tuttora in corso. È presumibile che, sulla base delle indicazioni sinora raccolte, i pulcini fossero stati vaccinati in Italia.

L’Ufficio del veterinario cantonale ricorda che la vaccinazione contro la malattia di Newcastle è vietata in Svizzera, in quanto la Svizzera è ufficialmente riconosciuta come esente da questa malattia. Importare illegalmente animali costituisce una seria minaccia per la salute degli animali locali.

Nei confronti della persona che ha importato illecitamente i pulcini sarà aperta una procedura contravvenzionale.

«La scoperta dei pulcini risale alla fine della settimana scorsa», precisa il veterinario cantonale Luca Bacciarini, senza peraltro fornire dettagli sull’ubicazione dell’azienda in questione, limitandosi a dire che si tratta di un’azienda ticinese. Poi entra nello specifico della malattia di Newcastle, «che è di tipo virale, e che va a colpire l’apparato respiratorio. Questo provoca un generale indebolimento delle condizioni dell’animale e, in generale, perdita di appetito e difficoltà respiratorie. Si possono però verificare anche lesioni di altri organi, e in particolare dell’apparato riproduttivo. Cosa che nel caso di una gallina ovaiola si manifesta con uova deformate o sprovviste di guscio protettivo. Anche dal livello di produzione, l’infezione dalla malattia di Newcastle provoca un sensibile caso della produzione, fin anche dell’80%».

Un virus mortale? «Non per forza di cose, ma è comunque vero che fra i pulcini il tasso di mortalità è relativamente elevato».

Esiste una profilassi per questi animali infetti? «No, sfortunatamente la malattia di Newcastle non è curabile. Ciò che in Svizzera si è riusciti a fare nel corso degli ultimi decenni è stato quello di debellare per intero questa malattia, che dunque da noi non c’è più. E per preservare questa ‘immunità’ sul territorio nazionale si è deciso di agire alla fonte, introducendo i controlli all’importazione: si può sì importare in Svizzera pollame (che siano pulcini, galline o anche uova da cova), ma esclusivamente se accompagnate da un certificato veterinario ufficiale che attesti la buona salute degli animali (che non devono nemmeno essere vaccinati), tanto dalla malattia di Newcastle quanto da altre malattie, come la salmonella. Cosa che, nel caso in questione, non è avvenuta».

Anche perché nel caso in questione l’importazione è verosimilmente avvenuta nell’ambito di un acquisto di mangimi: è infatti usanza diffusa, soprattutto nel nord Italia, regalare del pollame, ma anche delle uova o dei pulcini, quando si acquistano grandi quantitativi di mangime per il pollame. Cosa che, appunto, dovrebbe con tutta probabilità essere capitato anche nel caso in questione. «In questi casi, poi, è anche difficile risalire alla provenienza esatta di questi animali...».

Come mai anche gli animali vaccinati non possono essere importati? «Seppure in forma attenuata, il vaccino contiene comunque il virus, e dunque in rari casi può provocare la malattia, o trasmetterla ad altri animali. Il rischio è che con le analisi non si riesca più a determinare se la presenza del virus in un determinato animale sia data dalla presenza effettiva della malattia oppure dalla vaccinazione. In più, appunto, importando un animale vaccinato, il rischio è che poi altri animali sani possano sviluppare la malattia e diffonderla a loro volta. Per questo è fondamentale che tutti gli animali da reddito, e non mi riferisco unicamente al pollame, cani e gatti compresi, che vengono importati devono avere la relativa documentazione in regola». Purtroppo spesso queste direttive non vengono osservate alla lettera, pesando che non succeda niente. Ma poi, quando qualcosa va storto, si rischia di fare un danno anche di una certa rilevanza, col rischio di mettere in pericolo anche molti altri animali.

E per l’essere umano, che pericoli ci sono? «Di per sé, nella maggior parte dei casi, la malattia di Newcastle non crea problemi all’essere umano. Per quelli che sono stati a lungo in contatto con animali infettati da questo virus è possibile che si presentino problemi oculari. Ad ogni modo si tratta di rari casi».

A Pazzallo, nel 2017, 6mila galline eliminate

La malattia di Newcastle si è diffusa in Ticino già diversi anni decenni fa, addirittura i primi casi risalgono al 1973. Fece scalpore, in tempi a noi più vicini, nel 2017, l’intervento dell’Ufficio del veterinario cantonale (diretto allora da Tullio Vanzetti) in un allevamento di pollame di Pazzallo, dove questa pericolosa malattia si era diffusa, portando all’eliminazione di 6mila galline infette.
In quel caso era stato lo stesso titolare dell’azienda a informare le autorità sanitarie cantonali dell’esistenza della patologia. L’allevamento era stato posto sotto sequestro e una trentina di militi della protezione civile equipaggiati di tutto punto, si era occupata della disinfezione degli spazi. Addirittura a scopo preventivo era stata perimetrata una zona di protezione dal raggio di tre chilometri dal focolaio. Inoltre, anche ai proprietari era stato vietato di accedere ad altri allevamenti per un lasso di tempo determinato. La Sezione dell’agricoltura aveva infine incaricato alcuni suoi funzionari di procedere con controlli a campione in allevamenti presenti nelle vicinanze.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
malattia newcastle pulcini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved