discarica-di-riveo-perche-tocca-al-comune-passare-alla-cassa
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Luganese
2 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
5 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
5 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
11 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
13 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
20 ore

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
20 ore

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
20 ore

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
11.02.2022 - 15:36
Aggiornamento: 16:31

Discarica di Riveo, ‘perché tocca al Comune passare alla cassa?’

Interrogazione al Municipio di Maggia di Lega/Udc/Agrari e Ppd sui costi della bonifica dell’area inquinata da una ditta e di proprietà dei Patriziati

Bonifica del comparto di Riveo, c’è chi vuole vederci un po’ più chiaro. È il caso del Gruppo Lega – Udc / Svp / Ex Agrari - Indipendenti e del Ppd+Gg di Maggia, che al riguardo ha presentato al Municipio un’interrogazione. “Nell’ultimo Consiglio comunale di Maggia, è stata sollevata la questione inerente al risanamento dovuto a inquinamento del comparto occupato a suo tempo dalla società Graniti Bionda Sa. A tal proposito, nel corso della seduta, come pure tra la popolazione, sono sorti diversi interrogativi sui quali ci sembra importante fare chiarezza” – osservano in entrata i firmatari. “Quali consiglieri comunali riteniamo doveroso avere maggiori informazioni in merito, ma soprattutto capire quale ruolo e posizione intende assumere il Municipio. È un dato di fatto che il sedime risulti essere inquinato, tanto quanto è comprovato che i proprietari dei fondi siano i Patriziati (Cevio, Linescio o Someo), come pure che il Municipio di Maggia abbia già anticipato denaro pubblico per provvedere al risanamento”. I consiglieri ritengono che l’Amministrazione (che ha sporto denuncia penale nei confronti della ditta responsabile degli inquinamenti) non abbia alcuna responsabilità al riguardo dell’accaduto; tuttavia l’ente è chiamato alla cassa. Per quale motivo? “Dal momento che l’esecutivo non ha mai violato i suoi doveri di controllo (vedi segnalazione fatta a suo tempo per iscritto al Cantone), ma che si tratta di questioni tra privati, nella fattispecie tra la società coinvolta e i Patriziati, non troviamo corretto che sia il Comune a farsene carico”. I firmatari ricordano pure che, al riguardo, c’è una sentenza del Tribunale federale che parla chiaro: “In caso d’inquinamento è da ritenersi responsabile in primo luogo chi ha cagionato il perturbamento o il pericolo. In condizioni più restrittive potrebbe essere reso responsabile anche chi è proprietario, questo solo però nel caso in cui abbia omesso di effettuare la dovuta vigilanza. Il Tf identifica fra gli enti responsabili chi ha sfruttato il sedime e chi ne è il proprietario, ma non il Comune dove sono ubicati i terreni”.

Da qui tutta una serie di domande, a sapere se i Patriziati coinvolti hanno già versato al Comune quanto quest’ultimo ha anticipato; se gli altri sedimi del comparto sono pure stati esaminati (caso affermativo con quali esiti? In caso negativo per quale motivo?); se vi sono dei preventivi inerenti al risanamento del citato fondo inquinato e per un’eventuale bonifica di tutto il comparto Riveo-Visletto; se l’Amministrazione ha inviato dei precetti esecutivi alla ditta responsabile del danno. Infine chiedono in quale misura questo intervento di bonifica ostacolerà il progetto di arginatura e di valorizzazione ambientale approvato nel 2014 e con quali conseguenze finanziarie.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bonifica inquinato interrogazione maggia riveo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved