ascona-e-a-una-svolta-la-copertura-della-pista-della-siberia
Il modellino
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
16 min

Una spazzatrice ‘verde’ e silenziosa per la Città di Locarno

Da mercoledì 10 agosto a pulire strade, ambienti esterni e interni e il centro storico (ma non solo) una macchina ad azionamento completamente elettrico.
Luganese
18 min

‘Quinta Svizzera’ da venerdì in riva al Ceresio

Lugano si prepara al 98esimo Congresso degli Svizzeri all’estero. Si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione
Luganese
24 min

Lugano, all’università parte un’altra formazione religiosa

La Facoltà di teologia propone un corso destinato a chi si occupa dell’insegnamento a scuola e non solo. Intervista a Don Emanuele Di Marco
Locarnese
28 min

Ponte Brolla, ultimi tiri obbligatori

Sabato e mercoledì per i militi ritardatari vi sarà la possibilità di sparare al poligono
Locarnese
1 ora

Mosogno, vi sono ancora alcuni roghi nel perimetro bruciato

Sotto osservazione l’incendio boschivo ai piedi del Pizzo della Croce. Previsti ulteriori lanci d’acqua con l’elicottero per scongiurare rischi
Locarnese
2 ore

Pedemonte, niente luci sulle strade tra le due e le cinque

La richiesta al Municipio, quale misura di risparmio energetico, è contenuta in una mozione inoltrata da Paolo Monotti
Mendrisiotto
4 ore

Sebastiano Gaffuri: ‘Otto anni a Bellinzona possono bastare’

Il sindaco di Breggia non correrà alle prossime elezioni cantonali. Con Natalia Ferrara, il Plr del Mendrisiotto perde così due uscenti su tre
Ticino
6 ore

‘Pensione statali, compensazioni necessarie e urgenti’

Il Ps: il Gran Consiglio va coinvolto tempestivamente sulle misure contro il peggioramento delle rendite a causa della riduzione del tasso di conversione
Ticino
6 ore

Dormiamo meno e peggio. Con gravi rischi, specie per i giovani

Il mito della performance e i dispositivi elettronici stanno compromettendo sempre più qualità di sonno e veglia dei ticinesi. Il punto col Prof. Manconi
Locarnese
17 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
17 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
17 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
17 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
laR
 
04.02.2022 - 05:30
Aggiornamento: 18:07

Ascona, è a una svolta la copertura della pista della Siberia

Dopo l’adesione al progetto da parte dei Comuni locarnesi, si inizia una raccolta fondi rivolta a società e privati

Passi avanti per il progetto di copertura della pista di ghiaccio della Siberia ad Ascona. Una costruzione che potrebbe sorgere già nel corso del 2023 e che costerà circa 2,2 milioni di franchi.

Recentemente il Borgo aveva chiesto ai Comuni del Locarnese una loro adesione di principio, con relativi sostegni finanziari. La risposta è stata positiva e quasi tutti hanno confermato l’interesse e la partecipazione alla spesa.

Ora è partita anche una raccolta fondi, rivolta ai privati, ai club, alle società sportive e ad altri enti. I dettagli sono sul sito www.lokalhelden.ch/it/siberia-ascona. A lanciare questa iniziativa sono stati tre sodalizi che fanno capo alla pista: il Club pattinaggio Ascona (Fabio Ferraro), il Curling club Ascona (Domenico Riccio) e l’Hockey club Ascona (Paolo Monotti).

A illustrarci i dettagli è Ferraro: «Dopo che era sfumata la proposta di una pista di ghiaccio coperta sul sedime ex caserma a Losone, abbiamo deciso di comune accordo di elaborare un nuovo progetto che ha visto la luce grazie alle conoscenze professionali dell’ingegner Domenico Riccio. Abbiamo valutato diverse soluzioni tecniche e optato per una copertura longitudinale ad arco, eseguita in legno». Per il preventivo sono state interpellate imprese specializzate e nel progetto è pure stato inserito un impianto fotovoltaico, con interessanti ricadute finanziarie ed ecologiche. È stato quindi allestito un “modello” in scala della nuova infrastruttura e il tutto è stato presentato al Municipio di Ascona il quale sarà committente e realizzatore dell’opera. «Le autorità comunali hanno mostrato molto interesse – prosegue Ferraro –. L’analisi approfondita di fattibilità e dei costi da parte dell’Ufficio tecnico comunale ha dato esiti positivi». Il passo successivo: la variante di Piano regolatore, già approvata e cresciuta in giudicato.

Progetto condiviso

In seguito il Municipio ha chiesto la partecipazione alle spese ai Comuni della regione: «Molti di loro, consci della valenza regionale dell’opera, hanno confermato la volontà di contribuire finanziariamente alla realizzazione della copertura – afferma il sindaco Luca Pissoglio –. I contributi che giungeranno dalla ricerca fondi, aiuterà le autorità politiche a difendere il progetto verso le giuste istanze; significherà che anche la popolazione vede la necessità di questa copertura».

E lo stesso sindaco aggiunge: «Per quest’opera siamo partiti da lontano. Abbiamo sondato le autorità delle località locarnesi per sapere se ritenevano il progetto d’interesse regionale. In effetti per decenni Ascona ha investito milioni nella Siberia senza chiedere un franco. Basti pensare alla manutenzione ordinaria di 250-300mila franchi annui, agli investimenti per il ristorante e la tribuna... Il sondaggio ci ha permesso di capire se stavamo facendo qualcosa di utile mantenendo questa struttura. Il fatto che molti Comuni abbiano dato la loro adesione di principio ci rassicura, anche perché l’investimento totale per la copertura è sì di 2,2 milioni, e ne chiediamo 1,5, ma poi noi dobbiamo cambiare il motore di raffreddamento (quello attuale non è più idoneo secondo le direttive) e piallare la piastra; il tutto per altri 600mila franchi. Quindi è un investimento importante e il fatto che la popolazione partecipi a questa raccolta avrà un enorme peso sulle decisioni dei legislativi».

Il piano finanziario

Per la copertura il costo sarà di 2,2 milioni di franchi: 1,5 milioni sarà assicurato dai Comuni; circa 300mila franchi dovrebbero giungere dal contributo Sport Toto e circa 50mila dal sussidio della Promozione energetica federale. La parte restante (attorno ai 300mila franchi) è attesa dagli sponsor privati. Uno di questi, la Banca Raiffeisen Losone Pedemonte Vallemaggia, ha già confermato un contributo di 100mila franchi. La raccolta fondi, avallata dal Comune (che la lancia anche sul sito www.ascona.ch), ha come obiettivo di raccogliere altri 200mila franchi circa in una novantina di giorni. «Questo progetto è di enorme importanza per lo sviluppo e la continuità degli sport del ghiaccio della nostra regione, che affondano le proprie radici molto lontano nel tempo – conclude Ferraro –. Oltre che a dare la possibilità a migliaia di ragazzi di poter praticare il proprio sport o semplicemente divertirsi sul ghiaccio in condizioni appropriate, è data l’opportunità a tutti, anche ai privati cittadini, di contribuire alla realizzazione di questa copertura, che significa anche realizzare i sogni dei nostri ragazzi».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ascona copertura siberia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved