terre-di-pedemonte-nei-nuclei-storici-scende-la-velocita
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano

Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
1 ora

Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio

Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
1 ora

‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’

Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Mendrisiotto
7 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
7 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
11 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
12 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
12 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
Luganese
12 ore

Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti

Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
12 ore

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
12 ore

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Mendrisiotto
12 ore

Si allarga il gremio dell’Ente regionale per lo sport

L’assemblea accoglie Vacallo. In vista anche l’ingresso di Balerna e Brusino Arsizio. Vistati regolamento e statuti
Mendrisiotto
12 ore

Al Serpiano si possono provare le hand bike

L’associazione Ti-Rex Sport ne ha acquistate quattro, che sarà possibile noleggiare per provare il percorso inaugurato lo scorso anno
laR
 
17.01.2022 - 05:30
Aggiornamento : 07:14

Terre di Pedemonte, nei nuclei storici scende la velocità

A Verscio e Cavigliano si punta alla Zona 30, mentre vari progetti accresceranno la sicurezza degli utenti deboli della strada nel comprensorio

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La concezione dello spazio stradale all’interno del Comune delle Terre di Pedemonte (e, più in particolare l’attraversamento dei tre nuclei abitati di Tegna, Verscio e Cavigliano) è un tema che impegna l’autorità municipale da diverse legislature. La strada cantonale e la ferrovia che attraversano le tre frazioni, infatti, da sempre costituiscono una cesura dei territori. Scartati, negli anni Ottanta, faraonici progetti di gallerie di circonvallazione degli abitati, oggi ancora questa è la particolarità urbanistica con la quale gli abitanti devono convivere. E non è che le cose cambieranno radicalmente in un futuro prossimo.

Una petizione per chiedere ulteriori misure

Gli interventi di moderazione del traffico introdotti nelle ultime legislature per rispondere alle criticità emerse nel corso delle analisi hanno portato a un sensibile miglioramento della situazione dal punto di vista della sicurezza per gli utenti deboli della strada. Ma, a detta di alcuni, ancora non bastano. La scorsa estate è stata consegnata alla Cancelleria una petizione riguardante in particolare la pericolosità della strada principale nel nucleo di Tegna, con la richiesta d’introduzione, urgente, della zona 30. Petizione sulla quale si è poi innestata, lo corso mese di novembre, anche un’interrogazione al Municipio da parte del gruppo LiSA relativa a modifiche apportate al progetto a suo tempo sottoposto al parere del legislativo e relativo all’area della Piazza Gottardo Zurini.

Comune-Dipartimento, non sempre i piani vanno come si vorrebbe

Questi, rispondendo alle richieste, fa innanzitutto il punto alla situazione e ricorda quanto fatto a favore della mobilità lenta. Con una premessa d’obbligo: il raggiungimento di questo obiettivo ha comportato interventi coordinati con le autorità cantonali preposte; non sempre, però, i piani elaborati dall’Esecutivo pedemontano per dare una soluzione ai problemi del traffico hanno trovato l’appoggio indispensabile degli uffici del Dipartimento del Territorio. Ed è ad esempio quanto successo in occasione della sistemazione della nuova Piazza di Tegna, dove l’attraversamento pedonale previsto non ha potuto essere realizzato in quanto l’area di attesa dei pedoni, lato nord, coincide con un accesso veicolare privato. Ciò che non permette dunque un attraversamento stradale in tutta sicurezza. I pedoni sono infattri tenuti a far capo alle strisce presenti nelle vicinanze, anche se a rigor di logica ciò non appare certo molto pratico. A ogni buon conto, il Municipio ricorda come ci siano ancora alcune questioni del progetto originale votato dal Cc che non sono ancora state portate a compimento, come la posa di una fascia colorata sulla corsia stradale che va completata tra Predasco e Verscio.

Sicurezza di pedoni e ciclisti, molto è già stato fatto

Interventi di moderazione, come limiti di velocità ridotti a trenta chilometri orari ed elementi urbanistici e planimetrici contribuiscono a ridurre il traffico, i rischi e l’inquinamento, restituendo gli spazi ai cittadini. Ed è in questa direzione che si sta muovendo l’Amministrazione per rendere meno pericolosa la convivenza pedoni-motori. Non a caso nelle prossime settimane sarà messo in pubblicazione il progetto per l’introduzione della zona 30 lungo i segmenti dei nuclei di Cavigliano e Verscio (per Tegna, visto il calibro della strada, questa richiesta non è fattibile). Se non vi saranno complicazioni nella prima parte del nuovo anno la misura verrà introdotta.
Oltre alla zona a velocità ridotta nei centri abitati, altri interventi sono allo studio per accrescere la sicurezza nel comprensorio. Citiamo il completamento del marciapiede tra Verscio e Cavigliano, la passerella ciclopedonale che unirà le campagne di Verscio e Tegna offrendo ai ciclisti un percorso alternativo (il credito per la costruzione del manufatto dovrebbe approdare sui banchi del legislativo a fine marzo); saranno migliorate e rinnovate le pitture orizzontali sulle strade, la segnaletica, i percorsi pedonali di accesso alle stazioni ferroviarie (in concomitanza con l’adeguamento alle normative della Legge sui disabili delle fermate della Centovallina).
Con la realizzazione di quanto descritto si pongono le basi per un’ulteriore opera di sensibilizzazione dell’opinione pubblica in tema di sicurezza stradale e del rispetto delle utenze deboli rappresentate da ciclisti e pedoni, per arrivare gradualmente a un comprensorio da condividere equamente con il traffico a motore.

Leggi anche:

Tegna, petizione e interrogazione sulla strada

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
30 km/h abitati pedemonte sicurezza velocità
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved