discariche-abusive-a-riveo-materiale-rimosso
Immagine tratta dalla piattaforma Medium.com
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Luganese
4 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
6 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
6 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
12 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
14 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
21 ore

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
21 ore

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
21 ore

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
1 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
1 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
1 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
1 gior

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
1 gior

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
laR
 
12.01.2022 - 05:25

Discariche abusive a Riveo, materiale rimosso

Il governo risponde a un’interrogazione del Ps e ribadisce: per la zona ‘Lavorazione della pietra’ è previsto un Piano di quartiere

Una situazione d’incuria e di degrado con due discariche abusive. La segnalazione riguardava due zone protette, una boschiva e l’altra in golena, a Riveo in territorio di Cevio ed era stata pubblicata lo scorso 23 settembre dalla piattaforma online “medium”. Ne era scaturita – il 6 ottobre – un’interrogazione al Consiglio di Stato (CdS), firmata da Daria Lepori e da altri deputati del Gruppo socialista, che, puntando il dito su discariche e sulla presenza di rifiuti edili, definiva grave la situazione.

Nei giorni scorsi è giunta la risposta del governo, dalla quale si viene a sapere che un intervento per sanare le deponie c’è stato. “A seguito della segnalazione ricevuta il 29 settembre 2021, il Dipartimento del territorio ha richiesto al Comune di Cevio l’organizzazione di un sopralluogo di constatazione, alla presenza del Patriziato di Cevio-Linescio e di una ditta privata. Il sopralluogo si è svolto il 6 ottobre, permettendo di constatare quanto rilevato nella piattaforma online. Al termine del sopralluogo è stata concordata la rimozione immediata dei rifiuti edili minerali presenti nell’area boschiva (croste di asfalto, calcestruzzo, un autocarro) e l’arretramento di cinque metri del materiale inerte presente sul ciglio del fiume. Gli interventi sono stati eseguiti il giorno seguente da parte della ditta interessata. Si fa inoltre presente che nello stesso settore vari depositi di materiale inerte pulito sono oggetto di sorveglianza e di misure di sgombero concordate tra la ditta interessata e le autorità comunale e cantonale”.

Fin qui gli interventi urgenti. Ma la situazione nel comparto – che è un’area per tradizione dedicata alla lavorazione della pietra – dovrà migliorare ulteriormente e i mezzi non mancano. “Le attività nel comparto in oggetto – spiega il CdS – sono regolate dal Piano regolatore intercomunale Riveo-Visletto, approvato il 22 marzo 2016. Questo importante strumento pianificatorio permette oggi, dopo decenni di attività senza regolamentazioni e disordine territoriale, di disporre di un quadro chiaro circa la delimitazione delle zone edificabili e delle relative norme di applicazione. Nello specifico, le norme relative alle zone artigianali “Lavorazione della pietra” e “Gestione scarti e altre materie prime locali” prevedono l’obbligo di un Piano di quartiere, allo scopo di promuovere lo sviluppo della filiera della pietra, dall’estrazione fino al riciclaggio degli scarti”. Un Piano di quartiere che è in corso di elaborazione da parte dei proprietari dei terreni (Patriziato di Cevio-Linescio, Comunella dei Patriziati di Cevio-Linescio-Someo e un privato): “Lo stesso permetterà di stabilire la tipologia e l’ubicazione delle diverse attività legate alla filiera della pietra e garantirà l’urbanizzazione del comparto”. Dal canto suo il Dt sta vigilando affinché i proprietari “procedano in tempi celeri all’elaborazione di questo piano, che una volta approvato permetterà alle singole ditte attive nel comparto di presentare delle domande di costruzione specifiche per le loro attività, completando il quadro pianificatorio ed edilizio. Questo processo, benché lungo e laborioso, ha il pregio di essere costruito a tappe permettendo di raggiungere un consenso a tutti i livelli (Comuni, Patriziati, imprese private). Ciò permetterà in futuro un utilizzo decisamente più ordinato dell’intero comparto, con regole chiare per chi vi lavora e strumenti adeguati per il controllo da parte delle autorità comunali e cantonali”.

Il progetto arginatura

Occorre ricordare che nel comparto si inserisce attualmente anche il “Progetto arginatura” ad opera del Comune di Maggia. Il progetto prevede in particolare la realizzazione di nuovi argini del corso d’acqua e il recupero di ampi spazi naturali legati alla dinamica fluviale, garantendo quindi una maggiore sicurezza e migliori condizioni per l’ambiente e la biodiversità, a beneficio dell’importante ecosistema naturale. La realizzazione delle opere durerà tre anni ed è già in corso. Stando al programma si concluderà entro la fine 2023. La nuova sistemazione garantirà una chiara delimitazione fra il comparto fluviale e il comparto artigianale.

Il Gruppo socialista ha pure chiesto lumi sulle sanzioni previste nella legge cantonale: “Hanno un effetto dissuasivo o dovrebbero essere inasprite per averlo?”. La risposta del governo: “Il dispositivo previsto nella legge edilizia in materia di opere abusive (sanzione pecuniaria e contravvenzione) è ritenuto sufficiente. Permette alle autorità competenti d’intervenire adeguatamente. Le infrazioni alla Legge sulla protezione dell’ambiente (LPAmb), alla Legge sulla protezione delle acque (LPAc) e alla Legge federale sulle foreste (LFo) possono inoltre essere punite in maniera indipendente rispetto al quadro pianificatorio ed edilizio. Si tratta tuttavia di infrazioni piuttosto gravi che fortunatamente non sono frequenti in questo comparto”. Negli ultimi due anni a Riveo è stata inflitta una sola multa legata alla messa in pericolo delle acque.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
discariche abusive interrogazione piano quartiere riveo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved