mulino-di-loco-il-canale-che-porta-alla-farina
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
41 sec

Mesocco, alla chiesa di Santa Maria il gruppo Effimere Corde

La nuova stagione dei concerti del Centro culturale di circolo ripartirà sabato 28 maggio alle ore 20 in una nuova sede
Luganese
7 min

Conferenza sull‘Ucraina a Lugano: ’Non a porte chiuse’

La Piattaforma delle Ong svizzere per i diritti umani chiede al Consiglio federale di coinvolgere la società civile
Bellinzonese
18 min

Malvaglia, nuova pavimentazione della strada cantonale

Da lunedì 30 maggio a venerdì 16 settembre previste lievi perturbazioni alla circolazione nella tratta fra zona Orino e zona Brugaio
Bellinzonese
48 min

Acquarossa, grigliata della sezione Atte Blenio e Riviera

Domenica 12 giugno alle ore 12 al ristorante Rubino pranzo in compagnia; iscrizioni da effettuare entro il 4 giugno
Bellinzonese
1 ora

Sementina, accademia di fine stagione della Sfg

Dopo due anni di assenza, sabato 28 maggio ritorna la manifestazione nella palestra del Centro Ciossetto
Ticino
1 ora

Nessun paziente Covid nei reparti di cure intense in Ticino

Non si registrano decessi da una settimana. Domani l’ultimo report quotidiano: i dati pandemici cantonali saranno successivamente diffusi ogni mercoledi
Locarnese
1 ora

Rivapiana Rivasana a Minusio, e l’ambiente ringrazia

Un’ottantina di partecipanti all’operazione di ripulitura organizzata dall’Agis in collaborazione con l’Istituto scolastico e il Comune
Bellinzonese
3 ore

Sarà abbattuto il cedro secolare della Chiesa evangelica

Bellinzona: una malattia ha compromesso la stabilità della pianta secolare divenuta negli anni simbolo per i fedeli. Il pastore: ‘Non facile convincerli’
Mendrisiotto
6 ore

I momò si preparano al Tour de Suisse e aspettano il ‘loro’ Gino

Nel Distretto è presente l’unico fans club di Gino Mäder. ‘Siamo nati per caso a Innsbruck’. E per il 16 giungo si pensa a una ‘Casa Gino’.
Gallery
Locarnese
6 ore

Tegna: quel tesoro verde da valorizzare

Il querceto nei pressi del campo sportivo, un unicum dal profilo naturalistico, è al centro di un progetto selvicolturale di recupero e sfruttamento
Luganese
6 ore

Polizia del Vedeggio: un terzo degli agenti sotto inchiesta

Aperta un’indagine amministrativa, coinvolto il vicecomandante, ora sospeso. Si parla di violazioni ai regolamenti di servizio.
Mendrisiotto
13 ore

Corsia per i Tir, ‘non si accettano compromessi’

Il Consiglio comunale di Novazzano mette nero su bianco la sua ‘ferma opposizione’ al progetto firmato dall’Ustra
Ticino
14 ore

Refezione scuola infanzia, facoltativa per alcuni allievi

La maggioranza commissionale con il rapporto di Ghisletta
laR
 
27.12.2021 - 05:30
Aggiornamento : 16:36

Mulino di Loco, il canale che porta alla farina

La produzione di questo alimento tipico dell’Onsernone ha conosciuto una forte crescita e il Museo intende valorizzarla. Occorre riorganizzare gli spazi

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Un piccolo museo etnografico di valle più vivo e propositivo che mai. Basta scorrere quelli che sono i temi e i progetti che occuperanno comitato e curatori della realtà onsernonese a partire da gennaio del prossimo anno per rendersene conto. Ne citiamo solo alcuni dei più rilevanti, illustrati in occasione dell’Assemblea ordinaria tenutasi a Russo a fine novembre. Si va dall’allestimento di una nuova mostra temporanea a carattere tematico nella sezione dedicata al Novecento al rifacimento dell’allestimento permanente sulla storia dei mulini d’Onsernone all’interno del piano superiore del mulino di Loco; dal proseguimento della campagna di restauro delle opere di C.A. Meletta al potenziamento dell’impegno destinato alla catalogazione (in particolare dei documenti). Uscendo dalle quattro mura della sede, da segnalare che un altro edificio, il Mulino di Loco, sarà oggetto di un intervento. Durante il prossimo anno si spera infatti di trovare una soluzione definitiva alla carenza di spazio di deposito per merci e i materiali necessari alla produzione e allo smercio delle farine. A tal riguardo si è pensato di ricollocare la mostra permanente sulla storia dei mulini d’Onsernone, ciò che permetterà di ricavare spazi di stoccaggio integrati e “nascosti” nel nuovo allestimento.

La farina, storia di un alimento che piace

La nuova mostra (trilingue) permanente avrà l’obiettivo di mettere ulteriormente in valore la storia di successo delle farine onsernonesi e offrire ai visitatori un’occasione per meglio conoscere e apprezzare la rinascita di una filiera che, nei secoli, ha svolto una funzione vitale per l’economia di auto-sussistenza della valle. Testimonianza di una tecnologia molto antica che per secoli ha determinato l’approvvigionamento dei cereali agli onsernonesi, è stato costruito nel XVIII secolo e, ultimo nella valle, è rimasto in attività fino agli anni 70 del secolo scorso.
Il Museo Onsernonese lo ha acquistato nel 1985, non solo per salvaguardarlo come monumento storico, bensì anche per far rivivere la produzione tradizionale della farina di mais, sia come farina da polenta sia come “farina bóna” o “farina sec’a”. Inizialmente aperto al pubblico con uno scopo prevalentemente didattico, il mulino è ormai diventato anche una piccola realtà produttiva di successo. Grazie all’impegno profuso negli anni, le farine macinate a pietra e beneficiarie del marchio “Slow food” sono infatti riuscite a ritagliarsi una crescente fetta di mercato tra i prodotti artigianali ticinesi. Questo successo, che ha promosso un’immagine positiva dell’Onsernone verso l’esterno, ha altresì permesso al Museo di creare un posto di lavoro (a breve ne sarà creato un secondo) in una valle periferica alla ricerca di un nuovo percorso di sviluppo.

Dall’acqua del riale alla macina

Per questa storica struttura didattica, tuttavia, non si tratterà solamente di risolvere il problema degli spazi-deposito. C’è infatti da portare a termine il risanamento del canale d’adduzione “Mulègn du Mutt”, danneggiato dalle abbondanti nevicate dello scorso inverno e dalle successive precipitazioni d’acqua che hanno incrementato il peso della coltre nevosa, provocando il crollo di un lungo tratto del muro di sostegno del canale che porta l’acqua alla ruota. La condotta provvisoria posata in attesa della sistemazione del danno ha permesso di parare, in parte, il colpo. Nel frattempo ci si è però accorti che altre criticità rendono il vecchio canale poco stabile. Da qui la decisione di un intervento radicale. Vista l’importanza che il Mulino riveste per il Museo e la storia di successo che si è potuta costruire in questi ultimi anni, si è optato per il rifacimento dei 60 metri lineari rovinati dagli agenti atmosferici. I lavori sono intanto già iniziati, con un primo intervento di pulizia della roccia da tutta la vegetazione cresciuta nei decenni. Seguirà poi la demolizione delle parti instabili e il recupero di tutto il materiale riutilizzabile. Appoggiandosi su degli ancoraggi nella roccia, un nuovo muro di sostegno sarà costruito nel rispetto delle tecniche di costruzione tradizionali (muro a secco) e dei materiali (utilizzo di sassi di tipo antico). L’intervento si concluderà con l’impermeabilizzazione del canale e con il suo rivestimento con piode. La spesa necessaria a tale scopo si aggira sui 190mila franchi. Per finanziare l’investimento il comitato confida sull’aiuto di enti e fondazioni (30mila franchi saranno attinti direttamente dalle riserve del museo).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
farina mulino ripristino museo onsernonese
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved