Sampdoria
1
Lazio
3
fine
(0-3)
Juventus
0
Genoa
0
1. tempo
(0-0)
Langenthal
4
Ticino Rockets
1
fine
(0-0 : 4-1 : 0-0)
Visp
2
Kloten
6
fine
(1-2 : 1-3 : 0-1)
Zugo Academy
0
La Chaux de Fonds
6
fine
(0-3 : 0-3 : 0-0)
locarno-io-l-8-nessuna-di-quelle-morti-era-inevitabile
Ti-Press / S. Golay
L’azione lampo del tardo pomeriggio contro i femminicidi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
54 min

Mercatino di Santa Lucia a Massagno

Al via la 37esima edizione sabato 11 dicembre. Coinvolte numerose associazioni locali
Ticino
59 min

Agricoltura e pandemia: ‘Il settore ha saputo adattarsi’

Si è tenuta ieri la Camera cantonale. Grandi predatori e allevamento intensivo i temi più sentiti
Mendrisiotto
3 ore

Il Mendrisiotto piange Sergio Pescia

Figura del mondo culturale della regione, per trent’anni è stato alla guida del Museo della civiltà contadina di Stabio
Luganese
3 ore

Traffico di droga Italia-Albania-Lugano, 11 arresti

In manette il titolare di una società di trasporto merci con sede in città. Inchiesta condotta con la Divisione criminalità economica di Lugano
Locarnese
3 ore

Alzheimer, si riunisce il gruppo di auto aiuto Locarno

L’appuntamento è per il 9 dicembre nella sede Atte
Locarnese
3 ore

Montedato, concerto d’Avvento

Con il gruppo vocale spontaneo ‘VisagnoCanta’
Locarnese
3 ore

Riazzino, Karl Marx nel XXI secolo

‘Orizzonti filosofici’ ospita Sebastiano Maffettone
Luganese
3 ore

Rave party clandestino fino alle 8 nei boschi di Pura

Allertata la polizia di Lugano arrivata alle 3 quando la musica era spenta, così la pattuglia è rientrata in sede. Notte insonne per molti abitanti
Locarnese
3 ore

Associazione artigiani Vallemaggia, fondi per le bancarelle

Lanciato un appello per raccogliere la cifra che servirà a sostituire le strutture destinate ai mercatini
Bellinzonese
4 ore

Giubiasco, un calendario degli eventi natalizi

Tre appuntamenti organizzati dalla locale Associazione di quartiere e Società dei commercianti
Bellinzonese
4 ore

Film per famiglie in Leventina

Domenica 12 dicembre alle 17 al cinema ad Airolo
Locarnese
4 ore

Losone, modine per la nuova casa comunale

All’albo la domanda di costruzione per il progetto da 13,2 milioni di franchi
Locarnese
4 ore

Riprese locarnesi per il documentario su Patricia Highsmith

La troupe sta girando alla Cà di Ferro di Minusio
Grigioni
5 ore

San Bernardino: due persone ferite in un incidente

Il conducente ha perso il controllo dell’auto uscendo di strada e terminando la corsa in una scarpata
Locarnese
28.10.2021 - 19:000

Locarno, Io l’8: ‘Nessuna di quelle morti era inevitabile’

Si è tenuta oggi la prima di quattro azioni contro ‘un fenomeno che non è ineluttabile’ e contro cui va ripensato il sistema di protezione delle vittime

a cura de laRegione

“In 10 giorni in Svizzera sono stati commessi quattro femminicidi e un tentato femminicidio. Da inizio anno sono già 25 le donne uccise, principalmente dal marito, ex marito, compagno o ex compagno.
Siamo qui davanti alla Pretura di Locarno non solo per ricordare queste donne e per dimostrare la nostra sorellanza a tutte quelle che hanno lottato e che lottano contro la violenza maschile, ma anche per dire basta! Servono urgentemente delle misure adeguate per combattere questa strage”. Questo è il preambolo all’azione lampo portata davanti alla Pretura di Locarno, in Piazza Grande, dalle militanti del collettivo Io l’8 Ogni Giorno.

“Siamo stufe di sentirci dire, come è ancora successo in questi giorni, che tutto va bene, che esistono già dei servizi e degli strumenti per contrastare la violenza sulle donne e che non si può fare molto di più.
Nessuna di queste morti o di queste aggressioni era inevitabile. La violenza maschile sulle donne non è un fenomeno ineluttabile. Basta parlare di casi isolati, basta parlare di uomini malati! E basta limitare il problema alla sensibilizzazione e prevenzione”, si legge nel comunicato del collettivo.

A detta delle attiviste, “ben vengano tutte le campagne di prevenzione serie e a larga diffusione”, ma “la sensibilizzazione non deve diventare la foglia di fico dietro cui si celano le lacune di un sistema di protezione delle vittime che fa acqua da tutte le parti. E la dimostrazione viene proprio dal preoccupante aumento dei casi di violenza sulle donne”.

Inoltre, ribadiscono che non è più sostenibile far ricadere “tutta la responsabilità sulle donne, che sono loro a dover trovare il coraggio di lasciare gli uomini violenti e denunciare in una società e in un sistema che non le aiuta. Molte donne lottano per liberarsi da relazioni violente, ma il momento di maggior rischio è proprio quando la donna cerca di sottrarsi alla situazione di violenza. Le donne che denunciano quanto vengono veramente ascoltate e protette? I recenti casi di Zurigo e Locarno ci portano a rispondere non abbastanza”, si legge ancora.

Cosa non funziona e perché non si è ancora in grado di aiutare e proteggere le vittime di violenza?

“Oggi siamo davanti alla Pretura e le prossime settimane andremo davanti ad altri luoghi simbolici per formulare delle rivendicazioni concrete in ambito di politiche volte a contrastare la violenza sulle donne.
Alla Giustizia chiediamo delle leggi realmente in grado di riconoscere la gravità e pericolosità dei reati che subiamo in quanto donne e di difenderci e proteggerci davvero offrendo maggiori strumenti legislativi”.

Come una legge anti-stalking, che ancora oggi non è reato in Svizzera: “È difficilissimo per una donna dimostrare di essere vittima di un comportamento persecutorio. Quante di noi si sono sentite dire: ‘Signora, non le sembra di stare esagerando?’, ‘Signora, non possiamo farci nulla’, ‘Signora, è solo una velata minaccia!’, ‘Signora, ha pensato che se denuncia lui potrebbe divenire più pericoloso?’.
Le violenze sessuali, in particolare quelle commesse da partner o ex partner, sono difficilissime da dimostrare in tribunale e il nostro attuale ordinamento penale non considera nemmeno come violenza carnale uno stupro se la donna non dimostra di essersi opposta con ogni mezzo al suo aggressore, mettendo magari a rischio la sua stessa vita”.

Ma, continuano, “anche gli stessi provvedimenti restrittivi – privi di vere forme di controllo – si rivelano di fatto spesso inefficaci, come saranno purtroppo inefficaci anche i cinque braccialetti elettronici disponibili in Ticino dal prossimo anno, i cui dati di geolocalizzazione verranno verificati solo a posteriori e che non permetteranno un intervento immediato delle forze dell’ordine in caso di mancato rispetto del distanziamento”.

Infine le militanti chiedono che “la giustizia adotti provvedimenti legislativi che permettano di facilitare la possibilità di denunciare e ottenere protezione, che ci si attivi fin da subito – per esempio mediante perizie psichiatriche – per appurare la pericolosità di chi già ha esercitato delle violenze o minaccia di compierle. Chiediamo che le donne che ottengono un provvedimento restrittivo possano avvalersi, se lo vogliono, di un dispositivo che permetta loro di segnalare immediatamente alla polizia una situazione di pericolo”.

Ancora tre luoghi simbolici in cui rivendicare

Queste sono solo alcune rivendicazioni di una più ampia lista di proposte concrete che il Collettivo Io l’8 ogni giorno ha già iniziato a elaborare lo scorso anno nel Piano d’azione femminista per l’eliminazione della violenza sulle donne e che continuerà a elaborare collettivamente. “E non smetteremo nemmeno di scendere in strada per far sentire la nostra voce e la nostra rabbia. Lo faremo anche il 25 novembre – in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne – e invitiamo tutte e tutti a partecipare alla Manifest-Azione, perché se toccano una, rispondiamo tutte”, concludono.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved