locarno-io-l-8-nessuna-di-quelle-morti-era-inevitabile
Ti-Press / S. Golay
L’azione lampo del tardo pomeriggio contro i femminicidi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
6 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
7 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
11 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
13 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
15 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
15 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
28.10.2021 - 19:00

Locarno, Io l’8: ‘Nessuna di quelle morti era inevitabile’

Si è tenuta oggi la prima di quattro azioni contro ‘un fenomeno che non è ineluttabile’ e contro cui va ripensato il sistema di protezione delle vittime

“In 10 giorni in Svizzera sono stati commessi quattro femminicidi e un tentato femminicidio. Da inizio anno sono già 25 le donne uccise, principalmente dal marito, ex marito, compagno o ex compagno.
Siamo qui davanti alla Pretura di Locarno non solo per ricordare queste donne e per dimostrare la nostra sorellanza a tutte quelle che hanno lottato e che lottano contro la violenza maschile, ma anche per dire basta! Servono urgentemente delle misure adeguate per combattere questa strage”. Questo è il preambolo all’azione lampo portata davanti alla Pretura di Locarno, in Piazza Grande, dalle militanti del collettivo Io l’8 Ogni Giorno.

“Siamo stufe di sentirci dire, come è ancora successo in questi giorni, che tutto va bene, che esistono già dei servizi e degli strumenti per contrastare la violenza sulle donne e che non si può fare molto di più.
Nessuna di queste morti o di queste aggressioni era inevitabile. La violenza maschile sulle donne non è un fenomeno ineluttabile. Basta parlare di casi isolati, basta parlare di uomini malati! E basta limitare il problema alla sensibilizzazione e prevenzione”, si legge nel comunicato del collettivo.

A detta delle attiviste, “ben vengano tutte le campagne di prevenzione serie e a larga diffusione”, ma “la sensibilizzazione non deve diventare la foglia di fico dietro cui si celano le lacune di un sistema di protezione delle vittime che fa acqua da tutte le parti. E la dimostrazione viene proprio dal preoccupante aumento dei casi di violenza sulle donne”.

Inoltre, ribadiscono che non è più sostenibile far ricadere “tutta la responsabilità sulle donne, che sono loro a dover trovare il coraggio di lasciare gli uomini violenti e denunciare in una società e in un sistema che non le aiuta. Molte donne lottano per liberarsi da relazioni violente, ma il momento di maggior rischio è proprio quando la donna cerca di sottrarsi alla situazione di violenza. Le donne che denunciano quanto vengono veramente ascoltate e protette? I recenti casi di Zurigo e Locarno ci portano a rispondere non abbastanza”, si legge ancora.

Cosa non funziona e perché non si è ancora in grado di aiutare e proteggere le vittime di violenza?

“Oggi siamo davanti alla Pretura e le prossime settimane andremo davanti ad altri luoghi simbolici per formulare delle rivendicazioni concrete in ambito di politiche volte a contrastare la violenza sulle donne.
Alla Giustizia chiediamo delle leggi realmente in grado di riconoscere la gravità e pericolosità dei reati che subiamo in quanto donne e di difenderci e proteggerci davvero offrendo maggiori strumenti legislativi”.

Come una legge anti-stalking, che ancora oggi non è reato in Svizzera: “È difficilissimo per una donna dimostrare di essere vittima di un comportamento persecutorio. Quante di noi si sono sentite dire: ‘Signora, non le sembra di stare esagerando?’, ‘Signora, non possiamo farci nulla’, ‘Signora, è solo una velata minaccia!’, ‘Signora, ha pensato che se denuncia lui potrebbe divenire più pericoloso?’.
Le violenze sessuali, in particolare quelle commesse da partner o ex partner, sono difficilissime da dimostrare in tribunale e il nostro attuale ordinamento penale non considera nemmeno come violenza carnale uno stupro se la donna non dimostra di essersi opposta con ogni mezzo al suo aggressore, mettendo magari a rischio la sua stessa vita”.

Ma, continuano, “anche gli stessi provvedimenti restrittivi – privi di vere forme di controllo – si rivelano di fatto spesso inefficaci, come saranno purtroppo inefficaci anche i cinque braccialetti elettronici disponibili in Ticino dal prossimo anno, i cui dati di geolocalizzazione verranno verificati solo a posteriori e che non permetteranno un intervento immediato delle forze dell’ordine in caso di mancato rispetto del distanziamento”.

Infine le militanti chiedono che “la giustizia adotti provvedimenti legislativi che permettano di facilitare la possibilità di denunciare e ottenere protezione, che ci si attivi fin da subito – per esempio mediante perizie psichiatriche – per appurare la pericolosità di chi già ha esercitato delle violenze o minaccia di compierle. Chiediamo che le donne che ottengono un provvedimento restrittivo possano avvalersi, se lo vogliono, di un dispositivo che permetta loro di segnalare immediatamente alla polizia una situazione di pericolo”.

Ancora tre luoghi simbolici in cui rivendicare

Queste sono solo alcune rivendicazioni di una più ampia lista di proposte concrete che il Collettivo Io l’8 ogni giorno ha già iniziato a elaborare lo scorso anno nel Piano d’azione femminista per l’eliminazione della violenza sulle donne e che continuerà a elaborare collettivamente. “E non smetteremo nemmeno di scendere in strada per far sentire la nostra voce e la nostra rabbia. Lo faremo anche il 25 novembre – in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne – e invitiamo tutte e tutti a partecipare alla Manifest-Azione, perché se toccano una, rispondiamo tutte”, concludono.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
femminicidi io 8 ogni giorno violenza donne
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved